Salta al menu di navigazione


Palazzo Carignano: la targa a Vittorio Emanuele

La capitale d’Italia

Il dominio dei Savoia si interrompe nel 1798, quando le truppe di Napoleone occupano la città e costringono Carlo Emanuele IV ad abdicare e a trasferirsi in Sardegna. Il Piemonte è annesso alla Francia e Torino vede cadere le sue mura difensive che fino a quel tempo erano state uno dei tratti distintivi del suo assetto urbanistico. Il Congresso di Vienna del 1814 restituisce Torino ai Savoia. Dopo la concessione dello Statuto Albertino a opera del re Carlo Alberto, è con l’ascesa al trono di Vittorio Emanuele II e con il lavoro di Camillo Benso Conte di Cavour che la città diventa protagonista della storia nazionale, guidando il processo che porterà all’Unità d’Italia. Nel 1861 Torino è la prima Capitale del Regno d’Italia, e il primo Parlamento viene insediato a Palazzo Carignano.