Dipendenza da giochi d'azzardo

Il gioco d'azzardo è un’attività a scopo di lucro in cui c’è una posta in gioco e la vincita o la perdita sono legate al caso, in cui all'abilità ha una scarsa rilevanza.
La pratica del gioco d'azzardo in Italia è legale solo per le persone maggiorenni, svolto all'interno di apposite sale gioco autorizzate dalle autorità. Nonostante il divieto per le persone minorenni, gli studi statistici dimostrano che anche i giovani e giovanissimi accedono al gioco d'azzardo.

Esistono diversi tipi di giochi; tra i più diffusi ci sono:

  • videopoker e slot machine
  • giochi online su pc o su smartphone
  • gratta e vinci, lotterie, lotto e superenalotto
  • bingo e giochi dei Casinò.

Un gioco occasionale o moderato può non presentare un problema grave ma quando, per una serie complessa e profonda di cause, il piacere del gioco diventa un impulso incontrollabile di cui non si può fare a meno, si crea una dipendenza che porta a una vera e propria ludopatia.

Il fenomeno non riguarda solo gli adulti ma anche e sempre più frequentemente i e le giovani e negli ultimi anni ha assunto livelli preoccupanti.

Gioco d’azzardo online

Attraverso internet si è diffuso il gioco d'azzardo online, sia attraverso il pc che o dallo smartphone. Le problematiche in questo caso si complicano, perché non solo viene meno la funzione socializzante del gioco ma la facilità di gioco, senza limiti e in solitudine, aumenta la frequenza che diventa velocemente compulsiva, con perdite economiche rilevanti. La tendenza a chiudersi in un circolo vizioso, trascurando i rapporti sociali e familiari, diventa quindi ancora più frequente.

Chi è il giocatore d'azzardo

La maggior parte delle persone gioca occasionalmente per socializzare e per divertimento. Per altre persone il gioco diventa la principale fonte di divertimento e relax. Tra i giocatori "problematici" troviamo chi nel giocare prova sollievo da sensazioni di ansia, solitudine, rabbia o depressione. In questi casi il gioco d’azzardo viene utilizzato per sfuggire a momenti di crisi o a difficoltà. Altre persone sono invece completamente dipendenti dal gioco,  hanno perso il controllo e per loro il gioco diventa l'attività e l'interesse più importante nella vita. Le relazioni affettive, gli impegni familiari, sociali e lavorativi passano in secondo piano. Anche le frequentazioni sono legate al gioco, che diventa comunque l'argomento prioritario di conversazione, se non addirittura l'unico.

Il giocatore d'azzardo patologico

In Italia la ludopatia è stata riconosciuta come dipendenza patologica a partire dal 2010 e, al pari di altre dipendenze, è stata inserita nei LEA - livelli essenziali di assistenza.

Il Sistema Sanitario della Regione Piemonte ha aperto degli ambulatori per il trattamento del gioco d'azzardo patologico presso i Dipartimenti di Patologia delle Dipendenze presenti sul territorio. Qui le giocatrici e i giocatori e i loro familiari possono ottenere informazioni sul problema, sulle possibili cure e sulle questioni finanziarie e di indebitamento. Inoltre possono trovare medici e psicologi esperti del gioco d’azzardo disponibili ad aiutarli.
Le cure sono gratuite ed è garantito l'anonimato.

Gli ambulatori di Torino a cui rivolgersi per problematiche di ludopatia sono:

A Torino esiste anche lo sportello di ascolto gratuito per persone dipendenti da gioco d'azzardo SUPERAilGAP, gestito dall'Istituto Universitario Salesiano col supporto della Circoscrizione 6 della Città di Torino.

Per approfondimenti sul gioco d'azzardo e sulle problematiche collegate è possibile consultare:

Link

Associazione per lo studio del gioco d'azzardo e dei comportamenti a rischio.

Associazione Azzardo e Nuove Dipendenze.

Federazione italiana operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze.

Associazione di uomini e donne che mettono in comune la loro esperienza, per risolvere il loro problema comune e aiutare altre persone ad uscire dal gioco compulsivo.

Data aggiornamento: 
11 Luglio 2018
Consumo occasionale, binge drinking, assunzione di superalcolici associati a droghe, tabacco o energy drink: quando l'uso di alcolici si trasforma da comportamento sociale in trasgressione nociv