Città di Torino

Corpo di Polizia Municipale


Comune > Sicurezza ed Emergenze > Polizia Municipale > Il Corpo > Struttura > Nuclei


IL PROGETTO DI CONVIVENZA CIVILE NELLE SCUOLE

Aggiornata al 7 Giugno, 2012

Il Corpo di Polizia Municipale, interviene ormai da oltre 20 anni in campo educativo, presentando  la propria esperienza ai ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori, non solo della Città di Torino ma anche in parecchi Comuni della Provincia.
Le attività proposte vanno dalla “storica” educazione stradale indirizzata ad una graduale formazione di un corretto comportamento sulla strada, passando per i più recenti interventi di educazione alla legalità con particolare riferimento alle conflittualità giovanili nonché alla crescita di una vera e propria cultura del decoro urbano.
Tutte queste proposte hanno la finalità di condividere l’esperienza del Corpo con il mondo della scuola, affrontando insieme le problematiche giovanili, le realtà urbane, il recupero del territorio nelle diverse ottiche di convivenza civile, di sicurezza e rispetto reciproco.
Ormai ogni concetto non può essere affrontato singolarmente ma deve essere interpretato in modo più ampio ed ogni approccio tematico deve stabilire una connessione d’interventi volti ad integrare l’ampio spettro delle realtà sociali.
Il progetto viene realizzato in collaborazione con il servizio della Città di Torino I.T.E.R. (Istituzione torinese per un’educazione responsabile) che cura i progetti didattici rivolti alle scuole Primarie e Secondarie di primo grado di Torino. Tutte le proposte hanno la finalità di condividere l’esperienza del Corpo con i ragazzi, affrontando insieme le problematiche giovanili, le realtà urbane, il recupero del territorio nelle diverse ottiche di convivenza civile, di sicurezza sociale e di rispetto reciproco.
Le aree tematiche che vengono affrontate nei Progetti di Convivenza Civile sono:

1. Mobilità consapevole e sicurezza stradale (promuovere la conoscenza e il rispetto delle regole della circolazione stradale e della sicurezza del traffico, conoscere l'importanza e l'utilità delle norme sulla sicurezza stradale per un comportamento sicuro in ogni situazione sperimentando il corretto comportamento da tenere in strada)

2. Crescere responsabile: educazione alla legalità (promuovere il concetto di legalità associandolo a quello di comunità ed alla responsabilità individuale)

3. La strada ed il giardino: la sicurezza stradale ed il decoro urbano (educare alla sicurezza stradale attraverso una mobilità consapevole, promuovere comportamenti rispettosi verso l’ambiente ed il decoro urbano)

4. Un cittadino nuovo: educazione alla legalità e sicurezza stradale (comprendere l’origine dei concetti legati alle norme in rapporto alla realtà sociale, ai comportamenti umani con particolare riferimento alla realtà urbana, conoscere i rischi della circolazione e le risposte dell’organismo umano alla guida di qualsiasi tipo di veicolo)

5. Per strada e nella scuola: relazioni tra pari e legalità, decoro urbano e sicurezza stradale  (riflettere ed analizzare i comportamenti derivanti dalle relazioni tra pari, promuovere comportamenti rispettosi verso l’ambiente ed il decoro urbano, educare alla sicurezza stradale attraverso una mobilità consapevole)

6. I rischi da nuove tecnologie digitali:  rendere consapevoli gli utilizzatori che le nuove tecnologie digitali (internet, social network, chat, telefonini, videogiochi ecc. ) sono potentissimi sistemi di comunicazione ma celano rischi, dall’approccio di relazione, alla privacy, alla violenza e così via.

Nell'anno scolastico 2011/12 sono stati realizzati, nell'ambito dei Progetti Didattici interventi in 92 scuole, per complessive 315 classi, coinvolgendo 7200 tra ragazze e ragazzi. Gli interventi vengono tenuti da personale specializzato e formato in materia utilizzando materiale didattico predisposto specificatamente per i vari argomenti.



Torna indietro Stampa questa pagina Torna ad inizio pagina