Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde > Verde Pubblico > Parchi e giardini > Valentino


Aggiornato il 30.06.2015

Parco Rignon

Mappa del Parco Parco Storico, Parco Urbano
Circoscrizione : 2
Indirizzo: corso Orbassano 200;
ingressi secondari: via Piscina 22/a,
via Filadelfia 205 int. 5/a

Orario di apertura
(D.D. 234 del 17 aprile 2008)
feriali e festivi:
ore 7-21 dal 1° ottobre al 30 aprile;
ore 7-23 dal 1° maggio al 30 settembre ;
h. 7.00/24.00 in occasione di eventi estivi

Superficie: mq 46.200

Cenni storico-architettonico-paesaggistici-naturalistici

Il Parco Rignon era il parco privato della famiglia Provana di Collegno, ultimi proprietari della Villa Amoretti ubicata al suo interno.
E' un parco storico, ricco di alberi ad alto fusto: l'ingresso è segnato da un doppio filare di tigli e vi trovano spazio maestosi esemplari di faggio, quercia, ippocastano. Colorate aiuole fiorite vi sono realizzate stagionalmente.
Le vicende del complesso del Parco, attraversano ben tre secoli: l'edificio centrale, prima semplice cascina a corte chiusa, poi commenda ed infine villa, apparteneva alla famiglia Amoretti. La fortuna della casa è dovuta a Gianbattista Amoretti che dalla natia Oneglia era venuto a Torino nella prima metà del Settecento. Egli riuscì ad entrare nelle grazie del favorito di corte, Filippo d'Agliè e di conseguenza in quelle di Madama Reale e di Carlo Emanuele II. I servigi resi alla corte gli valsero alcune ricche abbazie e la cascina, che venne restaurata e ampliata.
Quest'ultima passò in eredità al nipote Carlo Giacinto, che nel 1722 comperò il feudo di Osasio con il titolo di marchese. Gli esperti dicono che la villa Amoretti, elegante esempio di architettura tardo barocca, sia stata edificata al posto della commenda intorno al 1760 da Giambattista di Osasio, su progetto del Plantery, allievo dello Juvarra. Dopo molte vicissitudini e cambi di eredità della famiglia dei Marchesi di Osasio, nel 1833 la proprietà passò al conte Paolo Luigi Rignon (da cui prese il nome). Nel 1912 un suo discendente, la cedette al Comune.
Solo in un secondo tempo, con l'intervento dell'architetto Chevalley che ha progettato l'ampliamento del giardino (1906) in fregio a c.so Orbassano, la pianta del parco ha assunto l'attuale configurazione: l'elegante muro di cinta alleggerito dagli oblò che, incorniciando imprevisti scorci di parco, mettono in comunicazione il mondo esterno con l'atmosfera “esotica” del giardino liberty, l'aggiunta degli edifici dell'ingresso, della portineria, delle scuderie e del rimessaggio delle carrozze ha adattato il complesso settecentesco alle esigenze del ‘900. Il giardino Liberty, come diceva l'architetto francese Jean Claude Forestier, deve essere uno spazio intimo, famigliare, di riposo e distensione, il prolungamento dell'abitazione, economicamente ridotto sia nella superficie che nei costi di manutenzione. Deve però essere regolare, definito con chiarezza e semplicità nel disegno e con largo uso di masse di colore nelle specie vegetali, deve creare angoli suggestivi di colori e profumi che richiamino alla mente paesi e atmosfere esotiche.

Durante l'ultima guerra la dimora ha conosciuto un certo declino, finché, il 27 maggio 1955, il Consiglio Comunale approvò l'acquisto del parco; nel 1957 questo venne aperto al pubblico e il 20 ottobre 1970 veniva deliberato anche l'acquisto della villa.

Attualmente il parco è diventato un punto di riferimento importante per la cittadinanza; soprattutto d'estate, vi si tengono anche attività varie e spettacoli.
La villa ospita la biblioteca Villa Amoretti, inaugurata il 2 maggio 1977 e oggetto di una recente intervento di recupero ed ampliamento (con la ristrutturazione dell'edificio dell'ex-arancera, che veniva utilizzata nella seconda metà del 1800 come luogo di ricovero per le piante a clima mediterraneo, e la creazione sul retro della Villa di un nuovo padiglione in vetro e acciaio, collegato al corpo dell'antico edificio; l'inaugurazione è avvenuta il 23 febbraio 2007), e le sedute del Consiglio circoscrizionale.
Il salone dei "Centomila" (dal nome della redazione giornalistica che occupava tale area), un tempo rimessaggio delle carrozze, ospita ora incontri e associazioni.

Torna su

Elementi di interesse

All'interno del parco: Biblioteca Villa Amoretti, con sala giornali e riviste (nell'ex aranciera), centro d'incontro anziani, Salone dei Centomila (accessibile dall'esterno, da corso Orbassano).

Da segnalare: Nei mesi estivi, sono organizzate nel parco rassegne, attività ludiche e di intrattenimento.

Altri link: Il Parco Rignon nel sito della Circoscrizione 2
Villa Amoretti: il nuovo padiglione e l’arancera

Torna su

Accessibilità in bici, in bus, in auto

Accessi: 4:

  • Corso Orbassano 200 (2 accessi)
  • Via Piscina 22/a
  • via Filadelfia 205 int. 5/A

Accessibilità per disabili: Il parco è accessibile ai disabili

Parcheggio auto nei pressi: parcheggio a raso lungo le vie e i corsi perimetrali

Accessibile in bici: Sì, il parco è accessibile e percorribile in bicicletta per tutta la sua estensione

Parcheggio bici: Sì (rastrelliere)

Percorribile in bici / percorsi ciclabili interni: Sì, (viali in parte asfaltati, in parte con ghiaia)

Noleggio biciclette: NO

Mezzi pubblici:linee 2 - 5 - 5 barrato - 12 - 58 - 58 barrato - 62

Fermate mezzi pubblici nei pressi:

  • n° 315 FILADELFIA (corso Orbassano n.199)
  • n° 316 FILADELFIA (corso Orbassano / via Filadelfia)
  • n° 313 Boston (corso Orbassano dopo via Boston)
  • n° 314 Boston (corso Orbassano / via Piscina)
  • n° 3437 (Filadelfia n. 209)
  • n° 3438 (Filadelfia n. 280)
  • n° 1666 (via Gorizia / via Filadelfia)
  • n° 1665 (via Gorizia / via Filadelfia)

Per maggiori informazioni relative a passaggi ed orari, consultare il sito 5T

Torna su

Sicurezza, custodia e gestione

Parco custodito
(durante le ore notturne, il parco è custodito con cani in libertà)

Presenza nei pressi di posto di polizia: Non esistono posti di polizia nei pressi

Colonnine SOS: No

Tipologia di gestione: Centrale, con gestione interna da parte dei giardinieri comunali del Magazzino Rignon per le attività ordinarie di manutenzione del verde (sfalcio erba, potatura arbusti e siepi, raccolta foglie, ecc.) mentre la realizzazione delle altre attività manutentive e di pulizia è affidata in full service a Associazione Temporanea di Imprese (ATI) BARBARA B S.C.S. / I.C.F.A. SRL

Segnalazione danni: Direzione Edifici Municipali, Patrimonio e Verde
Servizio Verde Gestione
Tel. 011.4420110-20111 - verdepubblico@comune.torino.it

Torna su

Servizi

Servizi igienici: Sì (Villa Amoretti e un vespasiano, pressi ingresso via Piscina)

Fontanelle di acqua potabile:

Aree gioco: Sì (2)

Aree cani:

Aree di sosta attrezzate/picnic: No

Illuminazione notturna:

Punti di ristoro: No

Telefoni pubblici: No

Torna su

Attrezzature sportive

Bocce:

  • Bocciofila Rignon

Torna su



Galleria immagini

Le immagini sono tratte dalla mostra fotografica "Rignon … suggestioni nel parco" realizzata dal Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord - Torino

La cornice del muro perimetrale definisce gli spazi dove il gioco dei colori e dei volumi cattura il frequentatore coinvolgendolo nella scoperta dei percorsi del giardino (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Giochi di colori

La prospettiva, guidata dal viale monumentale, dà profondità agli spazi scenografici del giardino (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Il viale monumentale

La villa, elemento focale del parco (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

La villa, elemento focale del parco

Gli alberi creano suggestioni e quinte scenografiche (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Gli alberi creano suggestioni e quinte scenografiche

Particolare (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Particolare

Il viale innevato (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Il viale innevato

Veduta aerea (immagine tratta dalla mostra fotografica 'Rignon … suggestioni nel parco' - Gruppo Fotografico Caleidos , associazione del quartiere Mirafiori Nord – Torino)

Veduta aerea

le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon

Le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon

le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon

Le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon

le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon

Le nuove aiuole con arredi realizzate dai giardinieri e tecnici del Settore Gestione Verde della Città di Torino al Parco Rignon


Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina