Città di Torino

Corpo di Polizia Municipale


Comune > Sicurezza ed Emergenze > Polizia Municipale > Sanzioni > Ricorsi


Procedure per ricorsi al Prefetto

Aggiornata al 23 Maggio, 2014

Vorrei presentare ricorso: quanto tempo ho?

Si può presentare ricorso entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale ai sensi art. 201 C.d.S. Con il termine contestazione s’intende la notifica immediata ovvero il trasgressore è stato fermato dall’agente P.M. su strada, è stato identificato ed è stato redatto immediatamente il verbale.

Se il verbale d’accertamento (c.d preavviso) è rinvenuto sul parabrezza del veicolo non si è ancora in presenza di atto perfezionato ed occorre attendere la notificazione nei confronti del proprietario che, per le violazioni sino al 12 agosto 2010, deve avvenire entro 150 giorni dalla data di accertamento, mentre per quelle dal 13 agosto 2010 deve avvenire entro 90 giorni dalla data di accertamento così come modificato dalla legge 120/2010(art. 201 C.d.S.).

In alternativa, il proprietario che intende presentare ricorso immediatamente può presentarsi presso uno degli sportelli preposti dove, contestualmente alla presentazione del ricorso, sarà anche notificato l’atto.

Per fare ricorso occorre un modulo specifico?

Lo scritto difensivo può essere redatto in carta semplice o utilizzando l’apposito modulo MOS D11 08 “Ricorso al Prefetto di Torino” presente nell’area sportelli o scaricabile dal paragrafo dei moduli (in fondo a questa pagina) e deve essere indirizzato al Prefetto  (es. Al Prefetto della Città di Torino c/o Corpo Polizia Municipale ) . ( art. 203 C.d.S. )

Allo scritto si può allegare tutta la documentazione che il ricorrente ritenga utile per supportare le sue motivazioni (per es. copie permessi, copie certificati medici, dichiarazioni datore lavoro, copie documenti veicolo, ecc.). Ricordare sempre che si deve sottoscrivere il ricorso.

Occorre indicare chiaramente il numero e la data del verbale che s’intende impugnare.

Se si ritiene necessario si può richiedere audizione personale al Prefetto.

Come faccio a presentare il ricorso?

  • tramite raccomandata a.r. direttamente al Comando di Polizia Municipale di Torino - Ufficio Verbali - via Bologna, 74 – 10152 Torino;
  • alla Prefettura - Ufficio Circolazione e Traffico - Via del Carmine, 12 –10122 Torino;
  • tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo: corpo.poliziamunicipale@cert.comune.torino.it
  • direttamente agli sportelli della Polizia Municipale abilitati:
    • Via Bologna, 74  lunedì – martedì -  venerdì -  sabato – prefestivi  orario 9,15/13,30
      mercoledì – giovedì con orario 9,15/18. Durante il mese di agosto anche mercoledì e giovedì chiusura ore 13,30.
    • Presso la sede della P.M. S.T.C. 1^ – (lunedì, martedì, mercoledì, giovedì 08,00 - 17,30; venerdì 08,00/15,30)
    • Presso le sedi della P.M. SS.TT.CC. 2^ - 10^ – (lunedì, martedì, mercoledì 09,00 – 13,00; giovedì e venerdì 09.00-16.00; sabato e prefestivi 09,00 -12.30)

Quanto tempo ci vuole per avere una risposta dal Prefetto?

Dal ricevimento del ricorso il Comando di Polizia Municipale ha 60 giorni di tempo per istruire il fascicolo e trasmetterlo in Prefettura.
La Prefettura ha a disposizione 120 giorni per emettere provvedimento d’ingiunzione di pagamento o d’archiviazione del verbale.
Il provvedimento di rigetto del ricorso ed ingiunzione di pagamento deve essere notificato entro 150 giorni dalla sua data di emissione.

Attenzione: se si era richiesta audizione personale i termini sopra indicati, subiscono un’interruzione che va dal momento della notifica convocazione a quello dell’avvenuta audizione.

Se il Prefetto non accoglie il mio ricorso quanto dovrò pagare?

In caso di mancato accoglimento del ricorso il Prefetto ingiunge il pagamento della sanzione in misura doppia rispetto a quella indicata a verbale (c.d. minimo edittale). Le modalità di pagamento sono indicate sul provvedimento del Prefetto. In caso di mancato pagamento sarà avviata la procedura coattiva prevista dalla legge.

E se non sono d’accordo con quanto stabilito dal Prefetto?

Il provvedimento del Prefetto si può impugnare: entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento stesso, si può presentare opposizione direttamente alla Cancelleria del Giudice di Pace sita in Viale dei Mughetti 22/a - Torino, o tramite raccomandata a.r.

In quali circostanze può essere richiesta l’archiviazione del verbale in autotutela, secondo quanto previsto dalla delibera della Giunta Comunale n° 200603851/048 del 16/05/2006?

L’istituto dell’autotutela, si applica in caso di:

  • Doppia verbalizzazione;
  • Furto;
  • Notifica a vecchio proprietario, a seguito di passaggio di proprietà;
  • Errata rilevazione targa;
  • Decesso;
  • Varchi elettronici riguardanti:
    • Taxi;
    • Noleggio con conducente;
    • Erronei inserimenti targa in white-list (documentati)

L’istanza di archiviazione in autotutela, deve essere presentata ed inoltrata con le stesse modalità previste per la presentazione/inoltro del ricorso, in precedenza descritte (cfr :Per fare ricorso occorre un modulo specifico/Come faccio presentare ricorso). Detta istanza è da intendersi accolta trascorsi 360 gg dalla data della sua presentazione.

Qualora non sussistano motivazioni di autotutela, il fascicolo sarà trattato come ricorso al Prefetto, con informazione tramite lettera al richiedente.

Prima di presentare ricorso se la violazione riguarda velox,varchi ztl come posso verificare se effettivamente è il mio veicolo che  ha commesso l’infrazione?

Tramite il sito web del comune di Torino andando sulla pagina “Visura Multe” è possibile inserendo i dati di Numero ADI (riportato nella parte superiore destra della notifica) verificare:

  • Data della violazione
  • Ora della violazione
  • Targa del veicolo sanzionato

Si possono utilizzare i seguenti moduli (in formato Pdf):

Ubicazione delle sedi circoscrizionali della Polizia Municipale



Torna indietro Stampa questa pagina Torna ad inizio pagina