Città di Torino
Crescere insieme con qualità


Città di Torino Direzione Servizi EducativiHOME ristorazione scolastica Menù alternativi

EVIDENZA

Domande frequenti e informazioni sulle diete e sui menu alternativi.

Italiano
Inglese.
Francese
Lingua Araba

Modalita’ operative per richiesta di diete speciali e menu alternativi per l'a.sc. 2017/2018

Per l’attivazione o il rinnovo di diete speciali per l’anno scol. 2017/2018 , i genitori dei bimbi iscritti al servizio di ristorazione scolastica devono compilare e sottoscrivere il Mod. M045 in ogni sua parte.
Ogni informazione circa la corretta compilazione del modello di richiesta è contenuta nella circolare inviata alle scuole cittadine.
Alle scuole statali è stata anche inoltrata l’informativa in riferimento alla richiesta di dieta speciale/ Ristorazione scolastica della Città di Torino per gli alunni frequentanti le scuole statali
La modulistica dovrà essere consegnata:
- All’ufficio economale di via Bazzi 4 piano terra uff. n.7 (orario: Lunedì 9-12 / 14-16 - da martedì a venerdì 9-13) (per i bambini delle scuole statali)
- agli economi dei nidi o scuole per l’infanzia comunali per i bambini che frequentano tali strutture.
Si precisa che per le diete speciali per patologie legate all’alimentazione è indispensabile, inoltre, allegare:
- per sospetta allergia alimentare: certificato medico redatto utilizzando l’allegato 1a)
- per allergia alimentare accertata: certificato medico redatto utilizzando l’allegato 1b)
- per intolleranze alimentari: certificato medico redatto utilizzando l’allegato 1c)
- per altre patologie (es: diabete): certificato medico redatto utilizzando l’allegato 1d)
Verranno accettate solo le certificazioni mediche elaborate sui suddetti allegati.
Al fine dell’attivazione della dieta speciale per l’inizio dell’anno scolastico il modulo M.045 con allegata, dove richiesta, la documentazione medica in originale, dovrà essere consegnato entro il 30 giugno 2017.
I menù alternativi per esigenze etico – religiose (senza carne di maiale, senza carne, senza carne e pesce, senza proteine animali), invece, saranno rinnovati automaticamente per l’anno scol. 2017/18 per quegli utenti che già ne stanno fruendo nell’anno scol. 2016/17.
Viceversa chi vuole attivare per la prima volta un menù alternativo o fruire di un menù alternativo diverso da quello precedentemente scelto, dovrà accedere alla piattaforma informatica tramite il sito “Torino Facile” (previa iscrizione). Possono adoperarsi – per chi le possiede - le stesse credenziali utilizzate per il borsellino elettronico .

Gli adulti che vorranno fruire di un menù alternativo dovranno necessariamente utilizzare la modulistica su cartaceo (M048) che dovrà essere consegnata – come per le diete speciali - All’ufficio economale di via Bazzi 4, piano terra uff. n.7 (per le scuole statali) - agli economi dei nidi o scuole per l’infanzia comunali (per il personale comunale).

Menù alternativi e diete speciali

Gli utenti della Ristorazione scolastica della Città di Torino sono attualmente circa 47000, fra questi circa 4700 usufruiscono di un menù alternativo senza carne di maiale, senza alcun tipo di carne , privo sia di carni sia di pesce; oppure senza proteine animali, altri 1000 seguono un menù dietetico per patologie legate all’alimentazione.

Considerati quindi i numeri molto alti di utenti, il Servizio, nei rispetti del Sistema Qualità in cui opera, deve attivare una serie di procedure volte a garantire sia la conformità alle richieste pervenute dalle famiglie in tempi brevi sia la sicurezza alimentare.

Perché è così importante seguire con molto rigore le modalità di richiesta?

Le Ditte fornitrici dei pasti per l’attivazione dei vari menù alternativi, devono avere un periodo adeguato per poter lavorare con la necessaria attenzione in un ambito così delicato come l’alimentazione infantile: che cosa potrebbe capitare se le informazioni non fossero corrette o non pervenissero nel rispetto dei tempi indicati? Inconvenienti che si potrebbero riflettere sui piccoli utenti delle scuole, che sarebbe opportuno affrontare in maniera preventiva, piuttosto che successiva.

Che cosa chiede allora il Comune affinché tutto possa procedere regolarmente?

1. una apposita richiesta da parte della famiglia (su adeguata modulistica) da consegnare all’ufficio economale di via Bazzi 4 (per le scuole statali) o alle econome delle scuole municipali o direttamente all’Ufficio Gestione Ristorazione (anche per posta) assolutamente entro la data prevista (nel mese di giugno) da apposita circolare redatta dal Servizio di Ristorazione Scolastica inviata a tutti i responsabili scolastici (a disposizione per la visione presso gli uffici sopracitati): le richieste che arriveranno in ritardo saranno messe in coda e, per quanto riguarda le richieste di rinnovo delle diete speciali, saranno redatte entro 40 giorni dall’inizio del nuovo anno scolastico. Quelle che perverranno poi a scuola iniziata saranno elaborate entro i 40 giorni dalla data di ricezione: tutto ciò a tutela degli utenti perché la fretta può compromettere la corretta esecuzione di uno schema dietetico.
2. per i menù dietetici la documentazione dev’essere il più completa possibile al fine redigere uno schema sulla base di una patologia documentata in modo esauriente; in alternativa la richiesta di dieta verrà messa in attesa per gli opportuni accertamenti, con conseguente ritardo nell’attivazione del menù tanto che il piccolo utente non potrà provvisoriamente consumare il pranzo a scuola perché privo di adeguato schema dietetico.
3. Il rispetto delle regole e dei tempi contribuisce a migliorare il lavoro degli addetti, ad offrire un Servizio più puntuale e a soddisfare le esigenze degli utenti.