Dichiarazione di inizio dell'esercizio d'impresa

Tutti i soggetti che intraprendono l’esercizio di un’impresa, arte o professione sul territorio italiano devono presentare la dichiarazione di inizio attività entro 30 giorni; in caso di successive variazioni dei dati o cessazione dell’attività deve essere presentata, entro 30 giorni dalla data di variazione, una comunicazione di variazione dati.

Per qualsiasi tipo di impresa occorre :  

  • richiedere l'attribuzione della partita IVA da parte dell'Agenzia delle Entrate
  • effettuare l’iscrizione all'INAIL (assicurazione obbligatoria contro gli infortuni)
  • effettuare l’iscrizione all’INPS e la denuncia di inizio attività al registro imprese e, quando possibile, all’albo delle imprese artigiane entro trenta giorni dall’apertura dell’attività
  • comunicare all’ufficio comunale i dati per l’assolvimento della tassa per lo smaltimento dei rifiuti (Tarsu/Tares) e presentare eventuali richieste di autorizzazione per l’installazione di mezzi pubblicitari (ad es. insegne), solo se l’attività d’impresa viene svolta in locali appositamente predisposti.

Tutte le pratiche possono essere sostituite dalla procedura online Comunicazione Unica  (ComUnica), che semplifica il rapporto tra le imprese e la Pubblica Amministrazione; consiste nell’insieme dei vari modelli elettronici destinati alle singole Amministrazioni coinvolte e si trasmette all'Ufficio del Registro delle Imprese della Camera di Commercio di competenza per via telematica o su supporto informatico, previa apposizione della firma digitale. Tale modello è valido ai fini fiscali, previdenziali e assicurativi; la Camera di Commercio provvederà a inoltrarlo tempestivamente agli altri Enti interessati, ovvero Agenzia delle Entrate, INPS, INAIL, SUAP.

Per i soggetti tenuti obbligatoriamente all’iscrizione nel Registro delle Imprese o alla denuncia al REA (Registro Economico e Amministrativo), la dichiarazione di inizio attività, le modifiche e la dichiarazione di cessazione possono essere presentate soltanto all’Ufficio del Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio nella cui circoscrizione è la sede dell’impresa.

Gli altri soggetti - lavoratori autonomi e professionisti – devono presentare la dichiarazione di inizio attività all’Agenzia delle Entrate:

  • presso qualunque ufficio territoriale in duplice copia (si considera presentata il giorno della consegna in ufficio)
  • per via telematica (si considera presentata il giorno in cui è ricevuta dall’Agenzia delle Entrate che ne dà apposita comunicazione)
  • tramite raccomandata in unico esemplare (si considera presentata il giorno in cui risulta spedita).

Contestualmente alla dichiarazione di inizio attività, si ottiene l’attribuzione del numero di Partita I.V.A.
Tale numero resta invariato fino alla cessazione dell’attività e deve essere indicato nelle dichiarazioni fiscali.

La dichiarazione di inizio attività, le eventuali variazioni dati e le cessazioni devono essere rese su modelli conformi, ovvero AA9/11 per le persone fisiche e AA7/10 per tutti gli altri soggetti; sono entrambi reperibili sul sito dell' Agenzia delle Entrate.  

Il modello, che deve essere firmato dal contribuente o dal suo rappresentante legale, richiede di indicare:

  • dati anagrafici
  • tipo e oggetto dell’attività
  • luogo di svolgimento
  • luogo di conservazione delle scritture contabili
  • codice fiscale del titolare o del rappresentante legale
  • volume d’affari presunto.

 

Data aggiornamento: 
1 Marzo 2017
Inventivi, fondi agevolati e guide per la ricerca di finanziamenti
Appuntamenti, corsi e nuovi servizi per chi vuole aprire una attività imprenditoriale.
Domande Frequenti su come avviare un'impresa
Apertura e adempimenti connessi all'Imposta sul Valore Aggiunto
Finanziamenti e agevolazioni comunitari, nazionali e regionali
Sportelli di informazione, orientamento e sostegno per l'apertura di un'attività