Attività sottoposte al procedimento

Installazione, modifica, trasferimento e/o subingresso, comunicazione di sospensione e/o ripresa di di attività di impianto di distribuzione di carburante.

Cosa occorre fare

Inviare i modelli a mezzo Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo: suap@cert.comune.torino.it

Documentazione da allegare

Gli eventuali allegati sono indicati all’interno dei modelli da presentare.

Modulistica

  • Richiesta di autorizzazione di installazione / modifica:
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) di modifica impianto:
  • Comunicazione di modifica impianto:
    • Modello CA07
    • La corretta realizzazione delle modifiche di cui ai punti a), b), e) e g) dell’art. 5 comma 1 della D.G.R. 40-6232/2017 è asseverata da attestazione rilasciata da tecnico abilitato tramite la Dichiarazione di conformità tecnica: Modello CA02
  • Comunicazione di trasferimento di titolarità dell’autorizzazione e/o subingresso:
    • Modello CA05
    • Mod. TARI Dichiarazione per l’applicazione del tributo sui rifiuti (utenze non domestiche)
  • Comunicazione di sospensione e/o di ripresa dell’attività:
    • Comunicazione di sospensione dell’attività in impianto di distribuzione carburanti: Modello CA08
    • Comunicazione di ripresa dell’attività in impianto di distribuzione carburanti: Modello CA09

Per gli endoprocedimenti attivati dalla richiesta di autorizzazione all’installazione/modifica dovrà essere utilizzata la modulistica predisposta dai singoli Enti oltre a quella necessaria per l’ottenimento dell’autorizzazione petrolifera presso la Divisione Infrastrutture e Mobilità – Servizio  Suolo Parcheggi – Uff. Carburanti e Precari.

Per attestare l’inesistenza delle cause di divieto, di decadenza, di sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs. 06.09.2011 n.159 da parte delle Società, si utilizzi il seguente modello “Allegato A1

Contatti

La struttura competente è lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.) della quale è responsabile la Dott.ssa Daniela Maria Vitrotti.

Il responsabile del Procedimento è  la funzionaria in P.O. Dott.sa Arianna Maria Risso.

Lo Sportello Unificato attività produttive – SUAP ha sede a Torino in Via Meucci 4.

Per richiesta informazioni e informazioni su orari e sportelli consultare la pagina Contatti.

Enti coinvolti

  • Comando Provinciale Vigili del Fuoco – Ufficio Prevenzione Incendi – Corso Regina Margherita n. 330 – 10143 Torino
  • Agenzia delle dogane – Agenzia delle Dogane – Corso Sebastopoli n.3 – 10134 Torino
  • A.S.L.1. – TORINO  – Dipartimento di Prevenzione – Via della Consolata n. 10  – 10122 TORINO

Ove l’entità degli interventi  richiedano l’approfondimento di specifiche tematiche  verranno  coinvolti altri enti (SMAT, Città Metropolitana …)

Tempistica

  • Procedimento autorizzatorio: 90 giorni
  • S.C.I.A.: 60 giorni
  • Autocertificazione: 30 giorni

Oneri

versamento dei diritti di istruttoria ai sensi della Deliberazione G.C. mecc. 2019 02882/16, corrispondenti all’importo di:

  • Attivazione, modifiche, trasferimenti per impianti di carburante : € 250,00
  • Comunicazioni in materia di impianti carburante: € 20,00

tramite il portale PiemontePay/pagoPA di Torinofacile.

Eventuali altri importi da pagare per gli endoprocedimenti attivati dalla pratica sono da controllare sui siti dei diversi Enti titolari di tali endoprocedimenti.

Durata/Rinnovi

Il collaudo degli impianti di carburante per autotrazione è quindicennale.

Riferimenti normativi

  • D. Lgs. 11.02.1998, n. 32 e s.m.i.“ Razionalizzazione del sistema di distribuzione carburanti ”;
  • Legge Regionale 31/05/2004 n. 14 “Norme di indirizzo programmatico regionale per la razionalizzazione e l’ammodernamento della rete distributiva dei carburanti”;
  • D.G.R. 22 Dicembre 2017, n. 40-6232 “L.R. n. 14/2004;
  • Attuazione delle Linee Guida per il recepimento dell’art. 18 del D.Lgs n. 257/2016 recante “Disciplina di attuazione della direttiva 2014/94/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22/10/2014, sulla realizzazione di una infrastruttura per i combustibili alternativi”;
  • Revoca delle D.G.R. n. 57-14407/2004, D.G.R. 35-9132/2008 e D.G.R. n. 4612577/2009”;
  • D.P.R. 07/09/2010 N. 160 Regolamento per semplificazione ed il riordino della disciplina sullo sportello unico per le attività produttive, ai sensi dell’articolo 38, comma 3, del decreto legge 25 giugno 2008, n. 212, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008 n. 133;
  • D.lgs 25/11/2016 n. 222 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell’articolo 5 della L. 07/08/2015 n. 124.