Città di Torino >
Trasporti e Viabilità > Cantieri attivi > ANDAMENTO DEI LAVORI DEL VIALE DELLA SPINA SUL PASSANTE FERROVIARIO

ANDAMENTO DEI LAVORI DEL VIALE DELLA SPINA SUL PASSANTE FERROVIARIO

Pubblicato il 05-10-2016 (Aggiornato il 17-05-2017)

IL PASSANTE FERROVIARIO

Le opere ferroviarie sono ormai ultimate e i due binari storici che correvano in superficie sono stati sostituiti da quattro binari completamente interrati che passano sotto l’alveo della Dora, e riemergono in corso Grosseto.
Questa complessa operazione è stata realizzata fiancheggiando il traffico ferroviario, costruendo la prima coppia di binari interrati sul lato ovest  fino a corso Grosseto e, successivamente, instradando i treni nella prima galleria per realizzare la seconda nello spazio lasciato libero dai binari attuali. La prima galleria è stata attivata nel 2009 e la seconda nel 2012.
Con la realizzazione dei nuovi collegamenti ferroviari nel nodo di Torino migliora il sistema complessivo del trasporto pubblico all'interno dell'area urbana e delle zone limitrofe incrementando l’offerta del Servizio Ferroviario Metropolitano con un migliore cadenzamento dei treni e due nuove linee, ma anche con l’entrata in servizio della nuova stazione Rebaudengo, realizzata tra via Fossata e via Breglio.

IL VIALE DELLA SPINA - La sistemazione superficiale sul Passante Ferroviario

La realizzazione del Viale della Spina, che si estende per circa 4 Km, da corso Vittorio Emanuele II a corso Grosseto, rappresenta una forte operazione di rinnovamento urbano, che ricuce le due parti della città prima separate dalla trincea ferroviaria e che persegue tre finalità principali: la realizzazione di un nuovo asse urbano lungo la direttrice nord-sud, collocato sulle aree che prima erano occupate dalla ferrovia; la stretta connessione con la rete dei mezzi di trasporto; la realizzazione di un sistema continuo di verde pubblico ispirato ai viali storici di Torino.
Nel 2014 con lo stanziamento di Euro 25 milioni previsto nel Decreto “Sblocca Italia” e convertito in Legge, la Città ha approvato i progetti di sistemazione superficiale del nuovo viale, suddivisi in quattro lotti:

01

Corso Inghilterra: da corso Vittorio Emanuele II a via Grassi 

L’INTERVENTO IN CIFRE
- lunghezza tratto 680 m
- marciapiede in materiale lapideo 720 mq
- pista ciclabile 420 mq
- area a verde 7.250 mq
- carreggiate stradali 11.550 mq
- nuovi alberi previsti 31

 

 

02

Corso Inghilterra: da via Grassi a corso Regina Margherita 

 L’INTERVENTO IN CIFRE
-  lunghezza tratto 850 m (di cui 215 m in tunnel)
-  marciapiede in materiale lapideo 1.435 mq
-  marciapiedi in asfalto 6.425 mq
-  piste ciclabili in asfalto 1.480 mq
-  aree verdi 6.605 mq
-  carreggiate stradali 24.165 mq
-  nuovi alberi previsti 73

ponte-2

Nuovo ponte sulla Dora 

 L’INTERVENTO IN CIFRE
 -  travi in acciaio 16
 -  altezza travi in acciaio 3 m
 -  luce impalcato a campata unica 50 m
 -  larghezza ponte 40 m

 

 

 

04 Regina-Baldissera

Corso Principe Oddone: da corso Regina Margherita a piazza Baldissera 

L’INTERVENTO IN CIFRE
- superficie 65000 mq
-  lunghezza tratto 1.050 m
-  marciapiede in asfalto 10.300 mq
-  piste ciclabili in asfalto 2.600 mq
-  aree verdi 9.200 mq
-  carreggiate stradali 39.000 mq
-  nuovi alberi previsti 265

Nel 2015, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, i cantieri sono stati consegnati alle imprese.
Nel 2016: Ultimati il nuovo sottopasso veicolare di piazza Statuto e il ponte sulla Dora; apertura al traffico delle nuove carreggiate centrali tra corso Regina Margherita e piazza Baldissera  e dei controviali di corso Principe Oddone, tra piazza Statuto e corso Regina Margherita e tra strada del Fortino e piazza Baldissera.
 

ESTENSIONE DEL PROGETTO PER ULTERIORI OPERE

Lo stanziamento di 25 milioni di Euro da parte del Ministero delle Infrastrutture ha consentito di appaltare il tratto compreso tra corso Vittorio Emanuele II e piazza Baldissera – esclusa - lasciando ancora in sospeso, oltre al complesso nodo di piazza Baldissera, il tratto più a nord, che coinvolge le Circoscrizioni 5 e 6, e che dovrà connettersi con la superstrada Torino-Caselle.
La Città ha stabilito di utilizzare le economie derivanti dalle gare di appalto dei quattro lotti già affidati, pari a circa 8,9 milioni di Euro, per proseguire la realizzazione del viale della Spina tra piazza Baldissera e corso  Grosseto, tramite l'estensione dei contratti in corso, in conformità al progetto definitivo già approvato dalla Giunta Comunale.
Inoltre, sempre nell’ambito delle estensioni contrattuali, è prevista la realizzazione dei collegamenti est-ovest tra via Cavalli e corso Matteotti, tra corso Ciriè e corso Gamba e tra strada del Fortino e corso Rosai.
Pertanto la Città, tramite l’utilizzo di ulteriori risorse, darà continuità ai cantieri in corso, tramite le imprese che stanno ultimando gli interventi già contrattualizzati, realizzando un ulteriore tratto di viale riqualificando il nodo di piazza Baldissera, e migliorando i collegamenti est – ovest tra il nuovo viale e la rete viabile esistente.

A maggio 2016 sono stati quindi approvati i progetti di estensione degli interventi:
- Collegamento tra via Cavalli e corso Matteotti (planimetria)
- Nodo di piazza Baldissera, corso Vigevano, corso Mortara, corso Gamba e corso Rosai. (planimetria)
Include la riqualificazione dell’attuale nodo viabile, con la revisione delle immissioni e delle uscite dalla rotatoria e la realizzazione della carreggiata centrale di corso Vigevano;
- Viale della Spina: tratto piazza Baldissera – via Vibò. (planimetria)
E’ prevista la demolizione dell’attuale ponte provvisorio di via Stradella, la realizzazione delle carreggiate centrali del viale tra piazza Baldissera e via Vibò, la riqualificazione degli isolati ovest di corso Venezia tra via Stradella e via Gulli e la realizzazione delle intersezioni semaforizzate in corrispondenza di via del Ridotto e via Vibò.
- Viale della Spina: tratto via Vibò – via Breglio. (planimetria)
Nell’intervento è prevista la realizzazione delle carreggiate centrali del viale tra via Vibò e la rotatoria di via Breglio, nonché la realizzazione dell’intersezione semaforizzata con via Saorgio.

COMPLETAMENTO TRA VIA BREGLIO E CORSO GROSSETO

Con l’obiettivo di reperire le risorse occorrenti per il completamento del Viale della Spina fino all’innesto con il raccordo autostradale Torino – Caselle a dicembre 2016, la Giunta Comunale, ha approvato il progetto definitivo del completamento della sistemazione superficiale del Passante tra via Breglio e corso Grosseto (Planimetria)
L'intervento costituisce l’ultimo tratto del Viale della Spina, che si sviluppa tra Via Breglio - Lauro Rossi e la superstrada Torino - Caselle, nell'area dell'ex Parco Sempione.
Nell'intervento sono incluse le carreggiate laterali del nuovo Viale della Spina, tra Via Lisa e Via Breglio, sul lato ovest, e tra Via Valprato e Via Lauro Rossi sul lato est, che non era stato possibile inserire negli interventi già realizzati di sistemazione superficiale.
Il costo complessivo dell'opera è di circa 10 milioni di Euro.

MAGGIO 2017 - CANTIERI IN CORSO

Piazza Baldissera – Corso Principe Oddone.
I lavori in piazza Baldissera sono pressoché ultimati e la viabilità è in assetto definitivo. Si sta procedendo al completamento della segnaletica stradale e alla posa di transenne a protezione dei percorsi ciclabili e pedonali. Sono stati completati i collegamenti fra il Viale della Spina e i corsi Rosai e Gamba.
Tratto Via Vibò – Via Breglio
I lavori previsti in questo tratto sono in fase di ultimazione con la realizzazione dei tappeti di usura e della segnaletica stradale.
Tratto Piazza Baldissera – Via Vibò
Proseguono i lavori di sistemazione del tratto con la realizzazione delle nuove carreggiate del viale e il nuovo disegno previsto su Via Stradella. Le nuove essenze arboree sono state messe a dimora prima del completamento delle banchine per agevolarne l’attecchimento. Progressivamente si procederà ad eliminare il parcheggio provvisorio esistente fra Via del Ridotto e Via Vibò per consentire la realizzazione dei nuovi impianti semaforici e delle piste ciclabili.

Collegamento corso Matteotti – via Cavalli (planimetria)
Completato l’iter autorizzativo con le Ferrovie e a seguito dell’ultimazione del parcheggio sotterraneo interno al fabbricato stazione di Porta Susa, si sono risolte le interferenze fra i due cantieri contemporanei e, conseguentemente, sono partiti i lavori di scavo per la realizzazione delle fondazioni del nuovo impalcato destinato a mettere in collegamento va Cavalli con corso Matteotti. E’ in corso di realizzazione la struttura di fondazione del nuovo ponte.

Torna su

Stampa questa pagina

Condividi

Torna indietro