Città di Torino

Verde Pubblico


Comune > Ambiente e Verde >

Verde pubblico > 2015 > Parchi e giardini


Intitolazione di 2 giardini nella Circoscrizione 2, a ricordo dei Magistrati caduti in difesa dello Stato e di Francesca Laura Morvillo

Pubblicato il 19.5.2015

gaidano3

Venerdì 22 maggio 2015 si svolgeranno le cerimonie di intitolazione di due giardini nella Circoscrizione 2:

  • alle ore 10,30: Giardino Magistrati caduti nella difesa dello Stato, sito a sinistra di via Modigliani dopo il numero civico 9
  • alle ore 12,00: Giardino Francesca Laura Morvillo, sito nell'area compresa tra via Ricaldone, via Tripoli int. 10 e via Gradisca

In caso di maltempo, la cerimonia avrà inizio alle 10,30 presso i locali del complesso sportivo/piscina Gaidano, via Modigliani 25.

Sarà predisposto un servizio di bus, per gli ospiti che lo richiederanno preventivamente, per il trasferimento dal primo al secondo giardino.

La Città di Torino ha scelto di intitolare un giardino alla memoria dei Magistrati che hanno pagato con il sacrificio della vita i servizi alle istituzioni, cadendo vittime della follia omicida di gruppi terroristici o dello spietato attacco delle mafie, al pari di tanti altri servitori dello Stato. Il giardino rappresenta altresì un monito per non dimenticare tutti coloro che hanno perso la vita nello svolgere la loro professione di lotta contro il crimine, con dedizione, professionalità, passione civile e senso del dovere.

Francesca Laura Morvillo (Palermo, 14.12.1945; 23.5.1992), moglie di Giovanni Falcone, anche lei era un Magistrato. Per sedici anni è stata alla Procura dei minori di Palermo e successivamente Consigliere della Corte d’Appello; quando conosce Falcone accetta con amore, stima e condiscendenza di condividere la vita sotto scorta di uno dei magistrati più minacciati dalla mafia nella Palermo degli anni ottanta. Quando nel 1991 Falcone viene trasferito a Roma, Francesca chiede di ottenere un incarico presso la magistratura della Capitale. Il 23 maggio 1992 muoiono nei pressi dello svincolo di Capaci, 500 chili di tritolo fanno saltare in aria le tre macchine che accompagnano a Palermo Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo, di ritorno da Roma, insieme agli agenti della scorta.

Torna su



Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna ad inizio pagina