Vaccinazione anti Covid-19 - Vaccinazioni internazionali, consigliate e obbligatorie
Ragazzo con siringa e ragazza con cartello io mi vaccino, e tu?

Vaccinazione anti Covid-19

Le ragazze e i ragazzi in Piemonte, con età superiore ai 12 anni, dal 12 luglio 2021 possono prenotare la vaccinazione anti Covid-19.

Dal 26 luglio 2021 le ragazze e i ragazzi con età 12-19 anni possono farsi vaccinare con accesso diretto senza preadesione.

La vaccinazione in Piemonte può essere richiesta anche da chi è residente fuori regione, senza domicilio sanitario in Piemonte, che si trova qui per ragioni di lavoro, assistenza familiare o per qualunque altro giustificato e comprovato motivo come per esempio gli studenti fuori sede.

La preadesione si effettua sul portale Il Piemonte ti vaccina.
Si inserisce il Codice Fiscale, il numero della tessera sanitaria, indirizzo email e numero di cellulare.
La convocazione si riceve con un SMS.
Le vaccinazioni si effettuano in numerosi Hotspot vaccinazioni Covid-19 a Torino.

Altre informazioni si trovano su aggiornamenti sulle vaccinazioni in Piemonte e sulle FAQ vaccinazioni in Piemonte.

Dove vaccinarsi a Torino

Per i vaccini diversi da quello anti Covid-19 è necessario rivolgersi all'ASL, in particolare a un Centro Vaccinazioni.
Per prenotare e vaccinarsi a Torino trova i contatti su Vaccinarsi - ASL Città di Torino.

Per tutte le vaccinazioni, in Piemonte è possibile controllare online l'elenco delle vaccinazioni e scaricare l'Attestato Storico vaccinale su Salute Piemonte.

Come funziona un vaccino

Il vaccino è un preparato costituito da una piccola quantità di batteri o virus (vivi, attenuati o uccisi e loro microparticelle) che determinano nella persona vaccinata una produzione di anticorpi in grado di stimolare una risposta immunitaria contro una malattia.

L'agente patogeno (virus o batterio) viene reso innocuo o poco aggressivo e viene introdotto nell’organismo senza provocare la malattia, stimolando i meccanismi naturali del nostro sistema immunitario, l’apparato che ci difende dalle aggressioni esterne, che inizierà a produrre gli anticorpi per combatterla.
In questo modo, quando la persona entrerà veramente a contatto col virus l’organismo sarà pronto a distruggerlo prima che la malattia venga sviluppata in quanto, nel corpo, ci saranno già gli anticorpi necessari per difendersi.

La durata della protezione è variabile da un vaccino all’altro: alcuni offrono una protezione che dura tutta la vita, altri garantiscono una copertura limitata nel tempo ed è quindi necessario ripeterli come, ad esempio, ogni 10 anni per difendersi dal tetano.

Le vaccinazioni hanno quindi lo scopo di ridurre il diffondersi di una malattia nella popolazione fino a farla scomparire.

Informazioni sulle patologie e sui relativi vaccini si trovano sul Portale Vaccinazioni del Ministero della Salute.

Facciamo squadra per la nostra salute

Vaccinazioni obbligatorie

In Italia le vaccinazioni obbligatorie sono 10:

  • anti-poliomelitica
  • anti-difterica
  • anti-tetanica
  • anti-epatite B
  • anti-pertosse
  • anti-Haemophilusinfluenzae tipo B
  • anti-morbillo
  • anti-rosolia
  • anti-parotite
  • anti-varicella.

Con una sola vaccinazione viene somministrata una combinazione di più vaccini, che dovrà poi essere seguita da richiami cioè la ripetizione del vaccino dopo un certo periodo di tempo.

Le vaccinazioni obbligatorie si effettuano presso le ASL e sono gratuite.

I genitori hanno l’obbligo di far vaccinare i propri figli e sono legalmente responsabili se bambine e bambini si ammalano per effetto di un’infezione da cui dovevano essere protetti con la vaccinazione.
L'obbligo riguarda i minori fino a 16 anni.

Senza aver fatto le vaccinazioni obbligatorie non è possibile iscrivere bambini e bambine presso asili nido e scuole materne, pubbliche e private.
Per le scuole dell'obbligo, in caso di mancata vaccinazione è prevista una sanzione pecuniaria nei confronti dei genitori.

I controlli vengono effettuati attraverso l'Anagrafe nazionale vaccini, su cui sono registrate tutte le vaccinazioni, le dosi, i tempi di somministrazione e gli eventuali effetti indesiderati.

Solo in caso di patologie attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta è possibile ritardare o non effettuare le vaccinazioni obbligatorie.

Informazioni più dettagliate sui vaccini, sulla legge (e modifiche successive) relativa all'obbligo delle vaccinazioni si trovano sulla Guida a cura del Ministero della Salute.

Vaccinazioni consigliate

Oltre alle vaccinazioni obbligatorie ci sono 4 vaccinazioni consigliate:

  • anti-meningococcica B
  • anti-meningococcica C
  • anti-pneumococcica
  • anti-rotavirus.

Anche queste vaccinazioni sono gratuite.

Inoltre, per i ragazzi e le ragazze, tra gli 11 anni e il 12* compleanno, è consigliata la vaccinazione anti HPV - contro il papillomavirus (verruche e condilomi).
Si tratta di un'infezione a trasmissione sessuale molto diffusa tra i giovani, favorita spesso dall'assenza di sintomi, che si può prevenire efficacemente con la vaccinazione.
L'infezione non riguarda solo le ragazze ma anche i ragazzi e il vaccino serve non solo a prevenire la malattia ma anche a evitare che, a distanza di tempo, si possano sviluppare i tumori del collo dell'utero, del pene e dell’orofaringe.
Anche la vaccinazione anti HPV è gratuita.

Vaccinazioni internazionali

Quando si viaggia in particolari Paesi stranieri è raccomandato, e talvolta obbligatorio, sottoporsi alle vaccinazioni per difendersi dalle malattie del luogo.
In base alla destinazione bisogna sottoporsi a determinate profilassi.

I vaccini più richiesti sono:

  • epatite A
    si trasmette attraverso cibo o acqua che contengono il virus; per questo è bene evitare, soprattutto in condizioni di scarsa igiene, i cibi crudi (specialmente frutti di mare),  l'acqua del rubinetto e il ghiaccio, le salse e le creme non cotte; la trasmissione avviene anche attraverso rapporti sessuali o contatti diretti con persone infette
  • febbre gialla
    è provocata da un virus trasmesso da punture di zanzara
  • febbre tifoide
    è causata da un batterio simile alla salmonella, che si trasmette per via fecale-orale e provoca febbre elevata.

Informazioni su vaccinazioni e profilassi da effettuare prima di andare all'estero si trovano su Malattie dei viaggiatori a cura del Ministero della Salute.

Vaccinazioni per soggetti particolari

Le persone affette da particolari patologie, oppure quelle che svolgono determinate professioni o attività che li mettono in contatto con soggetti o materiali potenzialmente infetti, oppure persone che hanno comportamenti che li espongono a rischi maggiori dovrebbero effettuare le vaccinazioni per soggetti a rischio.

Ad esempio la vaccinazione anti-tetanica è obbligatoria per sportivi iscritti al CONI e per talune categorie come quella dei lavoratori agricoli, dei metalmeccanici e degli operatori ecologici.
Medici, operatori sanitari e studenti in medicina e infermieristica devono effettuare la vaccinazione anti-tubercolare (BCG) e la vaccinazione anti Covid-19.

Altre informazioni si trovano su Vaccinazioni di soggetti a rischio a cura della Regione Toscana.

I rischi delle vaccinazioni

Ai vaccini viene riconosciuto il ruolo di prevenzione per la salute della collettività ma, come tutti i farmaci, non sono esenti da eventuali rischi e controindicazioni.
In rari casi un vaccino può avere degli effetti collaterali o una reazione avversa. Le conseguenze più comuni sono febbre, debolezza e dolore nella zona del corpo in cui è stata fatta l’iniezione.
Il Ministero della Salute si fa carico del Riconoscimento di un indennizzo - come previsto dalla Legge n. 210/1992 e n. 229/2005 - in caso di danni irreversibili.

Riferimenti utili

Torna alla sezione di TorinoGiovani Salute e vita affettiva

Data aggiornamento: 
3 Agosto 2021
Il virus dell'Aids è stato riconosciuto per la prima volta il 5 giugno 1981, 40 anni fa.
Procedura online e presso gli sportelli dell'ASL
Il 25 novembre è la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.
1° dicembre Giornata mondiale contro l'AIDS, occasione per promuovere prevenzione e combattere pregiudizi.
L'assistenza sanitaria per le persone straniere in Italia
I consultori familiari sono servizi socio-sanitari che offrono assistenza a singoli e coppie sulla sessualità: scopri i loro servizi e dove trovarli in città