Salta al menu di navigazione


Il cinema prodotto a Torino: una sala al Museo Nazionale del Cinema

Museo Nazionale del Cinema alla Mole Antonelliana

Il cinema raccontato in 9.000 documenti, dipinti e stampe, 130.000 foto, 200.000 manifesti, 7.000 film e 20.000 volumi. Questo è il patrimonio – in continuo aggiornamento – del Museo Nazionale del Cinema di Torino, uno dei musei più visitati con oltre 500.000 presenze all’anno. Interessanti le collezioni di manifesti dedicati al cinema muto, in particolare a pietre miliari come "Il fuoco", "Il guanto, e "Cabiria", il primo film muto italiano, girato a Torino nel 1914 da Giovanni Pastrone, su soggetto di Gabriele D’Annunzio. Grande spazio è dedicato ai film del neorealismo – da “Ladri di Biciclette” a “Roma città aperta” – e ai film del periodo d’oro di Hollywood: da "Viale del tramonto" a "Quarto potere", da "La signora di Shangai" a "Ombre rosse", da "Gilda" a "Cantando sotto la pioggia". Il Museo presenta un forte impatto visivo anche dal punto di vista scenografico: merito delle architetture di François Confino.