Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde >

Verde pubblico > 2017 > Alberi


Torino scelta da Londra per la formazione dei propri tecnici nel campo della lotta al cancro colorato del platano

Pubblicato il 16.10.2017

ltoa

Il 12 e 13 di ottobre la Città di Torino ha ospitato una delegazione di circa 10 persone di arboricoltori della LTOA (London Tree Officers Association) per una serie di incontri tecnici legati alla buone pratiche di gestione degli alberi in ambiente urbano.

La LTOA è una prestigiosa associazione inglese (londinese per la precisione) che raccoglie tecnici pubblici, professionisti e ditte che operano nel mondo dell’arboricoltura e che ha come scopo valorizzare e migliorare la gestione della foresta urbana. Il Regno Unito è una delle patrie indiscusse dell’arboricoltura ornamentale e pertanto è un onore, oltre che l’ennesima testimonianza del credito che il verde pubblico torinese ha fuori dai confini anche nazionali, che una delegazione di esperti abbia scelto la Città di Torino per compiere un viaggio di studio. L’interesse principale della delegazione era legato al cancro colorato del platano, malattia al momento non ancora riscontrata in Inghilterra, su cui la Città di Torino ha una esperienza consolidata di prevenzione e gestione.

La collaborazione con la LTOA è nata nel 2015, quando fu richiesto al Servizio Verde Pubblico di Torino di tenere un seminario a Londra sulla gestione del cancro colorato del platano e l’interesse degli arboricoltori londinesi ad approfondire il tema ha portato all’organizzazione di questo viaggio.

Due giorni di incontri e visite che hanno avuto come tema centrale la gestione di questa malattia, ma che sono state anche l’occasione per uno scambio di esperienze complessivo sul tema della gestione della cura degli alberi in ambiente urbano e della forestazione urbana, con la partecipazione e la collaborazione del Servizio Fitosanitario della Regione Piemonte, che ha il ruolo di controllo della diffusione della malattia, del DISAFA (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari) dell’Università di Torino, che ha in corso importanti filoni di ricerca sulle strategie di gestione delle patologie in ambiente urbano, della S.I.A. (Società Italiana di Arboricoltura) e di partner privati come Piante Mati, Climbcare e Arboteam.

E’ stato possibile per i tecnici londinesi, tra le altre cose, assistere alle operazioni di abbattimento di una pianta infetta da cancro colorato in Corso Casale, con un cantiere realizzato nel rispetto delle normative sulla lotta obbligatoria (D.M. 29 febbraio 2012) e con l’applicazione delle previste tecniche di abbattimento controllato.

Inoltre, gli inglesi hanno visitato il Vivaio Municipale di strada Manifattura Tabacchi 32, dove si è discusso del clone di platano resistente alla malattia (Platanor® Vallis Clausa) con il titolare dei Vivai Piante Mati che ha l’esclusiva per la commercializzazione in Italia.

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina