Città di Torino > Tasse e Tributi > Imposta di soggiorno

Imposta di soggiorno

Cos'è e dove si applica

L'imposta di soggiorno, adottata dal Comune di Torino (in base alle disposizioni previste dall'art. 4 del Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011), si applica dal 2 aprile 2012.

Con la deliberazione n. mecc. 2013 03405/013 del 16 settembre 2013, esecutiva dal 30 settembre 2013, il Consiglio Comunale ha apportato alcune modifiche al Regolamento n. 349 per l’applicazione dell’imposta di soggiorno.

Con la deliberazione n. mecc. 2014 03259/013 del 22 settembre 2014, immediatamente eseguibile, il Consiglio Comunale ha aggiornato le tariffe con decorrenza 1° ottobre 2014 e, conseguentemente, il Regolamento n. 349 della Città.

Per disposizione legislativa, l'imposta è destinata a finanziare gli interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i relativi servizi pubblici locali.

Torna su

Presupposto dell’imposta

L'imposta si applica ad ogni alloggiamento (ossia per ogni persona e per ogni soggiorno), fino ad un massimo di 4 o 7 pernottamenti consecutivi, con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere che si trovano nel territorio del Comune di Torino, come definite dalla Legge regionale 15 aprile 1985 n. 31 in materia di turismo e richiamate nell’art. 1 del Regolamento comunale n. 349 per l’applicazione dell’imposta di soggiorno (si veda l’Allegato A in calce).

Torna su

Soggetto passivo

E' soggetto all'imposta chi alloggia nelle strutture ricettive che si trovano nel territorio urbano della città di Torino e non risulta iscritto all’anagrafe del Comune di Torino. Sono fatte salve le esenzioni espressamente elencate nel Regolamento comunale (n. 349).

Torna su

Tariffe

La misura dell’imposta è graduata e commisurata con riferimento alle varie tipologie ricettive (si veda l’Allegato A in calce) tenuto conto delle caratteristiche e dei servizi offerti, nonché del conseguente prezzo del soggiorno. Essa è applicata all’atto del pagamento della prestazione alberghiera, per ciascun periodo di pagamento (ossia per ogni trimestre),  fino ad un massimo di:

  • 4  pernottamenti  consecutivi  nelle strutture  ricettive  rientranti  nelle  tipologie  Alberghi e B&B;
  • 7 pernottamenti consecutivi nelle strutture ricettive rientranti fra le tipologie Alberghi residenziali (ossia R.T.A. = Residenze turistico-alberghiere), Case per ferie, Case appartamenti vacanze, Residence, Campeggi e ostelli, Affittacamere e immobili occasionalmente usati a fini ricettivi di cui alla Legge Regionale n. 31 del 15 aprile 1985.
Modulazione della tariffa
Tipologia struttura Tariffa di soggiorno (€)
Albergo 1 stella 1,80
Albergo 2 stelle 2,30
Albergo 3 stelle 2,80
Albergo 4 stelle 3,70
Albergo 5 stelle 5,00
Albergo 5 stelle lusso5,00
Albergo residenziale* 2 stelle2,30
Albergo residenziale* 3 stelle 2,80
Albergo residenziale* 4 stelle 3,70
Case per ferie 1,80
Affittacamere 1,80
Ostelli/campeggio1,00
B&B 1 stella 1,80
B&B 2 stelle2,30
B&B 3 stelle 2,80
B&B 4 stelle 3,70
Cav e residence 2,80

 *Con la dicitura “Albergo residenziale” si intendono le R.T.A. (Residenze turistico-alberghiere).

Fino ad un massimo di 4 pernottamenti consecutivi per periodo di pagamento (trimestre) nelle strutture ricettive Alberghi e B&B e fino ad un massimo di 7 pernottamenti consecutivi per periodo di pagamento (trimestre) nelle strutture ricettive Alberghi residenziali, Case per ferie, Case appartamenti vacanze, Residence, Campeggi e ostelli, Affittacamere e immobili occasionalmente usati a fini ricettivi di cui alla Legge Regionale n. 31 del 15 aprile 1985.

Torna su

Esenzioni

Sono esenti dal pagamento dell’imposta:

  • i minori fino al compimento del dodicesimo anno di età;
  • gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati. L’esenzione si applica per ogni autista di pullman e per un accompagnatore turistico ogni 20 partecipanti;
  • i malati e coloro che assistono degenti ricoverati presso strutture sanitarie, in ragione di due accompagnatori per paziente. L’esenzione è subordinata alla presentazione al gestore della struttura ricettiva di apposita certificazione della struttura attestante le generalità del malato o del degente ed il periodo di riferimento delle prestazioni sanitarie o del ricovero. L’accompagnatore dovrà altresì dichiarare, ai sensi degli art. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni, che “il soggiorno presso la struttura ricettiva è finalizzato all’assistenza sanitaria nei confronti del soggetto degente” (MODULO A allegato);
  • le scolaresche e gli studenti universitari fuori sede, con i relativi docenti accompagnatori, fermi restando gli obblighi di comunicazione on line a carico dei gestori (MODULO B allegato);
  • i soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche, per fronteggiare situazioni di carattere sociale nonché di emergenza conseguenti a eventi calamitosi o di natura straordinaria o per finalità di soccorso umanitario;
  • i volontari che prestano servizio in occasione di calamità;
  • i dipendenti della struttura ricettiva presso la rispettiva struttura datoriale.

Le esenzioni previste ai punti "2" (autisti di pullman e accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati - un autista e un accompagnatore ogni 20 partecipanti) e le esenzioni previste al punto “4”( le scolaresche nonché gli studenti universitari fuori sede) sono subordinate alla presentazione della dichiarazione (MODULO B allegato) direttamente al gestore della struttura, che ne curerà la conservazione.

Le esenzioni previste ai punti “5” e “6” sono subordinate alla presentazione della dichiarazione (MODULO C allegato) direttamente al gestore della struttura, che ne curerà la conservazione.

In particolare le attestazioni presentate dai clienti per ottenere l'esenzione dal pagamento dell'imposta, dovranno essere trattenute dal gestore della struttura e conservate nel rispetto delle disposizioni di cui al D.Lgs. 196/2003 (Codice della privacy) e potranno essere oggetto di richiesta ai fini di un successivo controllo da parte degli uffici comunali.
All’Ufficio Imposta di Soggiorno devono essere trasmessi (via e-mail o via fax o via posta ordinaria) solo il Modulo D (Modulo D-cliente-“Dichiarazione di omesso versamento imposta a cura del soggetto passivo” e Modulo D-gruppo-“Dichiarazione di omesso versamento imposta a cura del soggetto passivo”) ed il Modulo E-“Dichiarazione di omesso versamento imposta” compilato a cura del gestore della struttura ricettiva.

Torna su

Obblighi dei gestori delle strutture ricettive

I gestori delle strutture ricettive sono tenuti a:

  • informare i propri ospiti dell'applicazione, entità ed esenzioni dell'imposta di soggiorno;
  • riscuotere l'imposta, rilasciandone quietanza, emettendo una semplice ricevuta nominativa al cliente (conservandone copia) oppure inserendo il relativo importo in fattura indicandolo come "operazione fuori campo IVA";
  • Nel caso di rifiuto da parte dell'ospite alla corresponsione dell'imposta, il gestore della struttura deve fargli sottoscrivere una dichiarazione e trasmetterla all’Ufficio Imposta di Soggiorno del Comune di Torino in corso Racconigi 49 ( MODULO D Cliente – Modulo D riservato ai gruppi guidati).
  • Nel caso in cui l'ospite si rifiuti anche di compilare e sottoscrivere la dichiarazione, sarà cura del gestore redigere e firmare la dichiarazione sostitutiva di notorietà in cui si dia evidenza della circostanza e si riportino i dati del cliente (MODULO E). Il Modulo E dovrà essere trasmesso all’Ufficio Imposta di Soggiorno del Comune di Torino in corso Racconigi 49.
  • conservare tutta la documentazione relativa all’imposta di soggiorno (dichiarazioni sostitutive di esenzione, dichiarazioni di omesso versamento, ecc.) per almeno 5 anni, ai sensi dell’art. 1, comma 161, D.Lgs. 296/2006);
  • effettuare l'invio telematico della dichiarazione dell'imposta entro quindici giorni dalla fine di ciascun trimestre solare (ossia entro il 15 gennaio, 15 aprile, 15 luglio, 15 ottobre di ogni anno) comunicando:
  • il numero di coloro che hanno pernottato nel trimestre precedente (soggetti passivi dell’imposta) con espressa indicazione di quelli esenti (autisti, accompagnatori, minori, malati…);
  • il numero di notti di permanenza relative ai soggetti di cui al punto precedente.

NOTA BENE: La dichiarazione trimestrale va presentata anche se per il periodo considerato non ci sono stati pernottamenti o ci sono stati pernottamenti di soggetti esenti dal pagamento dell’imposta.
Le sanzioni previste a carico dei gestori (e degli ospiti) per i casi di inottemperanza agli obblighi di cui sopra, sono indicate nel Regolamento n. 349 (articoli 5 e 8).

  • versare le somme riscosse entro quindici giorni dalla fine di ciascun trimestre solare per non incorrere nelle sanzioni penali (reato di peculato per appropriazione di denaro pubblico, spettante ad una pubblica amministrazione, nella specie il Comune di Torino).

Per ogni anno di imposta le scadenze sono:

  • 15 gennaio
  • 15 aprile
  • 15 luglio  
  • 15 ottobre

Il   Comune   di   Torino,  attraverso  la  società  di  riscossione  Soris  S.p.A., mette a disposizione un apposito applicativo:  
http://portale.servizi.soris.torino.it/pagonet2/extservice/login.sso?canale=imposta 
attraverso  il  quale  sarà  possibile  inviare  le  comunicazioni  trimestrali, effettuare o registrare i pagamenti, controllare la serie storica delle comunicazioni inoltrate.

La dichiarazione trimestrale deve essere trasmessa per via telematica, e potrà eventualmente essere accompagnata (ma non “sostituita”) anche da un modulo cartaceo (Comunicazione trimestrale), con le seguenti modalità:

    • al n° di fax  011-4432789;
    • tramite servizio postale con raccomandata A/R indirizzata a SORIS    S.p.A. Via Vigone n. 80 - 10139 Torino;
    • con consegna a mano agli sportelli SORIS negli orari di apertura al pubblico: lunedì - venerdì dalle 8.30 alle 13.30 sabato chiuso;

Torna su

Modalità di versamento dell'imposta

Entro 15 giorni dalla fine di ciascun trimestre solare il gestore potrà procedere al riversamento del denaro, attivando i seguenti canali di pagamento:

  • mediante le procedure di pagamento on-line disponibili su questo sito: www.soris.torino.it alla voce pagamenti, dove sarà visibile il codice IBAN;
  • presso gli sportelli delle banche convenzionate reperibili al medesimo sito internet;
  • con pagamento mediante c/c postale n. 001004604102 intestato a SORIS S.p.A.-Imposta di soggiorno.

Per ottenere informazioni relative all'utilizzo del sistema via web della dichiarazione e/o versamento on-line e su tutti gli altri canali di pagamento è possibile contattare il seguente indirizzo mail collegandosi al sito www.soris.torino.it e compilando il MODULO DI CONTATTO previsto. E’ altresì possibile telefonare al numero di call center 848800141.

Torna su

Modalità di accreditamento al sistema

I gestori/titolari delle strutture ricettive (che hanno presentato la SCIA all’Ufficio Licenze di Pubblica Sicurezza della Direzione Commercio e Attività Produttive di via Meucci 4), dovranno registrarsi al portale Soris S.p.A. dedicato all'Imposta di Soggiorno disponibile al link:
http://portale.servizi.soris.torino.it/pagonet2/extservice/login.sso?canale=servizi 

Compilando ed inviando a Soris S.p.A. la “Richiesta attivazione registrazione utenza” (il form richiederà l'inserimento di una semplice serie di dati relativi al titolare della struttura, dell'eventuale delegato ad operare sul portale nonché della struttura ricettiva stessa).
Nel caso in cui il gestore non fosse in possesso del numero di protocollazione (cosiddetta “U.L.”) dell’istanza presentata all’Ufficio Licenze di Pubblica Sicurezza della Direzione Commercio e Attività Produttive di via Meucci 4, potrà in ogni caso compilare il campo inserendo la dicitura “provvisorio”.
Soris S.p.A., ricevuta la suddetta "Richiesta attivazione registrazione utenza", provvederà ad inviare al gestore - a mezzo mail - la password provvisoria ed il codice di controllo (PUK) utili per il primo accesso al portale, completando così la procedura di accreditamento che verrà segnalata con un’ulteriore quarta e-mail indicante il completamento dell’avvenuta attivazione dell’utenza.
Per esigenze di sicurezza relative al trattamento dei dati, la password dovrà essere cambiata ogni sei mesi in quanto il sistema la disattiva automaticamente.

Torna su

Sanzioni

Le sanzioni previste a carico dei gestori (e degli ospiti) per i casi di inottemperanza agli obblighi di cui sopra, sono indicate nel Regolamento comunale n. 349 (articoli 5 e 8).

Per l'omessa, incompleta o infedele dichiarazione/comunicazione trimestrale alle prescritte scadenze, ovvero per la violazione degli obblighi di cui all'articolo 5, commi 2 e 3, del Regolamento comunale n. 349 (segnalazione delle inadempienze degli ospiti) da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25,00 a 500,00 Euro, ai sensi dell'articolo 7-bis del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267.
Per l'omesso, ritardato o parziale versamento dell'imposta alle prescritte scadenze, da parte del gestore della struttura ricettiva, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 25,00 a 500,00 Euro, ai sensi dell'articolo 7-bis del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, fatte comunque salve le sanzioni penali previste per il reato di peculato, per appropriazione di denaro pubblico, spettante al Comune di Torino.  

Torna su

Versamenti in eccedenza

Nei casi di versamento dell’imposta di soggiorno in eccedenza rispetto al dovuto, l’importo può essere recuperato, previa comunicazione a Soris S.p.A., mediante compensazione con i pagamenti dell’imposta stessa da effettuare alle successive scadenze (art. 10 del Regolamento comunale n. 349). Nelle ipotesi in cui l’eccedenza da compensare sia pari o superiore ad euro 2.500,00 occorre preventivamente contattare il n. tel.  011-4424817/4420448 per ottenere l’autorizzazione. Nel caso in cui i versamenti in eccedenza non siano stati compensati, può essere richiesto il rimborso, entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione. Non si procede al rimborso dell’imposta per importi pari o inferiori ad euro 12,00 ai sensi della normativa vigente.

Torna su

Modulistica

Torna su

Normativa di riferimento

Torna su


Ultimo aggiornamento: 2 Ottobre, 2014

Stampa questa pagina

Informazioni

Per ottenere informazioni relative all'utilizzo del sistema via web della dichiarazione e/o versamento on-line e su tutti gli altri canali di pagamento è possibile contattare il seguente indirizzo mail collegandosi al sito www.soris.torino.it e compilando il MODULO DI CONTATTO previsto. E’ altresì possibile telefonare al numero di call center 848800141.
Ulteriori informazioni sull'applicazione dell'imposta di soggiorno possono essere richieste all’Ufficio Imposta di Soggiorno della Direzione Servizi tributari, Catasto e Suolo pubblico – Servizio Amministrazione Gestione finanziaria–Imposta di Soggiorno, sito in Corso Racconigi n. 49 - 10139 Torino
telefono 011-4424817; 011-4420448 oppure 011-4420350.
Sportelli SORIS S.p.A.- orario di ricevimento al pubblico: lunedì - venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.30; sabato chiuso.

Condividi

Torna indietro