Definisci il tuo progetto professionale

Verifica le tue potenzialità sul mercato del lavoro

Elaborare un progetto professionale è necessario per ridurre i rischi di errori nella ricerca del lavoro.
Uno degli strumenti che puoi utilizzare è il bilancio di competenze, cioè un percorso di orientamento strutturato che ti aiuta a definire con precisione capacità, preparazione e aspirazioni professionali.
Serve per avere un’idea chiara di che cosa sai fare e di come le tue capacità possono essere messe a disposizione di un’azienda.
Non tralasciare di ripercorrere con attenzione la tua formazione ma soprattutto cerca di valorizzare i tuoi interessi, le tue passioni, tenendo sempre in considerazione anche le tue attitudini.
Successivamente potrai iniziare a inviare la candidatura, il cui obiettivo è farti convocare a un colloquio di lavoro, durante il quale avrai la possibilità di dimostrare le tue competenze e potenzialità.

Verifica la tua posizione

Considera che i requisiti minimi per lavorare sono i 16 anni compiuti e la conclusione dei 10 anni di scuola obbligatori, anche se prima dei 18 anni d'età ci sono pochissime occasioni di lavoro.

Prima di proporre la propria candidatura è utile informarsi sulle opportunità e sulle dinamiche del settore di mercato in cui si vuole lavorare.
Ti consigliamo di:

  • raccogliere informazioni specifiche relative alle zona, alle esigenze aziendali e alle prospettive del settore (es. apertura di nuovi insediamenti produttivi, nuovi spazi commerciali ecc.)
  • valutare le possibilità di auto-imprenditorialità, per realizzare un'idea imprenditoriale, in ambito commerciale o artigianale
  • valutare le possibilità di esercizio di una libera professione (architetta-architetto ambientale, avvocata-avvocata, commercialista, risk manager ambientale, disaster manager ecc.)
  • valutare se le tue competenze sono richieste sul mercato del lavoro nascosto (piccole realtà aziendali, professioni poco conosciute ecc.).

Le qualifiche professionali

Sulle pagine dedicate alle professioni puoi trovare i percorsi formativi e altre indicazioni per capire ciò che più si avvicina alle tue attitudini e ai tuoi desideri.

Per tutte le professioni, ti suggeriamo di valutare e approfondire:

Dall'analisi delle professioni, potresti scoprire la necessità di approfondire ulteriormente la tua formazione.

Tra le professioni ti segnaliamo i video con le testimonianze di ragazze e ragazzi che hanno partecipato al progetto “Ma Guarda!” dedicata ai mestieri manuali che offrono valide occasioni di lavoro.

I contratti di lavoro

Sia il settore pubblico che il settore privato propongono diversi tipi di contratti: il lavoro può essere a tempo pieno o part-time, a tempo determinato o indeterminato.
Tra questi ultimi segnaliamo il recente contratto a tutele crescenti.

Esistono contratti di apprendistato, contratti stagionali, contratti dedicati ai lavori occasionali (Libretto Famiglia LF e Contratto prestazione occasionale Cpo) ecc.

Per favorire l'occupazione giovanile, dal 1° gennaio 2018 è in vigore il cosiddetto bonus giovani che comporta una riduzione del 50% per i contributi a carico delle aziende, nel caso di assunzione a tempo indeterminato con contratto a tutele crescenti di giovani con meno di 35 anni (dal 2019 l'età sarà meno di 30 anni). Questo incentivo strutturale ha la durata di 3 anni ed è cumulabile con l'incentivo occupazione Neet 2018 per i e le giovani dai 16 ai 29 anni che aderiscono al programma Garanzia Giovani.

Data aggiornamento: 
14 Marzo 2018
Numerose aziende di Torino e del Piemonte pubblicano le loro offerte di lavoro sulle pagine internet, alla voce Lavora con noi, per cui ci si può candidare online.