Negli ultimi anni l'economia norvegese ha registrato una continua crescita. Gli investimenti nei settori dell'edilizia e dei lavori pubblici hanno determinato un aumento dei posti di lavoro. Lo stesso dicasi per i settori del turismo e della pesca.
L'ottimo welfare, i paesaggi incontaminati e lo stile di vita poco frenetico sono solo alcuni dei motivi per decidere di andare a vivere e lavorare in Norvegia.

Requisiti generali

La Norvegia non è uno Stato membro della UE, ma rientra nello Spazio Economico Europeo; aderisce allo spazio di Schengen e riconosce il libero ingresso sul territorio nazionale per i cittadini e le cittadine dei paesi aderenti, fra cui l’Italia. Superati i tre mesi di soggiorno è necessario richiedere un permesso di residenza registrandosi online sul sito dell' Utlendingsdirektoratet e recandosi presso un dipartimento di polizia.
Per informazioni più approfondite si consiglia di consultare la guida (in inglese) Living and working in Norway.

Uno dei requisiti generalmente richiesti per integrarsi in un paese straniero è la conoscenza, almeno di base, della lingua; per incoraggiare l’accesso al mondo del lavoro, ogni Paese ha messo a punto programmi formativi linguistici gratuiti, attraverso gli uffici pubblici di collocamento e gli enti comunali.

Per i lavori più generici il livello di conoscenza della lingua può essere anche minimo. Più il lavoro è qualificato maggiore deve essere il livello di conoscenza della lingua.

In alcuni settori come agricoltura, ristorazione e accoglienza è sufficiente una buona conoscenza della lingua inglese.

Altre informazioni sul lavoro all’estero sono disponibili sulle pagine di Torinogiovani

Come candidarsi

Sia che si risponda a una offerta di lavoro specifica, sia in caso di candidatura spontanea, generalmente ci si candida inviando il proprio CV con la lettera di presentazione. A meno che non sia indicato diversamente, entrambi devono essere redatti in lingua e scritti al computer, con un chiaro riferimento all’offerta alla quale si è interessati.

In alcuni settori lavorativi (come la grande distribuzione, i parchi divertimento, le aziende multinazionali o i franchising) le candidature si presentano solitamente attraverso la compilazione di application form.

Informazioni più specifiche per le candidature in Norvegia e la stesura del CV, si possono trovare sul sito del Ministero del Lavoro norvegese (NAV).

Dove abitare

I costi d’affitto per una sistemazione in Norvegia sono piuttosto alti. Generalmente, affittare una casa prevede il versamento di una caparra, pari a due mensilità. Uno dei siti più utilizzati per trovare annunci di appartamenti è FINN.

In ogni caso, la sistemazione abitativa più economica è la condivisione di un appartamento che viene proposta attraverso annunci e siti specializzati, quali ad esempio iRoommates e Kangaroom.

Canali per la ricerca di un lavoro in Norvegia

Esistono varie possibilità:

  • rivolgersi al servizio EURES (European Employment Services) in Italia o sul posto; è presente una sede a Torino
  • rivolgersi alle agenzie di collocamento: sul sito del Ministero del Lavoro norvegese, nella sezione Work in Norway, sono presenti informazioni sulla ricerca del lavoro e sui servizi offerti, oltre ad una banca dati dei posti vacanti sul territorio
  • contattare le agenzie per il lavoro interinale; i recapiti delle agenzie sono disponibili sulle Pagine Gialle norvegesi: l'elenco completo è disponibile alla voce Vikarbyråer
  • informarsi presso i Centri Informagiovani norvegesi
  • consultare gli annunci di offerte di lavoro pubblicati sui quotidiani o le riviste specializzate, come ad esempio il Dagens Naeringsliv
  • consultare i portali per la ricerca del lavoro, come ad esempio FINN o NAV.

Per esperienze di pratica lavorativa, di durata limitata, per acquisire competenze professionali e arricchire il CV, è possibile consultare le pagine di Torinogiovani dedicate a tirocini, work&study e lavoro alla pari.​

Lavoro nel settore alberghiero e della ristorazione

La richiesta di personale da impiegare nelle strutture alberghiere delle città e delle località di montagna è piuttosto elevata nelle regioni a sud-ovest e riguarda personale addetto alla cucina, ai piani, al bar e alla reception. Gli ostelli della gioventù assumono personale stagionale, per il periodo estivo, fino al mese di settembre compreso. Per maggiori informazioni consultare l'associazione nazionale Norske Vandrerhjem o il sito Hostelling International, il network globale degli ostelli della gioventù dove è possibile recuperare un elenco di tutte le strutture presenti sul territorio nazionale. Catererglobal, inoltre, è un motore di ricerca (in lingua inglese) dei lavori alberghieri nel mondo.

Accanto alle consuete strutture ricettive, in Norvegia sono diffuse costruzioni chiamate hytte, tipiche abitazioni dove molti turisti trascorrono le vacanze estive. Generalmente queste strutture sono situate in montagna, o comunque in un ambiente naturale. Le figure lavorative più richieste sono quelle del personale addetto alle pulizie delle camere e l’aiuto cuoco. Si segnala inoltre lo Stalheim Hotel, uno storico albergo tra i più conosciuti del Paese che ricerca spesso personale stagionale, anche di origine straniera.

Lavoro nel settore turistico

Esistono numerose possibilità anche nel settore turistico, a cominciare dalle scuole di sci che ogni anno selezionano per la stagione invernale (da metà febbraio a metà novembre) insegnanti di sci, guide e animatori o animatrici. L'età minima è di 18 anni (21 anni per i capi animatori). È necessario avere una conoscenza scolastica dell’inglese. Durante il periodo estivo, invece, molte compagnie marittime cercano aiuti per il personale di bordo per traghetti e imbarcazioni da crociera lungo i fiordi. La lingua più richiesta è il tedesco, ma ci sono buone possibilità anche per guide italiane per il periodo che va da inizio marzo a metà agosto. Per maggiori informazioni ci si può rivolgere all' Artic Guide Service, la principale organizzazione di servizi turistici della Norvegia.

In Norvegia, inoltre, ci sono numerosi parchi di divertimento che ricercano personale giovane da impiegare in differenti lavori all’interno delle strutture. Per informazioni sulle mansioni e le modalità di candidatura in questo settore si consiglia di consultare la pagina di Torinogiovani Lavorare nei parchi divertimento. L'elenco dei parchi presenti in Norvegia è reperibili sulla pagina parchi di divertimento.

Per ulteriori approfondimenti consultare la sezione del sito di Torinogiovani lavoro stagionale nel turismo, con pagine dedicate all'animazione, ai centri vacanza e villaggi e al lavoro sulle navi.

Lavoro nel settore ittico e agricolo

Una valida opzione, specie se si conosce poco la lingua, è quella dei lavori agricoli temporanei. In Norvegia ci sono buone possibilità di lavorare nel settore della lavorazione del pesce, soprattutto a Trondheim, Bergen e Vardo. Alcune aziende richiedono una permanenza di un anno, in altre è possibile lavorare anche solo per due settimane in estate.

I recapiti delle aziende ittiche e agricole si possono trovare online sulle Pagine Gialle norvegesi.

Si segnala infine Picking Jobs, motore di ricerca (in lingua inglese) dei lavori di raccolta di frutta, verdura e fiori nel mondo. Informazioni utili sulle mansioni, sulla modalità di candidatura e sulla ricerca di lavoro nel settore agricolo sono presenti nella pagina Lavoro stagionale in agricoltura.

Lavoro nelle aziende petrolifere

La Norvegia è una delle zone più ricche di petrolio e di gas naturale. Per lavorare in questo settore, si consiglia di consultare i siti di importanti società che si occupano dell’estrazione nel Mare del Nord:

Maggiori informazioni per lavorare nel settore sono disponbili alla pagina di Torinogiovani dedicata a Lavorare sulle piattaforme.

Riferimenti utili

  • UngInfo: Informagiovani di Oslo
  • L'Aurora: Associazione Italiani in Norvegia
Data aggiornamento: 
11 Luglio 2019