Cittą di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde > Verde Pubblico > La cura del verde


Aggiornato il 06.10.2015

Fioriture e allestimenti fioriti

Aiuola presso tranviaLe superfici ad aiuola fiorita del territorio della Città di Torino, che coprivano fino al 2008 un totale di circa 6000  mq., sono oggi ridotte a 2.500 metri quadri. Le località in cui sono allestite le aiuole fiorite sono identificate dando priorità alla conservazione dell’immagine e della tradizione dei parchi e dei giardini storici, quali ad esempio Parco della Tesoriera, Parco Rignon, Parco del Valentino oltre ai principali giardini storici del centro cittadino.

A questi vanno aggiunti gli allestimenti in contenitore o in fioriere di varie forme e dimensioni, che consentono di portare l’arredo floreale anche nei contesti urbani dove è pressoché impossibile realizzare aiuole in piena terra.

Infine, non ultimo, occorre ricordare gli allestimenti temporanei e gli arredi floreali tematici, che vengono realizzati per accompagnare gli eventi cittadini più significativi. Tali allestimenti, al momento, vengono realizzati utilizzando solo piante d’appartamento, in parte riprodotte e coltivate presso le serre del Servizio ed in parte provenienti da forniture esterne. Rispetto a questo comparto infatti i tagli alla spesa hanno interessato le forniture di fiori recisi e materiali d’arredo (vaseria, complementi per composizioni,…).

Poiché la realizzazione e la manutenzione delle aiuole (preparazione del terreno, piantamento, irrigazione e concimazione, diserbo manuale, ecc.) richiede un buon livello di professionalità e conoscenze, gli interventi non sono affidati in appalto a ditte esterne, ma sono svolti dal personale interno del Servizio Verde Gestione della Città di Torino, avvalendosi  del lavoro di diverse squadre di giardinieri comunali, altamente qualificati, per un totale di circa 70 operatori. Altre squadre di lavoro si occupano invece della gestione del Vivaio Regio Parco, destinato alla coltivazione di alberi ed arbusti; della gestione delle Serre del Bonafous per seguire le produzioni florovivaistiche. Inoltre, una squadra di giardinieri è specializzata in allestimenti per manifestazioni e per sistemazioni verdi da interno.

Le aiuole fiorite e gli altri allestimenti con piante e fiori sono oggetto di interventi che tengono conto sia della stagione in corso, sia delle caratteristiche diverse che devono assumere le composizioni fiorite nelle diverse tipologie di area. Per quanto riguarda le stagioni, tradizionalmente a Torino, le aiuole sono interessate da tre cicli, con l'obiettivo di garantire sia una fioritura il più a lungo durevole nel tempo, sia un "effetto sorpresa" per i cittadini giocando, nell'ambito di una stessa aiuola, ad ogni cambio stagionale su colori, specie botaniche e forma:

  • primaverile, realizzata in genere con piante bulbose (tulipani e narcisi) messe a dimora in autunno e in fiore in aprile / maggio, oppure con piante annuali (viole e papaveri ornamentali) messe a dimora nel mese di marzo;
  • estiva, realizzata verso fine maggio, con piantine di Begonie, Catharanthus, Cineraria, Impatiens "Nuova Guinea" e "walleriana", Salvie, Zinnie, salvia farinacea, con il Melampodium, con l'Hypoestes, in genere duratura fino al mese di ottobre;
  • autunnale, realizzata con piante di crisantemo allevato a cespuglio, a piramide, a sfera, a coda, oggetto di produzione tradizionale storica da parte delle Serre della Città di Torino (in una minima parte delle aiuole presenti in città, nel mese di ottobre, dura circa un mese) oppure con piante di viole invernali, messe a dimora tra ottobre e novembre e con durata fino alla primavera successiva.

Nel 2013, a causa della riduzione delle risorse disponibili, è stata notevolmente ridotta in termini di numero di aiuole allestite sia la fioritura primaverile che quella autunnale (500 – 600 m2 di superficie, mantenendo invece la fioritura estiva su una superficie più estesa di 2500 m2.

E’ stata eliminata completamente la fornitura di bulbi e sostituita la fornitura esterna di piantine con la produzione delle medesime partendo da materiali semilavorati (alveoli) oppure partendo da seme (es. 10.000 piantine di papaveri sono stati prodotti da seme) presso le strutture comunali delle Serre (situate presso l’Istituto Bonafous di Chieri).

In primavera i papaveri abbelliscono alcune aiuole tra cui quelle situate alla base del Monumento a Re Vittorio Emanuele II (C.so Vittorio Emanuele), in Piazza Carlina e nelle aiuole di C.so Galileo Ferraris (ang. Via Cernaia).

Per quanto riguarda la fioritura estiva, nel 2013 le risorse consentono di allestire circa 2.500 m2 di aiuole con circa 30.000 piante coltivate internamente, quantità che rappresenta l’ottimizzazione tra le potenzialità della struttura produttiva e il numero di giardini.

In passato a Torino si realizzavano tradizionalmente tre turni stagionali di fioritura sui ponti. Fino all’anno 2006, in occasione dei festeggiamenti delle Olimpiadi invernali venivano allestiti oltre 10 ponti cittadini; successivamente – a fronte di riduzioni di risorse – si limitò l’allestimento ai tre principali ponti sul fiume Po (Ponte Isabella, Ponte della Gran Madre e Ponte di C.so Regina Margherita), sempre rispettando la turnazione stagionale. Progressivamente l’allestimento venne limitato al periodo estivo, mentre dal 2012  non vengono più destinate risorse per la realizzazione e la manutenzione di questa tipologia di allestimento.

Vengono inoltre prodotte, sempre per talea, arbusti tappezzanti per l'arredo urbano (Cotoneaster, Lonicera, Hypericum, Spiraea, ecc...) e piante da interni ( Ficus, Philodendron, Cissus, Schefflera, Spathiphyllum ecc...) per un totale annuale di circa 100.000 piantine.

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina