Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde >

Verde pubblico > 2017 > Altre news


Attenzione alla cimice asiatica! Le indicazioni regionali

Pubblicato il 27.11.2017

cimice

E’ in atto in tutto il territorio regionale un fenomeno che in questo periodo si ripropone ogni anno, ossia la presenza di numerose cimici presso le utenze civili, causando non pochi fastidi alla popolazione.

Accanto alla già conosciuta cimice verde (Nezara viridula), autoctona, da alcuni anni è presente l’Halyomorpha halys (cimice asiatica); tali insetti, che non sono pericolosi per l’uomo, entrano nelle case, riempiono i muri, i cassonetti e gli interstizi delle finestre, provocando notevole disagio.

Oltre a ciò, si tratta di insetti che provocano gravi danni all’agricoltura (in alcuni casi, perdite economiche fino all’80% del raccolto, in particolare nei frutteti, noccioleti e nelle coltivazioni di peperone e mais). La diffusione di questo insetto, che ha origine asiatica, segnalato in Italia per la prima volta nel 2012, è favorita dal fatto che non ha antagonisti naturali e pertanto si riproduce rapidamente. Pertanto, è utile eliminarlo, tenendo presente che ogni femmina che sopravvive all'inverno, nell'anno successivo può deporre qualche centinaio di uova, da cui si svilupperanno gli stadi della nuova generazione.

Il Settore Fitosanitario della Regione Piemonte, competente in materia di studio, monitoraggio e sorveglianza delle principali fitopatologie delle colture e delle piante, nonché organismo deputato alle Lotte Obbligatorie alle Malattie delle piante previste dalle normative nazionali, ha diramato pertanto una comunicazione che, oltre a informare la popolazione, suggerendo la migliore gestione del fenomeno, chiede il contributo di tutti per arginare e contenere il più possibile la proliferazione di questo insetto.

E' necessario sapere che la lotta diretta con insetticidi non risulta agevole, sia per il fatto che non tutte le sostanze attive risultano efficaci o utilizzabili in ambiente urbano ai sensi delle normative vigenti, sia per la elevata mobilità degli adulti e anche degli stadi giovanili di questa specie. Spostandosi velocemente, la cimice asiatica riesce a sfuggire in parte agli interventi insetticidi e a ricolonizzare nuovamente la vegetazione trattata. Pertanto, la Città non ha in previsione di effettuare negli spazi pubblici interventi di disinfestazione.

La cittadinanza può dare il proprio apporto, attraverso comportamenti preventivi e impiegando metodi meccanici di contenimento ed eliminazione (zanzariere, sigillatura fessure, vapore per stanare i gruppi, aspirazione, ghiaccio spray, immersione in acqua e sapone).

Si invita la popolazione a scaricare e a seguire le indicazioni della scheda elaborata dal Servizio Fitosanitario della Regione Piemonte e dalla Fondazione Agrion, disponibile al seguente link:

http://www.regione.piemonte.it/agri/area_tecnico_scientifica/settore_fitosanitario/vigilanza/dwd/2017/Scheda_Cimice_Ottobre.pdf .

Per ogni informazione e segnalazione rivolgersi a:

piemonte.fitosanitario@regione.piemonte.it

info@agrion.it

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina