Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde >

Verde pubblico > 2018 > Parchi e giardini


Il Michelotti, un “parco in divenire” a misura di cittadino

Pubblicato il 23.1.2018 (aggiornato il 29.1.2018)

michelotti-2

Sono iniziati i lavori di manutenzione straordinaria nel parco Michelotti: gli operatori dell’Amiat hanno rimosso i rifiuti e le foglie accumulate nel tempo, in attesa di definire un futuro per il parco fluviale che ha ospitato in passato lo zoo e che ora deve ridefinirsi attraverso un percorso partecipato.

L’obiettivo è di restituire una porzione del parco ai cittadini entro il prossimo mese di marzo. Martedì 16 gennaio la biblioteca Geisser di corso Casale 5 ha ospitato la prima assemblea pubblica sul futuro del parco. Sala gremita, presenti le associazioni che più si sono espresse a favore di un uso pubblico ma molti anche i cittadini che, senza far parte di un gruppo, hanno deciso di partecipare e di dare il proprio contributo di idee.

Due i percorsi che si aprono dopo l’incontro:

  • da un lato, il Comune ha avviato il recupero fisico, che si implementerà nel tempo via via che le risorse si renderanno disponibili: la pulizia, oltre alla rimozione di rifiuti e foglie, riguarda gli arredi in legno che nel tempo si sono deteriorati, i container adibiti a servizi igienici, i graffiti sui giochi per bambini. Due settimane di lavoro nelle quali, a fianco dell’Amiat si inserirà una ditta in appalto per la riqualificazione di una parte dell’area, quella dell’ex Parco Giò. Altri lavori in cantiere: integrazione di nuovi giochi, muratura delle porte dei fabbricati in attesa di una definizione del loro futuro; i tecnici di Smat e Iren hanno già fatto sopralluoghi per valutare gli interventi da realizzare negli impianti idrico ed elettrico. Iren ha già in previsione cinque lotti di lavori per riattivare l’illuminazione e sostituire le vecchie lampade con quelle a led. I tecnici delle alberate interverranno invece per valutare la stabilità delle piante, per la maggior parte ginkobiloba e platani di mole notevole, ai fini della sicurezza delle piante stesse e dei visitatori.
  • L’altro percorso che si apre è quello partecipativo. Tutti i cittadini possono dare il proprio contributo di idee scrivendo all’indirizzo mail progettazionecivica@comune.torino.it. Tutte le idee saranno prese in considerazione e tutti verranno ascoltati dai tecnici dell’Amministrazione per una valutazione; tutte le proposte ricevute saranno portate alla prossima assemblea, che si terrà nella stessa biblioteca il 20 febbraio prossimo (reiterato poi una volta al mese).

“La decisione su cosa fare la prenderemo insieme”, hanno detto i rappresentanti dell’Amministrazione comunale, “sarà un parco in divenire”.

Nel parco sarà attivo anche il gruppo di volontari aderente a Torino Spazio Pubblico, il progetto di partecipazione alla manutenzione ordinaria di spazi pubblici promosso dalla Città. Ma di certo l’intenzione è quella di liberare il parco da tutte le sovrastrutture che nel tempo si sono accumulate, soprattutto le ormai fatiscenti costruzioni dell’ex zoo; a salvarsi sarà sicuramente l’ex rettilario, che si presta a diventare una sede di servizio al parco, oltre a rappresentare un’eccellenza architettonica, opera del 1959 dell’architetto Enzo Venturelli.

(A cura della Redazione di Torino Click)

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina