Uso e abuso di tabacco

Sigarette, sigarette elettroniche, riscaldatori di tabacco. I motivi per smettere di fumare

L'Italia è il Paese europeo in cui gli adolescenti fumano di più.

Più del 13% di chi fuma ha iniziato prima dei 15 anni, anche se la vendita di sigarette è vietata a chi ha meno di 18 anni.

Chi inizia a fumare da giovane ha il 50% di probabilità di morire per cause riconducibili al fumo.

È quindi importante che i ragazzi e le ragazze non inizino a fumare, perché sono sufficienti pochi mesi per diventare dipendenti.

Chi fuma sviluppa una dipendenza psicologica che porta a fumare in modo automatico, come un gesto quasi inconsapevole.

Le aziende del tabacco utilizzano da sempre il valore simbolico del fumo per incrementare la vendita di sigarette, sfruttando il cinema, la televisione e la pubblicità.
In seguito a numerose cause legali per danni alla salute sui pacchetti di sigarette ci sono frasi e immagini che spiegano i gravi rischi provocati dal fumo.

Informazioni sul tabacco

Chi fuma assorbe molte sostanze irritanti, tossiche e cancerogene che derivano dalla combustione della sigaretta tra cui:

  • nicotina - un veleno naturale contenuto nella pianta del tabacco, principalmente nelle foglie.
    Causa assuefazione e dipendenza fisica: quando si smette di fumare i neuroni ne sentono la mancanza
  • monossido di carbonio, ostacola l'azione dei muscoli e del cervello
  • arsenico e derivati del cianuro, acetone, formaldeide, catrame
    si depositano nei polmoni e provocano il cancro.
Campagna del Ministero della Salute

Fumo passivo

Respirare il fumo passivo costituisce un rischio elevato per chi non fuma.

Chi è esposto quotidianamente al fumo passivo è come se fumasse circa 10 sigarette al giorno. 

Anche il fumo passivo può provocare il cancro ai polmoni.
I figli di genitori che fumano hanno una maggiore incidenza di polmoniti, bronchiti e asma.

Questo è il motivo principale per il quale è vietato fumare nei locali pubblici come ristoranti, bar e cinema.

Sigarette elettroniche

In Italia anche le E-cig - sigarette elettroniche sono vietate ai minori di 18 anni e devono avere dei requisiti di sicurezza per i contenitori di liquido di ricarica.

Le analisi che dimostrano la presenza di sostanze tossiche nelle sigarette elettroniche, anche se le aziende produttrici presentano queste sigarette come alternativa più salutare a quelle di tabacco e utili per fumare meno. Ma le autorità sanitarie come ISS - Istituto Superiore di Sanità e OMS Organizzazione Mondiale della Sanità - hanno dimostrato che non esiste una certezza scientifica sulla mancanza di rischi e sulla efficacia per smettere di fumare il tabacco.

Per quanto riguarda i danni alla salute, esistono alcuni studi che hanno dimostrato danni minori rispetto alle sigarette mentre altre ricerche scientifiche hanno dimostrano un aumento del rischio di infiammazioni polmonari.

Tabacco riscaldato

Da qualche anno si trovano in commercio dei dispositivi elettronici per il tabacco riscaldato.

Si tratta di sigarette che non bruciano il tabacco ma che raggiungono temperature molto elevate fino a produrre fumo da inalare.

Non ci sono prove di riduzione dei rischi e in varie occasioni l’OMS Organizzazione Mondiale Sanità ha evidenziato i danni alla salute.

Infatti la quantità di nicotina che si respira con il tabacco riscaldato è elevata, motivo per cui non può essere considerato un metodo per smettere di fumare le sigarette tradizionali.

Smettere di fumare

Per valutare la tua dipendenza dal fumo e per cercare di ridurre la quantità di sigarette puoi usare Quanto fumi? una App a cura del Ministero della Salute.

Non fumare. Se fumi, smetti.
Se non riesci a smettere, non fumare in presenza di chi non fuma.

Questo è il consiglio del Codice europeo contro il cancro.

I principali motivi per smettere riguardano la salute ma ce ne sono anche altri:

  • a molte ragazze e ragazzi non piace baciare chi fuma
  • se smetti puoi risparmiare molti soldi e per sapere quanto Calcola quanto spendi in sigarette
  • smettere di fumare migliora l’aspetto fisico
  • i mozziconi di sigaretta creano anche un grave danno all’ambiente perché inquinano più della plastica
  • il fumo invecchia la pelle,rende fragili i capelli, danneggia i denti e la bocca.

Dopo una settimana di astinenza da sigarette i sintomi si attenuano, non c'è più dipendenza fisica e iniziano i primi effetti positivi sulla salute:

  • dopo 12 ore i livelli di nicotina e monossido di carbonio nel sangue si dimezzano e le concentrazioni di ossigeno tornano normali
  • dopo 9 giorni il monossido di carbonio è eliminato dal corpo. I polmoni cominciano a eliminare muco e residui del fumo
  • dal 10° giorno non c'è più nicotina nel corpo. Gusto e olfatto migliorano
  • dopo un mese si ferma il processo di danneggiamento della pelle.

Se decidi di smettere di fumare:

  • comunica la tua decisione ad amici e parenti, affinché ti aiutino e non fumino in tua presenza
  • elimina le sigarette e allontana dalla tua vista accendini e posacenere
  • se hai voglia di ricominciare, pensa al tuo corpo: non puzzi più di tabacco, l'alito torna normale, i denti ritornano bianchi, la pelle diventa più elastica,la tosse e il catarro spariscono e il respiro migliora
  • fai semplici esercizi di respirazione per ritrovare il controllo in caso di nervosismo
  • bevi acqua, soprattutto prima dei pasti
  • muoviti di più e fai sport
  • aumenta il consumo di frutta e verdura.

Altri suggerimenti per chi vuole smettere di fumare si trovano su:

Centri antifumo a Torino e in Piemonte

Per farsi aiutare a smettere di fumare ci si può rivolgere ai:

Per un supporto telefonico è attivo il Telefono Verde contro il Fumo - numero 800554088 - dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00 - a cura dell'ISS - Istituto Superiore Sanità.

Riferimenti utili

Data aggiornamento: 
16 Dicembre 2020
Binge drinking, superalcolici associati a droghe, tabacco o energy drink: i giovani e i rischi causati dall'alcol.
Le sostanze e i danni che provocano - Dove rivolgersi per farsi aiutare a Torino
Quando il gioco diventa patologico, i servizi specializzati in ludopatia
Effetti da abuso di videogiochi e servizi a cui rivolgersi
Internet Addiction Disorder: cosa provoca e le strutture a cui rivolgersi a Torino