Direzione Servizi Sociali


S.F.E.P. - Scuola Formazione Educazione Permanente





Città di Torino > S.F.E.P. > Formazione permanente > Area Disabili sensoriali




   Icona stampante

Formazione permanente e aggiornamento

Area disabili sensoriali

Percorso attualmente non attivo

Destinatari

Esperienza lavorativa in atto e documentata, nella funzione specifica, di almeno 6 mesi.


Bisogni formativi

La complessità dei sistemi di welfare locale, la nuova integrazione con le politiche sanitarie dell'educazione delineate dalla L. 328/2000, la personalizzazione degli interventi unitamente al progresso tecnologico e scientifico in materia di disabilità sensoriale determinano la presenza di nuovi fabbisogni formativi in termini di aggiornamento professionale e a sostegno del ruolo degli educatori che operano nel sistema territoriale di servizi e interventi socio educativi.

I bisogni formativi ai quali si ritiene opportuno dare una risposta prioritaria sono:


Finalità

Acquisizione delle conoscenze relative alle novità tecnologiche e scientifiche in materia di disabilità visiva e uditiva utili ad ampliare in bagaglio tecnico operativo necessario alla realizzazione degli interventi in favore degli utenti.


Competenze da sostenere o acquisire

Numero iscritti

L'attuale formazione è rivolta a 44 educatori


Corsi attivati e loro durata

N 2 corsi con 22 iscritti ciascuno.
La durata complessiva del percorso è di 40 ore, sviluppate nell'arco di circa due mesi (dal 25 settembre 2008 al 19 novembre 2008).


Argomenti del corso

La proposta formativa si articolerà secondo 2 moduli:

Modulo 1
Sordità neurosensoriale bilaterale: perdita grave e gravissima; protesizzazione e valutazione delle abilità percettive uditive; abilità comunicativa e abilità vocale verbale. La posizione privilegiata della voce e della parola nel mondo dei suoni.
Cecità e i vari deficit dell'ipovisione: incidenza e implicazioni nell'elaborazione cognitiva dello spazio (dalle acquisizioni sensomotorie elementari alle rappresentazioni simboliche). La comprensione delle proprietà degli oggetti attraverso il tatto quale percettore di contatto.
Il nuovo modello di classificazione delle disabilità (ICF) e gli strumenti già in uso (PEI, diagnosi funzionale ecc.). Tecniche di osservazione e valutazione del potenziale iniziale.

Modulo 2
Attaccamento e accudimento: la complessità delle relazioni familiari e la loro influenza sugli esiti.
L'imitazione come mezzo di crescita psicologica; gli scambi interattivi e la loro influenza nell'acquisizione di abilità prosociali e sociali. Il conflitto come opportunità di crescita ed elemento portatore di cambiamento.


Verifica finale

Prova scritta con test finale di rilevazione delle competenze acquisite.


Abilità e competenze oggetto di verifica

Il possesso di competenze pratiche ed operative relative alla valutazione delle potenzialità del disabile sensoriale e definizione di un progetto di evoluzione adeguato all'età e condiviso dalla famiglia.






Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookieDichiarazione di accessibilità