Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde >

Verde pubblico > 2017 > Altre news


Area Parri: prosegue il progetto sperimentale di recupero e orticoltura

Pubblicato il 3.10.2017 (aggiornato il 10.10.2017)

Parri

Prosegue il progetto di recupero e rilancio dell’area Parri, situata nel territorio della Circoscrizione 8.
Riappropriarsi degli spazi sottraendoli al degrado e alle attività illegali è possibile.

Sabato 7 ottobre partirà il progetto sperimentale di coltivazione degli orti in cassone con i cittadini volontari. Una volta completata la sperimentazione, si potrà pensare ad un bando per l'assegnazione formale degli orti.

Dal luglio scorso, con l’azione delle forze dell’ordine, è stato possibile liberare dagli spacciatori e iniziare un percorso di recupero dell'area, fortemente degradata, che si trova a fianco dell’omonima piscina pubblica, delimitata da corso Massimo d’Azeglio, le vie Tiziano Vecellio, Ormea, Petitti e Pietro Giuria.

Una vecchia scuola inagibile, adibita a magazzino; un giardino pubblico, con giochi per bambini, una pista di skate: in questo rettangolo urbano sono tornati i cittadini a vivere la loro quotidianità. Nel mese di settembre è stata completata in tempo record la pulizia dell'area, a cura dei rifugiati volontari facenti parte dell'Associazione AMMI (Associazione Multietnica Mediatori Interculturali).

OPEN PARRI, UNA FESTA PER RIPRENDERSI LO SPAZIO. Domenica 17 settembre tutto questo si è materializzato in una festa, Open Parri, che per tutta la giornata ha offerto eventi e occasioni di socialità e di condivisione. Clou dell’evento, il Pranzo dei Vicini, con la partecipazione della Sindaca, dell’assessore all’Ambiente Alberto Unia e dell’assessore ai Diritti Marco Giusta, insieme al comandante della Caserma del Carabinieri di via Morgari, maresciallo Usai, e al presidente della Circoscrizione 8, Davide Ricca.

Erano presenti anche le associazioni che partecipano al progetto: Terra Mia Onlus, AMMI e i volontari di Torino Spazio Pubblico, che hanno coordinato i richiedenti asilo, grazie ai quali è stato possibile ridare decoro all' intera aerea. E' stato presentato ORTIBUS PARRI, un orto urbano realizzato su pallet riciclati nell’area skate. L’avvio dell'Orto urbano è stato possibile grazie alla collaborazione di Eataly: Fabrizio Cardamone, ideatore del progetto Or-To, ha lanciato le attività didattiche che si terranno ogni 15 giorni fino ad aprile con l'esperto agronomo di Naturart che cura gli orti al Museo A come Ambiente. Gli appuntamenti accompagneranno i neo ortisti dalla costruzione del pallet per l'orto, fino alla semina di aprile.

E' stata creata una pagina Facebook dove saranno pubblicate informazioni e foto: https://www.facebook.com/iloveparri/

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina