Città di Torino >
Trasporti e Viabilità > Mobilità per i disabili > Contrassegno europeo per i disabili

Contrassegno europeo per i disabili

Pubblicato il 08-08-2018 (Aggiornato il 12-10-2018)

permesso

Modifica delle modalità per il rilascio del permesso disabili

Il D.P.R n. 151 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 203 del 31.08.2012, recante modifiche al D.P.R. 16.12.1992 n. 495 e concernente il Regolamento di esecuzione del Codice della Strada in materia di strutture, contrassegni e segnaletica, per facilitare la mobilità delle persone in condizioni di disabilità, ha previsto l’entrata in vigore dal 15 settembre 2012 deI nuovo contrassegno di sosta per disabili e l’adeguamento di tutti i permessi entro tre anni dall’entrata in vigore del Decreto. A partire quindi da tale data, questo nuovo contrassegno (conforme al  Modello previsto con Raccomandazione del Consiglio dei Ministri europei del 4.06.1998) vale in tutti i paesi membri dell’Unione Europea, e fa riferimento al simbolo internazionale di accessibilità

La Città ha iniziato ad usarlo per rilasci e rinnovi dal 3 dicembre 2012.
I contrassegni già rilasciati, di colore arancione, effettivamente privi di validità dal 15 settembre 2015, a specifica e motivata richiesta devono essere sostituiti.
Sul contrassegno europeo, che si presenta di colore azzurro chiaro, con il simbolo bianco della sedia a rotelle su fondo azzurro scuro, saranno trascritti e apposti:
- sul fronte: la data di scadenza, il numero di serie, il nome e il timbro dell’autorità nazionale che rilascia il contrassegno, oltre al visto del funzionario responsabile
- nel retro : il nominativo, la fotografia, la firma del soggetto autorizzato e la data di rilascio

Il titolare del permesso può fruire delle facilitazioni di sosta in tutti gli Stati membri dell’Unione Europea che hanno aderito alla raccomandazione, comunque con l’obbligo di rispettare le disposizioni di ogni singolo Paese.

MODALITA’ DI RILASCIO E RINNOVO 

Il “Contrassegno o Permesso invalidi“ consiste in un’autorizzazione rilasciata dalla Città di Torino ai sensi dell’art. 381 del D.P.R. 16 dicembre 1992 n. 495. e s.m.i. e può essere rilasciato in via definitiva con validità di 5 anni oppure in via provvisoria con validità variabile così come indicato nei verbali delle Commissioni Mediche dell'ASL e/o dell'INPS

Destinatari: Residenti a Torino con capacità deambulatoria sensibilmente ridotta, ciechi assoluti e altre patologie individuate dall’ASL di competenza (non in base alla percentuale d’invalidità)

Come richiederlo:
All'Ufficio Permessi di Circolazione della Città di Torino - via Cavour 29/a angolo via Accademia Albertina - da lunedì a venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30
- Informazioni telefoniche con risponditore automatico: tutti i giorni al num. telef. 011.011.29034
- Informazioni telefoniche tramite operatore: da lunedì a giovedì dalle 14.00 alle 16.00 al num. telef. 011.011.29035

 Per ottenere un nuovo permesso, occorre:
 - compilare e firmare  l’apposito modulo H/rilascio reperibile all’Ufficio Permessi di Circolazione e qui scaricabile
 - consegnare   all’Ufficio Permessi di Circolazione, il Modulo H/rilascio - debitamente compilato e firmato -
insieme ai seguenti documenti:
 - Fotocopia del documento di riconoscimento (fronte retro)
 - Fotocopia del codice fiscale
 - Certificazione medica rilasciata dall'ufficio medico-legale dell'ASL con il riconoscimento dell'art. 381 del DPR 495/1992    oppure
 - Copia del verbale della commissione medica integrata rilasciato dall'INPS con il riconoscimento dell'art. 381 del DPR 495/1992
 - Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà sulla conformità all'originale del verbale rilasciato dall'INPS e sulla mancata revoca, sospensione
   o modifica di quanto attestato sul verbale (in caso di presentazione del verbale dell'INPS)
 - Fototessera recente (massimo 6 mesi) del titolare del contrassegno da apporre sul contrassegno stesso
 - Comunicazione del numero di targa dei veicoli (fino a due) da abbinare al permesso per la circolazione nelle aree controllate dalle telecamere
 - Fotocopia dei libretti di circolazione (completo) e dei certificati assicurativi dei veicoli relativi alle targhe comunicate

 Per rinnovare il permesso scaduto,  occorre:
(per i contrassegni con validità 5 anni)
  - compilare e firmare  l’apposito modulo H/rinnovo definitivo reperibile all’Ufficio Permessi di Circolazione e qui scaricabile
  - consegnare   all'Ufficio Permessi di Circolazione, il Modulo H/rinnovo definitivo - debitamente compilato e firmato -
insieme ai seguenti documenti:
 - Fotocopia del documento di riconoscimento (fronte retro)
 - Fotocopia del codice fiscale
 - Dichiarazione del Medico di famiglia su Ricettario Regionale che attesti il persistere delle condizioni sanitarie che hanno dato luogo al rilascio del contrassegno
 - Fototessera recente (massimo 6 mesi) del titolare del contrassegno da apporre sul contrassegno stesso
 - Comunicazione del numero di targa dei veicoli (fino a due) da abbinare al permesso per la circolazione nelle aree controllate dalle telecamere
 - Fotocopia dei libretti di circolazione (completo) e dei certificati assicurativi dei veicoli relativi alle targhe comunicate

(per i contrassegni con validità inferiore ai 5 anni)
 - compilare e firmare  l’apposito modulo H/rinnovo provvisorio reperibile all’Ufficio Permessi di Circolazione e qui scaricabile
  consegnare   all'Ufficio Permessi di Circolazione, il Modulo H/rinnovo provvisorio - debitamente compilato e firmato -
insieme ai seguenti documenti:
 - Fotocopia del documento di riconoscimento (fronte retro)
 - Fotocopia del codice fiscale
 - Certificazione medica rilasciata dall'ufficio medico-legale dell'ASL con il riconoscimento dell'art. 381 del DPR 495/1992      oppure
 - Copia del verbale della commissione medica integrata rilasciato dall'INPS con il riconoscimento dell'art. 381 del DPR 495/1992
 - Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà sulla conformità all'originale del verbale rilasciato dall'INPS e sulla mancata revoca, sospensione o modifica di quanto attestato sul verbale (in caso di presentazione del verbale dell'INPS)
 - Fototessera recente (massimo 6 mesi) del titolare del contrassegno da apporre sul contrassegno stesso
 - Comunicazione del numero di targa dei veicoli (fino a due) da abbinare al permesso per la circolazione nelle aree controllate dalle telecamere
 - Fotocopia dei libretti di circolazione (completo) e dei certificati assicurativi dei veicoli relativi alle targhe comunicate

Si consiglia di avviare la pratica di rinnovo entro i 60 gg antecedenti alla data di scadenza

Costo del permesso:Euro 6,00 (Euro 4,19 quale costo del permesso + Euro 1,81 quale diritti di segreteria) da pagare direttamente presso l’Ufficio Permessi allo Sportello Cassa

ATTENZIONE il D.P.R. n.151/2012 prevede espressamente sul retro la firma del disabile richiedente PERTANTO NON È POSSIBILE PROCEDERE AL RILASCIO DEL CONTRASSEGNO PER DELEGA
(regole per il rilascio)
Per i richiedenti impossibilitati a firmare la normativa stabilisce che un cittadino è nella condizione di "impossibilità alla firma" solo per motivi relativi ad impedimenti fisici o di analfabetismo (sono esclusi, quindi, i casi di incapacità di intendere e di volere, per i quali la sottoscrizione va fatta da chi esercita la patria potestà o la tutela).
Nel caso sopra citato, quindi, la dichiarazione del cittadino è resa davanti all'Operatore di Sportello, il quale ha il compito di ricevere la dichiarazione stessa 

Cambio targa

Se, durante il periodo di validità del permesso, vi è la necessità di sostituire i numeri di targa abbinati al permesso (modifica, inserimento,eliminazione targhe), occorre presentare all’Ufficio Permessi, (anche tramite persona delegata), oppure inviare  all'indirizzo e-mail cambiotarga@comune.torino.it, la seguente documentazione:
- Richiesta di sostituzione della targa, utilizzando il  (Modulo H/cambio targa) (debitamente compilato e firmato)
- Fotocopia documento di riconoscimento (fronte/retro)
- Fotocopia del contrassegno disabili (fronte/retro)
- Fotocopie dei libretti di circolazione (completo) e dei certificati assicurativi

Se il cambio targa è occasionale (esempio guasto dell'auto) occorre inviare la richiesta a GTT spa utilizzando l'apposito modulo

Per l'invio telematico delle richieste per il cambio targa rispettare le seguenti modalità . In caso di invio telematico della modulistica, all'indirizzo e-mail  cambiotarga@comune.torino.it , verrà inviata una conferma di avvenuta ricezione

Prima di transitare nella ZTL è opportuno verificare il corretto inserimento delle targhe utilizzando l’apposita procedura di verifica online.

MODALITA’ DI UTILIZZO (versione stampabile)

Si ricorda che l’utilizzo del permesso è strettamente personale e pertanto può essere utilizzato solo quando sul veicolo è presente il titolare.
E’ severamente proibito duplicare ed utilizzare copie fotostatiche del permesso, pena l’applicazione delle previste sanzioni.
Il contrassegno invalidi usato impropriamente o detenuto con validità scaduta sarà immediatamente ritirato dagli agenti preposti al controllo e trasmesso all’Ufficio Permessi di Circolazione.
In caso di uso improprio, ferma restando l’applicazione delle sanzioni stabilite dal Codice della Strada nonché la denuncia all’Autorità Giudiziaria, in caso di reato, l’Amministrazione dispone la sospensione del contrassegno per quattro mesi ed in caso di recidiva, la revoca definitiva (ordinanza n. 2039 del 27 giugno 2002).

Il contrassegno, esposto in originale in modo ben visibile sul parabrezza (con l’osservanza dei diversi limiti di velocità prescritti al riguardo) consente:
- il transito: nella ZTL Centrale, nelle strade e corsie riservate al trasporto pubblico, nelle aree pedonali e nelle aree verdi pubbliche
- la sosta: nei posti riservati in via generica ai disabili su suolo pubblico senza esposizione del disco orario

Il permesso non consente di sostare:
- nei parcheggi personali, identificati da una palina che riporta un numero progressivo; lo stesso numero si trova sul permesso della persona disabile titolare di quel parcheggio personale.
- nei luoghi ove vige il divieto di fermata come previsto dagli artt. 157 e 158 del Nuovo Codice della Strada
- nei luoghi ove vige il divieto di sosta con rimozione coatta
- nei luoghi ove vige  la sosta a pagamento durante l’orario di funzionamento della stessa, fatto salvo che sia stato ottemperato l’obbligo di pagamento o si sia in possesso di permesso di sosta gratuita
  rilasciato ai sensi della deliberazione della Giunta Comunale del 4 giugno 2003 mecc. 2003-03663/006.

IL CONTRASSEGNO DEVE SEMPRE ESSERE RESTITUITO ALLA DATA DI SCADENZA E/O IN CASO DI DECESSO. In entrambi i casi decade la registrazione da ogni archivio informatico, abilitante la circolazione nelle aree controllate dalle telecamere (accesso ZTL)

In caso di rinnovo la restituzione (del permesso scaduto) dovrà avvenire contestualmente al ritiro del nuovo permesso

Permesso di sosta gratuito per la sosta a pagamento (strisce blu)

La Città di Torino, con deliberazione della Giunta Comunale del 4 giugno 2003 (n.mecc. 0303663/006), ha approvato l’istituzione del permesso gratuito di sosta per persone con disabilità in possesso del permesso H con validità ordinaria di almeno 5 anni
Non è previsto il rilascio del permesso sosta gratuito a mezzi immatricolati come autocarri o autocaravan
I possessori di un permesso H, possono richiedere un permesso gratuito di sosta direttamente al GTT spa al seguente link http://www.gtt.to.it/cms/parcheggi/29-sosta/679-attestati-disabili

Permesso H rilasciato da altro Comune

I possessori di permesso H rilasciato da altro Comune che necessitano di transitare in maniera continuativa nella ZTL possono registrare la targa del veicolo che utilizzano direttamente al GTT spa al seguente link http://www.gtt.to.it/cms/ztl/trasporto-persone-disabili-residenti-fuori-torino
I possessori di permesso H rilasciato da altro Comune che necessitano di transitare occasionalmente nella ZTL possono registrare la targa del veicolo che utilizzano direttamente al GTT spa al seguente link http://www.gtt.to.it/cms/ztl/3684-persone-con-disabilita-per-transiti-occasionali

ULTERIORI INFORMAZIONI

Nomina dell'Amministratore di Sostegno - Tribunale di Torino

Parcheggi riservati: riserva di sosta ad personam

Nuove  misure per garantire il diritto alla mobilità per i disabili

Torna su

Stampa questa pagina

Condividi

Torna indietro