InformAmbiente





Qualità dell'aria a Torino

Ultimo aggiornamento 29.07.2016, 09:32

Qual'è lo stato di qualità dell'aria a Torino?

italia vista satellite

Torino è situata nell'area più industrializzata d'Italia e tra le più industrializzate d'Europa. Le emissioni di sostanze inquinanti sono quindi particolarmente alte. Inoltre la pianura padana è caratterizzata da una conformazione morfologica che rende difficoltosa la dispersione degli inquinanti stessi.

Ciò nonostante, negli ultimi 30 anni la qualità dell'aria a Torino è migliorata in modo significativo.

Fin dagli anni '70 sono state adottate politiche per la riduzione degli agenti chimici diffusi nell'aria. Queste politiche hanno dato buoni risultati, permettendo significative riduzioni del biossido di zolfo (SO2)benzene (C6H6) e del monossido di carbonio (CO).

Visualizza l'andamento negli anni delle concentrazioni di questi inquinanti

Tuttavia l’oggettivo e significativo miglioramento della qualità dell'aria non è ancora sufficiente a rispettare i nuovi limiti introdotti dalla normativa europea a tutela della salute umana e dell'ambiente. Permangono forti criticità per: biossido di azoto (NO2), ozono (O3) e particolato sospeso fine (PM10).

Visualizza l'andamento negli anni delle concentrazioni di questi inquinanti

Per quanto riguarda in particolare il PM10 e l’NO2 si evidenzia che, pur registrandosi una decisa diminuzione negli ultimi trent'anni di tali inquinanti, l'Unione Europea fissa regole stringenti di rispetto dei limiti (per il PM10 la media annuale non deve superare i  40mcg/mc e 35 è il numero massimo di superamenti della media giornaliera pari a 50 mcg/mc; per l’NO2 la media annuale non deve superare i  40mcg/mc e 18 è il numero massimo di superamenti del valore limite orario pari a 200 mcg/mc).

L'inquinamento da PM10 e NO2 rappresenta quindi l'urgenza più sentita, ed i provvedimenti intrapresi da Torino e da altre città italiane si concentrano prevalentemente sulla loro riduzione.
A tal proposito, i provvedimenti di limitazione del traffico adottati dalla Città di Torino hanno contribuito,negli ultimi anni, ad una progressiva riduzione delle concentrazioni di inquinanti nell’aria, pur rimanendo tali risultati, come detto, insufficienti.
Relativamente al PM10 nel 2015 si sono infatti registrati valori medi inferiori di circa il 40% rispetto a quelli del 2006 e il numero di superamenti del valore limite è nettamente diminuito (-54% nel 2015 rispetto al 2006).
Anche per il biossido di azoto si sono registrati dei miglioramenti nel 2015 rispetto al 2006 (-31% del valore medio).
Visualizza le variazioni delle concentrazioni di  PM10, NO2 nel periodo 2006-2015.
Il Piano antismog della Città di Torino (file pdf 263 Kb)


Torna indietro | Condizioni d'uso, privacy e cookie | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina