Città di Torino

Corpo di Polizia Municipale


Comune > Sicurezza ed Emergenze > Polizia Municipale > Sicurezza Urbana > Educazione nelle scuole


Educazione nelle scuole

Aggiornata al 5 Dicembre, 2011

  • Convivenza Civile (educazione stradale, civile, etc.): Il Corpo di Polizia Municipale, interviene ormai da oltre 20 anni in campo educativo, presentando  la propria esperienza ai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori, non solo della Città di Torino ma anche in parecchi Comuni della Provincia. Le attività proposte vanno dalla “storica” educazione stradale indirizzata ad una graduale formazione di un corretto comportamento sulla strada, passando per i più recenti interventi di educazione alla legalità con particolare riferimento alle conflittualità giovanili nonché alla crescita di una vera e propria cultura del decoro urbano…
  • Prevenzione del Disagio giovanile: L’obiettivo generale del progetto è dare il sostegno alla prevenzione del disagio e del bullismo per la difesa dei diritti delle studentesse e degli studenti.
    Il progetto ha come capofila il Liceo Cattaneo di Torino e vede la partecipazione di numerose scuole suddivise tra Istituti Comprensivi, Istituti Secondari di Primo grado e Istituti Secondari di Secondo Grado sia  torinesi che di alcuni comuni del circondario. Al progetto partecipano inoltre l’Ufficio Scolastico Regionale Piemonte, la Cooperativa CEMEA Piemonte, i Carabinieri, il Tribunale per i minorenni del Piemonte e della Valle d’Aosta, l’Ufficio Educazione Fisica di Torino, la Federazione Italiana Rugby…
  • Rischi tecnologie informatiche: Nella primavera del 2010 il Corpo di Polizia Municipale attraverso il Nucleo di Prossimità ed il Nucleo Investigazioni Scientifiche e Tecnologiche ha intrapreso un interessante progetto con gli studenti dell’Istituto Tecnico Amedeo Avogadro di Torino.L’obiettivo principale era quello di sondare il mondo delle nuove tecnologie informatiche (telefoni cellulari, internet, tablet ecc.) che hanno rivoluzionato il contesto aggregativo sociale delle giovani generazioni. I fenomeni sono stati osservati dalla prospettiva dei rischi che possono comportare queste nuove realtà…


Torna indietro Stampa questa pagina Torna ad inizio pagina