Archivi

Alba ora ha anche uno sportello dell’Unione italiana dei ciechi

L’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti è l’associazione storica che a livello nazionale ha il compito di tutelare i diritti morali e materiali di chi vede poco o nulla. (altro…)

Al Museo Faraggiana nuovo percorso di visita multisensoriale

Un nuovo percorso di visita multisensoriale è stato realizzato al Museo Faraggiana di Novara.  (altro…)

L’Essenziale è invisibile agli occhi, le mostre per disabili visivi al Bargello

I Musei del Bargello di Firenze offriranno, a partire dal 31 maggio, una serie di visite e di laboratori multisensoriali riservati a persone con disabilità visive. (altro…)

Imparare a leggere libri digitali

Due corsi specifici, uno per le persone non vedenti, l’altro per le persone ipovedenti, in quattro diverse città (Milano, Varese, Bologna e Torino),  (altro…)

Sempre più ragazzi non vedenti analfabeti

L’allarme della fondazione Guderzo: in pochi imparano a leggere in Braille. (altro…)

Braille contro Tecnologia: ma è veramente una partita da giocare?

«Da tempo si dice che il codice di letto-scrittura Braille sia “alla resa dei conti”, che debba vedersela con la tecnologia. Ma è proprio così?  (altro…)

Pesaro. L’insegnante che fa imparare le lingue straniere ai ciechi

Eleonora Borromeo col suo “metodo” ha già accompagnato all’esame un gruppo di ipo e non vedenti, tutti promossi. (altro…)

Gli atti processuali e il Braille

«A cosa è servita l’istituzione di una Giornata Nazionale del Braille – scrive Gianluca Fava -, se poi l’importante metodo di scrittura non viene utilizzato  (altro…)

L’Unione italiana ciechi e ipovedenti aderisce a Fondazione Lia, Libri italiani accessibili

L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (Uici) aderisce alla Fondazione Lia (Libri Italiani Accessibili), diventandone partecipante istituzionale.  (altro…)

Braille e voto: un binomio efficace per elezioni più inclusive?

In Italia per gli elettori ciechi esiste solo la possibilità del voto assistito. Potrebbe (e come) il Braille favorire l’autonomia? (altro…)

Torna su ↑

Torna su