Città di Torino > Tasse e tributi > COSAP

COSAP - Canone per l’occupazione permanente di spazi e aree pubbliche

Avviso all'utenza

Si avvisa che con deliberazione della Giunta Comunale n. 2018 02476 approvata in data 19.06.2018, è stata approvata l' agevolazione fiscale COSAP per le attività commerciali ed artigianali site nelle aree di realizzazione dei cantieri per opere pubbliche.
La deliberazione è consultabile al link: http://www.comune.torino.it/giunta_comune/ricerca_internet - disponibile nei formati RTF e PDF.
Si allegano le aree oggetto di sgravio
Gli sgravi COSAP potranno essere concessi previa presentazione di istanza compilata utilizzando il modulo di richiesta

Su approvazione della Giunta Comunale in data 5 giugno 2018, causa imprevisto tecnico, Soris procederà alla distribuzione di un secondo invio di avvisi di pagamento COSAP (anno 2018) relativi prevalentemente a griglie, intercapedini, bocche di lupo, lucernari.
Le scadenze di pagamento sono le seguenti:
- monorata: 30/06/2018
- plurirata: 30/06/2018 - 31/07/2018 - 30/09/2018 - 31/10/2018

A partire dal 1 febbraio 2015 tutte le volture relative a permessi precari su suolo pubblico dovranno essere presentati all'Ufficio Cosap Permanente - via Moretta 69 - 1° piano. Presso l'ufficio Accettazione Precari su Suolo Pubblico e Carburanti sito in via Meucci 4 - 3° piano si potranno esclusivamente presentare istanze afferenti opere edilizie e relativo rilascio di titoli abilitativi (PdC, SCIA, DIA, CIL, comunicazioni di inizio e fine lavori,...)

Notizie Generali: le concessioni per l’occupazione suolo pubblico permanente

Le occupazioni di suolo pubblico permanenti sono quelle a carattere stabile benché precarie, concesse a tempo indeterminato che non necessitano di rinnovo annuale.

Deve presentare la domanda:

  • chiunque intenda occupare in modo permanente una porzione di spazio od area pubblica (proprietario o titolare di diritto reale);
  • chi deve modificare la concessione in quanto la superficie dell’occupazione è stata segnalata o rilevata all’origine in modo sbagliato (es. è stato segnalato in sede di autorizzazione un passo carraio di tre metri anziché di cinque);
  •  chi deve ottenere la voltura di occupazioni già concesse;
  • chi deve chiedere la cessazione dell’occupazione .

Il canone è dovuto dal titolare dell’atto di concessione o, in mancanza, dall’occupante di fatto, che è anche soggetto passivo del canone.

Il pagamento del canone relativo al primo anno di occupazione deve essere effettuato al rilascio del provvedimento di concessione.
Per tali occupazioni, ad eccezione dell'anno in cui è rilasciata la concessione iniziale, il cui canone è calcolato sulla restante parte dell’anno, i canoni successivi al primo sono calcolati su base annua applicando la tariffa giornaliera prevista per lo specifico tipo di occupazione e categoria viaria moltiplicata per 365 giorni.
Il canone relativo agli anni successivi è riscosso dal Comune per mezzo della società di riscossione SORIS S.p.A. mediante emissioni di bollettini allegati agli avvisi di pagamento.

Sono considerate abusive le occupazioni:

  • senza la preventiva concessione comunale;
  • non volturate nel termine di 30 giorni dal cambio di titolarità della occupazione stessa;
  • in difformità da quanto autorizzato (eccesso di superficie, di durata, attività diversa).

Nel caso di più occupanti di fatto di suolo pubblico, questi sono tenuti in solido al pagamento del canone. In caso di uso comune del suolo pubblico, è soggetto passivo ciascuno dei contitolari dell'occupazione ma è sufficiente che uno solo paghi il canone, in quanto esso è commisurato alla superficie occupata.
Le concessioni od autorizzazioni sono rilasciate secondo le modalità e nei termini previsti dall'art. 5 del  Regolamento C.O.S.A.P.

Sono permanenti le occupazioni con:

  • passi carrai;
  • aree distribuzione carburanti;
  • chioschi - intercapedini - griglie - lucernari - botole e simili;
  • cavi e condutture;
  • banchi delle aree mercatali – plateatico.

Per il pagamento del canone in caso di “voltura” delle varie concessioni per occupazioni suolo pubblico con passi carrabili, opere edilizie in precario, distributori di carburante, plateatico si sottolinea che:

  • Per le volture in corso d'anno il canone è dovuto dal concessionario cedente (art 6 c. 3 Regolamento C.O.S.A.P).
  • La mancata voltura di preesistente concessione non effettuata entro il termine di 30 giorni da parte del soggetto subentrante è da considerarsi come occupazione abusiva con conseguente applicazione delle relative sanzioni (art. 2 c. 4, art. 18 c. 2, Regolamento C.O.S.A.P.)

Torna su

Il suolo pubblico

Regolamenti, canoni, tributi: balzelli o risarcimento?

Lo spazio pubblico della città è il patrimonio collettivo di una comunità locale, luogo in cui interagiscono e si incontrano persone, individui, gruppi, organizzazioni, interessi economici, sociali e culturali. Quando una porzione di esso viene temporaneamente sottratta all'uso pubblico - per ragioni legittime ma non collettive - questo deve avvenire secondo criteri e modalità definite da chi ha la responsabilità di tutelare l'interesse pubblico. Se questo spazio viene utilizzato per fini economici, commerciali o esclusivamente privati è giusto che la collettività venga risarcita con il pagamento di un canone, perché il valore sottratto venga trasformato in risorsa per tutti. In questi anni si sono moltiplicati gli spazi pubblici di Torino: le piazze del centro storico diventate pedonali, la riqualificazione di piazze e vie in molti quartieri della città, gli spazi verdi, i parchi cittadini offrono alla comunità torinese un'ampia possibilità di scelta per organizzare eventi ed iniziative a carattere sociale, culturale e commerciale. Contemporaneamente sono cresciute le occasioni e le richieste di utilizzo del suolo pubblico per motivi economici, commerciali e promozionali. La Città di Torino ha cercato di razionalizzare ed aggiornare le regole di utilizzo dello spazio pubblico partendo dal presupposto che è spazio di tutti. Le regole, però, devono essere divulgate, portate a conoscenza dei cittadini per evitare che l'incontro con gli uffici si traduca in una situazione di incomprensione e di difficoltà.

In questa sezione del sito, dedicata a chi deve presentare una richiesta di occupazione di suolo pubblico, viene indicato in modo chiaro l'ufficio competente, gli orari di ricevimento del pubblico, la modulistica da utilizzare, la procedura da seguire presso il Servizio Arredo Urbano.

Per quanto riguarda le occupazioni che non fanno riferimento al nostro servizio sono segnalati tramite link, gli uffici competenti.

Occupazioni di suolo pubblico

Permanenti: sono le occupazioni concesse a tempo indeterminato di carattere precario, legate all'ottenimento del titolo edilizio abilitativo idoneo, che costituisce presupposto per il rilascio della concessione di occupazione di suolo pubblico.

Temporanee: sono occupazioni la cui durata è inferiore ad un anno oppure quelle soggette a rinnovo periodico (traslochi, lavori manutenzione edili urgenti, piccole riparazioni, autoscuole, dehors continuativi, operatori del proprio ingegno, ecc...)

Gli uffici competenti sono suddivisi in relazione alla tipologia di occupazione.

Torna su

Modalità di pagamento

A regime (dal secondo anno rispetto al rilascio della concessione per occupazione di suolo pubblico permanente) il canone è riscosso dal Comune per mezzo della società di riscossione Soris S.p.A – Via Vigone, 80 – 10139 Torino mediante emissione di bollettini allegati agli avvisi di pagamento.

Per ogni informazione inerente il pagamento ci si può rivolgere al Call Center di Soris S.p.a. al n. 848800141 a disposizione del contribuente dalle 8.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì e dalle 8.00 alle 14.00 il sabato ed i prefestivi.

pagamenti per gli avvisi di pagamento dall’anno 2005 in avanti:
  1. dove pagare

    Le somme dovute possono essere pagate:

    • Presso gli sportelli Soris in Via Vigone 80, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle13.30
    • Agli Uffici Postali sul ccp 61841532 intestato a “Soris S.p.A. Serv. Riscoss. COSAP” utilizzando i bollettini allegati all'avviso di pagamento
    • Presso gli sportelli delle banche convenzionate (per l'elenco delle banche convenzionate può rivolgersi al call center della SORIS n. 848800141 o consultare il sito - www.soris.torino.it
    • Con il servizio di domiciliazione presso gli istituti di credito indicati (maggiori informazioni sul sito www.soris.torino.it)
    • Presso le tabaccherie/ricevitorie del Lotto che espongono il marchio “Punto LIS” 
    • Tramite Internet collegandosi al sito www.soris.torino.it  ( in quest’ultimo indirizzo sono altresì indicati tutti gli ulteriori siti a disposizione dei contribuenti per il pagamento on line)
    • Presso i PuntoBlu (chioschi di pagamento automatici) con carta PagoBancomat e il bollettino postale; il pagamento può essere effettuato presso le seguenti sedi
      Circoscrizione 3- C.so Peschiera 193; LU – VE dalle 8,00 alle 18,30
      Circoscrizione 8 – V. Ormea 45; LU – VE dalle 8,00 alle 18,30
  2. come pagare
    • Contanti
    • Con assegno circolare non trasferibile
    • Utilizzando il Bancomat in modalità POS presso gli sportelli attrezzati
    • Tramite addebito pre-autorizzato  (RID).
      Attivare il servizio è semplicissimo. Per  tutti i titolari di conto corrente bancario o postale è sufficiente  recarsi presso la banca o l’ufficio postale  dove si è aperto il conto e compilare l’apposito modello (RID) indicando il codice  di domiciliazione  che si  trova  nella prima pagina dell’avviso di pagamento ( Codice Rid  per domiciliazione).  La disposizione, che si intende riferita al solo importo contenuto nell’avviso, sarà valida anche per gli anni futuri, fino a revoca.  Tale servizio  presso le Poste e quasi tutte le Banche è gratuito.
    • Con Carta di Credito tramite il sito Soris www.soris.torino.it nell’apposita sezione.

Per effettuare i pagamenti è necessario disporre:

  • Codice Fiscale dell'intestatario dell’avviso 
  • Estremi identificativi del documento di pagamento (qualora tali estremi non siano disponibili all’utente, il medesimo può telefonare al Call Center di Soris S.p.A.  n. 848800141 per ottenerli)

N.B. Il pagamento a mezzo RID è subordinato all'accettazione della delega da parte dell'Istituto di Credito o dell’ Ufficio postale del conto dell'intestatario, le istruzioni e il modello sono reperibili sul sito www.soris.torino.it

per gli avvisi ricevuti nell’anno 2004 e precedenti:
  1. dove pagare:

    Le somme dovute possono essere pagate:

    • Presso tutti i punti di riscossione EQUITALIA NOMOS S.p.a.. L'orario al pubblico degli sportelli EQUITALIA NOMOS S.p.a. presso la Filiale di Torino, Via Arsenale 23 (Tel. 011/5525111; Fax : 011-5525290) è: tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 8.20 alle ore 13.00. Per maggiori informazioni:  http://www.equitalianomos.it
    • Agli Uffici Postali utilizzando i bollettini allegati all'avviso di pagamento
  2. come pagare
    • Contanti
    • Con assegno circolare non trasferibile intestato a EQUITALIA NOMOS S.p.a presso gli sportelli EQUITALIA NOMOS S.p.a
    • Utilizzando il Bancomat in modalità POS presso gli sportelli attrezzati
    • Con Carta di Credito o tramite RID ad uno dei seguenti siti Internet: www.torinofacile.it oppure http://www.equitalianomos.it

dove verranno richieste le seguenti informazioni:

  • Codice Fiscale dell'intestatario dell’ avviso;
  • Estremi identificativi del documento.

Torna su

Tariffe

Per informazioni sulla “determinazione della tariffa ordinaria e dei coefficienti moltiplicatori” occorre far riferimento al Regolamento 257 per quanto riguarda:

  • allegato “A”, “Determinazione della tariffa ordinaria e dei coefficienti moltiplicatori”;
  • allegato “B”, per quanto riguarda la classificazione per categorie delle strade cittadine a cui fa riferimento il coefficiente viario di cui al punto 2 (ad ogni strada è abbinata una categoria).
Seguono comunque alcune indicazioni:
calcolo del canone occupazione suolo pubblico
Delibera C.C. del 20/07/2015 n. mecc. 2015 02831/024

Canone =  Tariffa base giornaliera al mq (1) x  Coefficiente viario  (2) x Coefficiente per specifiche tipologie (3) x  Superficie (4) x  Durata (5)

  1. 1. Tariffa base giornaliera Anno 2018€ 0,334
  2. Coefficiente viario = da Regolamento ovvero
    Categorie Coefficienti
    I 1,25
    II 0,95
    III 0,75
    IV 0,60
    V 0,45
  3. Coefficiente per specifiche tipologie
    Specifiche tipologie di occupazione permanente Coefficiente moltiplicatore
    Passo carrabile a raso con cartello - svasi - scivoli e riserve di parcheggio per alberghi 0,75
    Aree per la distribuzione di carburanti e simili 1,25
    Verande o strutture simili su suolo pubblico, destinate ad attività commerciali, di somministrazione e per la copertura di dehor 1,88
    Dehor costituito esclusivamente da tavoli, sedie ed ombrelloni, senza delimitazioni verticali o con semplice cordone 1,10
    Chioschi per somministrazione e commercio - banchi e strutture perm. per la vendita di libri usati -  dehor  con struttura complessa, delimitato da un elemento verticale con altezza non superiore a cm.160, con esclusione dei cordoli 1,15
    Dehor con struttura complessa, delimitato da elemento verticale con  altezza superiore a cm. 160 1,45
    Edicole per la vendita di giornali e riviste 0,75
    Intercapedini, griglie, lucernari 1
  4. Superficie = varia in base all’occupazione
  5. Durata = pari a 365 gg

Le occupazioni permanenti del territorio comunale realizzate con cavi, condutture, impianti o con qualsiasi altro manufatto da aziende di erogazione di pubblici servizi e da quelle esercenti attività strumentali ai servizi medesimi sono soggette a concessione di occupazione suolo pubblico ed al pagamento di un canone commisurato al numero complessivo delle relative utenze, risultante al 31 dicembre dell'anno precedente, per la misura unitaria per utenza, stabilita dalla legge. Il canone deve essere versato in un’unica soluzione entro il 30 aprile di ogni anno a mezzo i conto corrente postale intestato al Comune di Torino o nelle altre forme di pagamento comunicate dalla Città alle aziende suddette.

Le occupazioni permanenti effettuate invece per l'erogazione di beni o altre utilità non aventi carattere di preminente interesse generale, a mezzo convenzione, sono assoggettate ugualmente a preventiva concessione rilasciata dall’Amministrazione e da un canone annuale commisurato alla tariffa ordinaria base ragguagliata alle varie categorie viarie e per metro quadrato al giorno.

In entrambi i citati casi la concessione è rilasciata dalla Direzione Servizi Tributari, Catasto e Suolo Pubblico, Servizio Arredo Urbano - Uff. Precari

Torna su


Ultimo aggiornamento: 10 Luglio, 2018

Stampa questa pagina

Condividi

Torna indietro