Dipendenza da internet

Internet e i social network ha modificato la vita delle persone cresciute a diretto contatto con vari strumenti informatici.
Gli smartphone hanno cambiato velocemente numerosi aspetti pratici della vita - scolastica, sociale e lavorativa - con la possibilità di accedere velocemente alle informazioni e ai servizi.
La continua connessione alla rete e l’abitudine di condividere online qualsiasi aspetto della propria vita comporta alcuni rischi, in particolare quello della dipendenza da internet.
Si tratta di una dipendenza di solito inconsapevole e non percepita come una vera e propria dipendenza.

In alcuni casi la dipendenza da internet può essere un pericolo, in quanto incide negativamente sui rapporti con le persone, sia quelli reali sia quelli virtuali.

Un uso eccessivo di internet può coinvolgere progressivamente al punto tale di sviluppare uno IAD - Internet Addiction Disorder, con la perdita della capacità di controllo sui propri comportamenti e sulle proprie emozioni.

Tra i soggetti dipendenti prevalgono ragazze e ragazzi nella fascia d'età 12-22 anni, costantemente sui social network e in chat, che vanno incontro a problemi di riduzione del rendimento scolastico, oltre che all'isolamento e al ritiro sociale.

I sintomi per l'inizio di una psicopatologia web mediata possono essere indicati dalla restrizione dei campi di interesse al di fuori della rete, dalla percentuale di ore passate sui dispositivi digitali e dalla paura della socializzazione reale.

I principali segnali che indicano uso patologico di internet sono:

  • forte riduzione di interesse per altre attività
  • bisogno di accedere a chat e social network sempre più frequentemente
  • trascorrere sempre più tempo su internet per ottenere soddisfazione
  • controllo compulsivo dei propri profili e condivisione compulsiva di foto, selfie e post
  • disturbi dell'alimentazione o del sonno
  • isolamento e/o paura della socializzazione reale
  • sviluppo, in assenza di connessione alla rete, di agitazione psicomotoria, ansia, depressione, pensieri ossessivi su cosa accade online e altri sintomi tipici dell’astinenza
  • impossibilità di interrompere o tenere sotto controllo l’uso di internet.

I problemi si manifestano in diversi ambiti, da quello relazionale e familiare al lavoro e alla scuola.
L'uso continuo, anche di notte, porta allo sconvolgimento del regolare ciclo sonno-veglia e a una stanchezza eccessiva, che può invalidare il rendimento scolastico e professionale.
La dipendenza da internet può provocare diversi problemi fisici che insorgono stando a lungo troppo tempo davanti al pc o allo smartphone quali mal di testa, stanchezza degli occhi, mal di schiena, disturbi del sonno.

Inoltre alcune caratteristiche fondamentali di internet, quali l’anonimato e l’assenza di vincoli spazio-temporali, offrono la possibilità di vivere un’esperienza simile al sogno, in cui  si proiettano i propri vissuti e le fantasie.
Questo spazio può facilmente prevaricare sulla vita reale, contribuendo allo sviluppo della dipendenza.

Le numerose attività che si possono svolgere online fanno sì che l’Internet Addiction Disorder non sia una categoria omogenea di disturbi, ma si manifesti sotto varie forme quali:

  • cyber-sex addiction, cyber-relational addiction:
    tendenza a instaurare relazioni amicali o amorose solo con persone incontrate online
  • net compulsions:
    comportamenti compulsivi come gioco d’azzardo, aste e acquisti online
  • information overload:
    ricerca continua di informazioni sui motori di ricerca
  • computer addiction:
    coinvolgimento in giochi virtuali con false identità.

La dipendenza da internet è spesso assimilata alla Dipendenza da giochi d'azzardo, per la somiglianza che i due disturbi presentano e per le conseguenze analoghe a cui portano.

Segnaliamo infine un fenomeno nato in Giappone, ma diffuso nell'ultimo decennio anche in Europa e Stati Uniti, chiamato Sindrome Hikikomori - reclusi: si tratta di giovani, in prevalenza adolescenti, che decidono di ritirarsi dalla vita reale, sociale e affettiva, con livelli estremi di isolamento.
Queste ragazze e ragazzi trascorrono la quasi totalità del proprio tempo davanti al computer, al chiuso della propria stanza, esprimendosi soltanto in rete.
Il disturbo comporta un forte disagio psicologico, l’incapacità di relazionarsi con il mondo reale, l’inversione sonno-veglia e problemi di abbandono scolastico.
In Italia è presente un Centro studi e terapia HIKIKOMORI, con sede a Milano, che si occupa di questo problema.

A Torino ci si può rivolgere all'Ambulatorio nuove dipendenze presso l’Ospedale Molinette - un servizio pubblico per le dipendenze da internet.

Dipendenza da smartphone

Gli smartphone hanno cambiato completamente i comportamenti quotidiani.

Offrono la possibilità di comunicare in qualsiasi luogo e di poter usare i social network e le chat in qualsiasi momento, per condividere in rete le esperienze che stiamo vivendo e comunicare con estrema facilità.
Attraverso le app si può trovare qualsiasi informazione, accedere a qualsiasi servizio e geolocalizzare luoghi e percorsi.

Internet usato con gli smartphone ha modificato numerosi aspetti della vita delle persone e ha cambiato i rapporti tra le persone, le aziende, gli enti pubblici ecc.
Questi cambiamenti hanno profondamente modificato anche la sfera psicologica, in particolare quella legata alle relazioni.
Le persone dipendenti dal cellulare non lo spengono mai, hanno sempre la testa china sullo schermo e non si accorgono delle cose che accadono nel mondo reale.

Lo smartphone diventa un oggetto sostitutivo della realtà, con la conseguenza di ridurre la capacità di trasmettere emozioni e di affrontare le relazioni dirette con le altre persone.
Questo aspetto comporta sempre più frequentemente vere e proprie situazioni di dipendenza, come la nomofobia caratterizzata dalla paura ossessiva di non essere raggiungibili dalla connessione e dal cellulare, una sindrome che colpisce soprattutto giovani tra i 18 e i 25 anni, con bassa autostima e problemi relazionali.

In caso di uso eccessivo di videogiochi e smartphone, ci si può rivolgere agli sportelli di ascolto per adolescenti a Torino.

Riferimenti utili

Approfondimenti sulla dipendenza da internet:

Data aggiornamento: 
20 Agosto 2019
Consumo occasionale, binge drinking, assunzione di superalcolici associati a droghe, tabacco o energy drink: quando l'uso di alcolici si trasforma da comportamento sociale in trasgressione nociv