Imposta Unica Comunale

Imposta Unica Comunale

Esclusioni ed esoneri

Esclusioni

Sono oggettivamente esclusi dalla applicazione del tributo, sia dalla parte fissa che da quella variabile le superfici dei locali e delle aree che per la loro natura e caratteristiche o per il particolare uso cui sono adibiti non possono produrre rifiuti.  

Sono, pertanto, esclusi dalla tassazione, a titolo esemplificativo, i seguenti locali ed aree:

-         le unità immobiliari (sia abitative che non abitative) prive di mobili, arredi ed attrezzature, chiuse e prive di allacciamento ai pubblici servizi di rete limitatamente al periodo durante il quale sussistano le condizioni di cui sopra;

-         immobili inagibili o inabitabili o danneggiati, limitatamente al periodo durante il quale sussistano le condizioni di cui sopra;

-         terrazze e balconi;

-         centrali termiche e locali riservati ad impianti tecnologici, quali cabine elettriche, vani ascensori, autosilos;

-         fabbricati in ristrutturazione limitatamente al periodo di effettiva mancata occupazione dell'immobile;

-         alloggi di civile abitazione che sono posti in ristrutturazione interamente e i cui detriti o materiale di cantiere sono consegnati alle ditte/imprese che vi lavorano. Tale circostanza deve perdurare da almeno 2 mesi;

-         le parti comuni del condominio di cui all'articolo 1117, numeri 1 e 3, del Codice Civile, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 6, comma 3;

-         le aree scoperte pertinenziali e accessorie a locali tassabili (es. posti auto scoperti), ad eccezione delle aree scoperte operative;

-         i locali di strutture medico- sanitarie pubbliche e private adibiti a sale operatorie, stanze di medicazione, laboratori di analisi, di ricerca, di radiologia, di radioterapia, e simili, reparti e sale di degenza che, su certificazione del direttore sanitario, ospitano pazienti affetti da malattie infettive;

-         locali ed aree degli impianti ginnici e sportivi, scuole di danza limitatamente alle sole superfici destinate all'esercizio dell'attività agonistico-sportiva;

-         locali ed aree nei quali per specifiche caratteristiche di struttura e destinazione si producono, di regola, rifiuti speciali, allo smaltimento dei quali sono tenuti a provvedere a proprie spese i produttori stessi in base alle norme vigenti;

-         le aree verdi.

Tali situazioni debbono essere indicate nella dichiarazione originaria o di variazione e debbono essere direttamente rilevabili in base ad elementi obiettivi e/o ad idonea documentazione.

 

Esoneri

Sono esonerati dal tributo:

  • i locali ed aree della Città di Torino adibiti a sedi istituzionali e direttamente gestiti;
  • i cittadini che percepiscono dalla Città contributi assistenziali ad integrazione del reddito per almeno 8 mesi anche non continuativi nei 12 mesi precedenti la formazione del ruolo, per la particolare condizione di indigenza.

Torna su

Ultimo aggiornamento: 12 Giugno, 2019

Stampa questa pagina

NUOVE SCADENZE PER TARI

Il Consiglio Comunale - su proposta dell'assessore al Bilancio, Sergio Rolando – ha rivisto le scadenze della  TARI.

Al fine di tutelare i soggetti colpiti dall’emergenza da Covid-19, il 10 ed il 31 marzo scorsi la Giunta Comunale aveva disposto la sospensione dei termini ordinari di versamento delle prime due rate per le utenze non domestiche (prima rata 16 marzo, seconda rata 15 maggio) e per le utenze domestiche (prima rata 30 aprile, seconda rata 29 maggio).

Preso atto che l’emergenza sanitaria in corso ha indebolito la città nel suo complesso, con ricadute negative non solo sulle attività produttive e turistiche, ma anche sulle famiglie e sull'intero tessuto socio-economico, la Giunta ha proposto al Consiglio Comunale di definire nuovi termini di pagamento, più ampi rispetto a quelli ordinari.

Per informazioni e appuntamenti presso gli sportelli TARI - Call Center n.ro  01101124853

vedi SCADENZE TARI

Contatti

( => per evitare duplicazioni, con conseguente allungamento delle tempistiche di lavorazione, si invita ad utilizzare per l'invio delle richieste una sola modalità tra le seguenti)

mail: tassarifiuti@comune.torino.it (allegare copia del documento di identità). Non spedire da PEC a questo indirizzo.

PEC: tributi@cert.comune.torino.it (allegare copia del documento di identità)

Per informazioni, assistenza  e per fissare un appuntamento presso gli sportelli TARI  di Corso Racconigi 49 – piano terreno – contattare il Call Center della Città al n.ro +39 01101124853 (orari: lu-ve 8.00-18.00; sa 8.00-13.00) o scrivere a tassarifiuti@comune.torino.it ovvero, solo se si è in possesso di posta certificata, tributi@cert.comune.torino.it

Per poter agire per conto di altra persona/azienda occorre essere muniti di delega (anche nel caso di famigliari) e fotocopia documento identità del delegante

Fax: 011/ 011 24 678 - 011/  011 24 690 (allegare copia del documento di identità)

Telefono (solo per informazioni): 011/ 011 24 853 (con ricerca automatica) dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18; il sabato dalle 8 alle 13

 

 ATTENZIONE : l’ufficio si riserva la facoltà di non rispondere alle comunicazioni inviate dai contribuenti contenenti frasi offensive e/o insulti nei confronti degli operatori dell’amministrazione. In ogni caso si ricorda che offendere o aggredire sia fisicamente che verbalmente gli operatori della P.A. costituisce reato perseguibile per legge.

Progetto qualità

Il Servizio TARI è inserito nel Progetto Qualità del Comune di Torino per i servizi erogati agli utenti.
Certificato ISO 9001

Carta della Qualità dei Servizi TARI
 

 

Segnalazioni e Reclami

Attenzione: la pagina Filodiretto è esclusivamente dedicata a ricevere reclami o segnalazioni sulla qualità percepita dei servizi erogati ai fini della Tassa per i Rifiuti. Eventuali richieste di informazione o segnalazioni relative alla propria posizione od a pratiche in corso inviate attraverso il modulo reclami online non verranno prese in considerazione.

Condividi

Torna indietro