Città di Torino >
Trasporti e Viabilità > Cantieri attivi > Continuano i lavori per la riqualificazione di via Nizza

Continuano i lavori per la riqualificazione di via Nizza

Pubblicato il 03-05-2018 (Aggiornato il 04-04-2019)

Rendering 1-2

Terminata la fase iniziata a maggio, che ha interessato la via, a partire da corso Vittorio Emanuele II fino a piazza De Amicis.
A partire dalla seconda metà del mese di gennaio i lavori della pista ciclabile sono iniziati anche in piazza De Amicis e stanno proseguendo nella via nel tratto tra piazza De Amicis e piazza Carducci.
I lavori stanno procedendo a tratti successivi, che saranno di volta in volta completati, in modo da ridurre l’area del cantiere.
In queste fasi il traffico veicolare non subirà delle deviazioni di percorso.
I lavori complessivi fino in piazza Carducci– finanziati con il Piano Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 termineranno a novembre 2019.

La riqualificazione della via e la nuova pista ciclabile: 50.000 mq l’area dell’intervento da corso Vittorio Emanuele II a piazza Carducci; 2.250 ml di pista ciclabile mono-direzionale affiancata ai marciapiedi; 800 ml. di pista bi-direzionale tra corso Vittorio e piazza Nizza sul lato ovest; tutti i marciapiedi riqualificati oltre a 5.500 mq. di nuovi spazi pedonali; un nuovo viale alberato tra corso Vittorio e largo Marconi

rendering2

Obiettivo: ridistribuire lo spazio tra i diversi soggetti che utilizzano la strada: gli utenti più deboli i pedoni, uno spazio per i ciclisti e infine la categoria più invasiva della mobilità a veicoli a motore.

In via Nizza è prevista la riqualificazione dell’asse stradale e la realizzazione di una ciclopista da corso Vittorio Emanuele II a piazza Carducci. La pista sarà mono-direzionale sui due lati della via da piazza Nizza a piazza Carducci e, nel tratto da corso Vittorio a piazza Nizza, il percorso ad ovest sarà anche bi-direzionale offrendo un collegamento più veloce alle facoltà universitarie e alla stazione di Porta Nuova. Nel tratto fino in Largo Marconi, inoltre, saranno collocati un’ottantina di alberi per meglio configurare le diverse sezioni riscontrabili in questo tratto di via

L’obiettivo della riqualificazione è di dare alla via un aspetto meno provvisorio e più strutturato di quello assunto dopo i lavori della metropolitana sotterranea. Infatti, da allora, si è verificato un uso disordinato dello spazio pubblico che, a fronte di una diminuzione del traffico veicolare privato, ha mantenuto una forte preponderanza di carreggiata veicolare a discapito degli usi della mobilità dolce.

rendering3

La sezione predominante della via comprenderà: due corsie veicolari, una per senso di marcia, in centro alla strada, due linee di parcheggio (una per senso di marcia), due fasce di rispetto tra la linea di parcheggio veicolare e la ciclopista, e due corsie ciclabili mono-direzionali e, infine, i marciapiedi che manterranno l’attuale, sufficiente, sezione. La mezzeria della via (e quindi la separazione tra le due corsie centrali) sarà determinata dai due binari.

La sistemazione della via porterà con sé il miglioramento della sicurezza per quanto riguarda la percorrenza e, soprattutto, gli attraversamenti pedonali da parte dei disabili motori e visivi: infatti tutti gli attraversamenti trasversali presenti lungo il tratto Porta Nuova - Carducci saranno risolti con scivoli, gli ingressi delle vie laterali saranno rallentati con il rialzo degli attraversamenti pedonali. In tutti sarà inserito il codice di lettura podo-tattile corrispondente al segnale di pericolo valicabile.

I semafori saranno accompagnati da sorgenti sonore ad attivazione su richiesta per meglio aiutare l’attraversamento dei ciechi e ipovedenti. Aumenterà la sicurezza dei pedoni anche la creazione dei “nasi”, cioè delle propaggini dei marciapiedi che determinano un accorciamento del tratto da attraversare e, soprattutto, una migliore visibilità della strada, non più disturbata dalla eccessiva vicinanza di veicoli parcheggiati. L’illuminazione pubblica sarà potenziata nel primo tratto verso Porta Nuova. 

E' disponibile una presentazione in pdf che illustra il progetto 

Torna su

Stampa questa pagina

Condividi

Torna indietro