Città di Torino >
Tasse e tributi > Servizio IMU e TARI > TARI - Tassa sui rifiuti > Riduzione TARI alle utenze non domestiche per conferimento dei rifiuti al di fuori del Servizio Pubblico

Servizio IMU e TARI

Servizio IMU e TARI

Riduzione TARI alle utenze non domestiche per conferimento dei rifiuti al di fuori del Servizio Pubblico

(contatti)

Riferimenti regolamento:  Articolo 15 bis del Regolamento TARI n. 371

Dal 1 gennaio 2022, le utenze non domestiche possono scegliere di avvalersi del solo servizio privato per il ritiro e l'avvio a recupero di TUTTI i rifiuti urbani prodotti.
Ai sensi del nuovo art. 238, comma 10, del D.Lgs. 152 del 3/4/2006, come sostituito dall'art. 14, comma 1, della Legge n. 118 del 5/8/2022 (in vigore dal 27/8/2022), tale scelta deve essere effettuata per un periodo non inferiore a due anni.
Quanto previsto dall'art. 15 bis, commi 5 e 7, del Regolamento TARI relativamente alla durata della scelta del servizio privato (almeno cinque anni) e alla possibilità di chiedere nuovamente il servizio pubblico anche prima della scadenza quinquennale, deve intendersi, a partire dal 27/8/2022, superato dall'art. 14, comma 1, della Legge n. 118 del 5/8/2022. Il Regolamento verrà modificato quanto prima per la recezione della modifica dell'art. 238, comma 10, del D.Lgs. n. 152 del 3/4/2006.
A partire dal 27/8/2022, pertanto, per coloro che comunicano di volersi avvalere del servizio privato per un determinato periodo (comunque, non inferiore a due anni) non è più prevista la possibilità di richiedere nuovamente il servizio pubblico prima della scadenza del periodo per il quale la scelta del servizio privato è stata effettuata.
Le utenze non domestiche che scelgono di avvalersi del solo servizio privato per il ritiro e l'avvio a recupero di TUTTI i rifiuti prodotti sono ESENTATE DALLA CORRESPONSIONE DELLA SOLA TARIFFA VARIABILE. L'esclusione dalla tariffa variabile viene concessa previa dimostrazione di avere avviato a recupero TUTTI i rifiuti urbani prodotti mediante attestazione rilasciata dal soggetto privato che effettua l'attività di recupero dei rifiuti stessi.

COMUNICAZIONE PREVENTIVA DI VOLERSI AVVALERE DEL SOLO SERVIZIO PRIVATO

  • la comunicazione preventiva di volersi avvalere del solo servizio privato deve essere redatta su apposito modello (Modulo comunicazione preventiva per scelta servizio privato) e sottoscritta dal legale rappresentante dell'impresa/attività;
  • sulla comunicazione preventiva devono essere indicati:
    • l'ubicazione degli immobili di riferimento e le loro superfici tassabili;
    • il tipo di attività svolta in via prevalente con il relativo codice ATECO;
    • i quantitativi stimati dei rifiuti che saranno conferiti al di fuori del servizio pubblico, da avviare a recupero, distinti per codice EER (Elenco Europeo dei Rifiuti);
    • la durata del periodo, non inferiore a due anni, per la quale si intende esercitare tale opzione;
    • l'impegno a restituire le attrezzature pubbliche in uso quali, cassoni e containers;
    • il soggetto autorizzato all'attività di recupero, con il quale è stato stipulato apposito contratto.

QUANDO PRESENTARE LA COMUNICAZIONE PREVENTIVA

  • la comunicazione preventiva deve essere inviata tramite Pec al Comune (Ufficio Tributi – tributi@cert.comune.torino.it - e Ufficio Ambiente – ambiente@cert.comune.torino.it) e al soggetto gestore del servizio pubblico (AMIAT – protocollo@pec.amiat.it),  entro il 30 giugno, con effetti a decorrere dal 1° gennaio dell'anno successivo. La mancata presentazione della comunicazione preventiva viene intesa come scelta di avvalersi del servizio pubblico fino al 31 dicembre dell'anno successivo;
  • limitatamente all'anno 2021 la comunicazione presentata entro il 31 maggio 2021, ha effetti a decorrere dal 1° gennaio 2022

RICHIESTA DI ESCLUSIONE DALLA CORRESPONSIONE DELLA TARIFFA VARIABILE E DOCUMENTAZIONE:

  • richiesta di esclusione della parte variabile della tassa su modello che sarà predisposto dall'Ente,  da inviare tramite Pec al Comune (Ufficio Tributi – tributi@cert.comune.torino.it - e Ufficio Ambiente – ambiente@cert.comune.torino.it) e al soggetto gestore del servizio pubblico (AMIAT – protocollo@pec.amiat.it). Sulla richiesta devono essere indicati: a) dati identificativi dell'utente (denominazione e codice fiscale);
  • b) recapito postale e indirizzo di posta elettronica certificata;
  • c) dati identificativi dell'utenza (indirizzo, dati catastali, tipologia dell'attività svolta e relativo codice ATECO);
  • d) quantitativi dei rifiuti prodotti e avviati a recupero con relativo codice EER;
  • attestazione della ditta di smaltimento sul quantitativo dei rifiuti effettivamente avviati a recupero, con individuazione dei codici EER di identificazione di ogni singola frazione di rifiuto e specificazione del tipo di attività di recupero svolta;
  • dati identificativi della ditta privata di smaltimento (denominazione, codice fiscale e indirizzo dell'impianto dove è avvenuta l'operazione di recupero dei rifiuti urbani).

ATTENZIONE: l'esclusione della tariffa variabile, per il solo primo anno di richiesta, viene concessa a consuntivo, a seguito della presentazione della istanza e della attestazione di avvio a recupero  di tutti i rifiuti urbani. Dal secondo anno, gli avvisi di pagamento verranno calcolati al netto della tariffa variabile.
NEL CASO DI MANCATA PRESENTAZIONE DELLA COMUNICAZIONE DI AVVIO A RECUPERO, OVVERO DI MANCATO RECUPERO DI TUTTI I RIFIUTI PRODOTTI, IL COMUNE PROCEDERA' AL RECUPERO DELL'INTERA PARTE VARIABILE DELLA TASSA NON CORRISPOSTA.

QUANDO PRESENTARE LA RICHIESTA DI ESCLUSIONE DALLA CORRESPONSIONE DELLA TARIFFA VARIABILE:

  • a consuntivo, entro e non oltre il mese di febbraio dell'anno successivo a quello di riferimento.

Torna su

Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre, 2022

Stampa questa pagina

Nuovo regolamento TARI

ATTENZIONE!

Dichiarazione per le agevolazioni TARI alle utenze non domestiche per  l’anno 2020 e 2021 a causa del Covid-19

Per le attività interessate alle agevolazioni tributarie a causa del Covid-19 è ancora disponibile, oltre la naturale scadenza del 31 dicembre 2021, la dichiarazione nella pagina web Torino Facile  per l’attestazione del possesso dei requisiti per confermare e/o ottenere il diritto all’agevolazione sulla TARI 2020 e 2021.

Guida alla compilazione (.pdf)
FAQ (.pdf)

Questo adempimento è indispensabile; la mancata presentazione della dichiarazione è considerata come una tacita ammissione della mancanza dei requisiti e pertanto comporta la revoca delle agevolazioni indebitamente applicate, che saranno successivamente recuperate.

L’obbligatorietà della dichiarazione risponde all’esigenza della Città di censire puntualmente le agevolazioni concesse ed evitare il riconoscimento di vantaggi fiscali indebiti, tenuto anche conto che i Comuni non dispongono degli elenchi di quelle attività che, per motivi vari, hanno ottenuto dal Prefetto l’autorizzazione alla prosecuzione (es. aziende con impianti a ciclo continuo, attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle aziende rimaste aperte o di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità).

N.B. Le attività che hanno diritto all’agevolazione per il 2021 e che hanno già trasmesso la dichiarazione per il 2020 non dovranno più trasmetterla una seconda volta perché la Città è già in possesso dei dati.

Ultimo aggiornamento 09.05.2022

Comunicato ai titolari di concessione per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche

A decorrere dal 2021 la Tari non sarà più dovuta dai titolari di concessione per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche destinate a mercato con posteggi fissi, assegnati giornalmente e su posteggi singoli individuati a completamento delle forme mercatali.
Dal 1 gennaio 2021 è entrato in vigore il regolamento n. 394 che disciplina “il Canone di concessione per l’occupazione delle aree destinate al commercio su area pubblica”,  che sostituisce il  canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche e la Tari limitatamente ai casi di occupazioni  temporanee.
Il Canone è riscosso attraverso la piattaforma Merc@to e gestito dalla Divisione Commercio.

Contatti:
Area Commercio
Potenziamento Riscossione Entrate
Via Meucci, 4
Tel. 011/01130633 - 011/01130606 - 011/01130655

Progetto qualità

Il Servizio TARI è inserito nel Progetto Qualità del Comune di Torino per i servizi erogati agli utenti.
Certificato ISO 9001

Carta della Qualità dei Servizi TARI
 

 

Segnalazioni e Reclami

Attenzione: la pagina Filodiretto è esclusivamente dedicata a ricevere reclami o segnalazioni sulla qualità percepita dei servizi erogati ai fini della Tassa per i Rifiuti. Eventuali richieste di informazione o segnalazioni relative alla propria posizione od a pratiche in corso inviate attraverso il modulo reclami online non verranno prese in considerazione.

Condividi

Torna indietro