Archivi mensili: marzo 2018

Biella. Il bambino eritreo è sordo, la scuola si mobilita per lui

L’accoglienza diventa più facile nel paese dove fin da bambini si parla la lingua silenziosa dei segni.  (altro…)

Più cinema per tutti, “La la land” al Cinema Massimo

Con “La La Land” di Damien Chazelle, lunedì 26 marzo alle 20.30, riprendono al Cinema Massimo gli appuntamenti di Più cinema per tutti, il ciclo di proiezioni accessibili dell’AMNC. (altro…)

Una nuova tecnica sconfigge il glaucoma

Lo chiamano il killer silenzioso della vista perché molti non si accorgono di averlo e arrivano dall’oculista quando la situazione è fortemente compromessa. (altro…)

L’arte di audio-descrivere un film: un seminario di APRI onlus

Ha senso andare al cinema con un amico non vedente? Si può sentire offeso un cieco se gli propongo di guardare insieme un film alla TV?  (altro…)

La matematica diventa accessibile

Un team di ricercatori del Dipartimento di Matematica G. Peano dell’Università di Torino, guidato dalla Prof.ssa Anna Capietto, (altro…)

Le cestiste non udenti girano uno spot per pagarsi i Mondiali

Da Moncalieri a Washington, inseguendo un sogno. La nazionale femminile di pallacanestro non udenti girerà oggi uno spot promozionale in vista dei mondiali  (altro…)

Degenerazione maculare: recupero (parziale) della vista con staminali

Due anziani colpiti da degenerazione maculare legata all’età hanno recuperato parte della vista grazie a una sperimentazione con cellule staminali embrionali.  (altro…)

Venaria approva una mozione in favore delle persone sorde

E’ arrivata all’approvazione unanime la mozione, presentata dalla consigliera Barbara Virga e dal consigliere Salvatore Ippolito,  (altro…)

L’Istituto INVAT è un sogno divenuto realtà

Nato lo scorso anno, l’INVAT (Istituto Nazionale di Valutazione Ausili e Tecnologie), nuovo Ente collegato all’UICI (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti),  (altro…)

Le terapie geniche restituiscono l’udito

Circa un bambino su 700 nasce con una sordità profonda o severa. Un deficit di origine genetica che riguarda tra il 60 e l’80% dei casi.  (altro…)

Torna su ↑

Torna su