Incentivi all'occupazione

I vantaggi per le imprese che assumono giovani
incentivi occupazione

Designed by Freepik

Per favorire l'occupazione esistono degli incentivi a favore delle imprese che assumono nuovo personale.

Si tratta di sgravi contributivi, fiscali e bonus di cui le aziende possono usufruire se assumono persone che hanno certi requisiti, come ad esempio la giovane età.
In alcuni casi gli incentivi si possono anche cumulare tra loro.

L'ANPAL - Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro pubblica il repertorio nazionale degli incentivi con l'elenco di tutti gli incentivi in vigore.

Gli incentivi che riguardano l'occupazione giovanile sono:

  • per l'assunzione di giovani - cd bonus giovani
    E' rivolto alle imprese che assumono chi ha meno di 35 anni e comporta una riduzione del 50% dei contributi, in caso di assunzione per la prima volta, con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. La riduzione dura 36 mesi.
    L'incentivo, in vigore dal 1° gennaio 2018, è stato prorogato anche per gli anni 2019 e 2020. 
    Dal 2021 l'età sarà meno di 30 anni
  • occupazione Neet 2018-2019
    Riguarda l'assunzione di giovani dai 16 ai 29 anni che hanno aderito al programma Garanzia Giovani.
    L'incentivo è cumulabile con il bonus giovani
  • per le assunzioni con contratto di apprendistato
    Possono ottenere questo incentivo le aziende che assumono in apprendistato a tempo indeterminato giovani dai 15 ai 29 anni
  • per le assunzioni di studenti in alternanza scuola lavoro
    Si applica a favore del datore di lavoro presso cui è stata svolta l'alternanza, in caso di assunzione di giovani con meno di 30 anni con contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti, entro 6 mesi dal conseguimento del titolo di studio.
    L'incentivo non è cumulabile con gli altri.
  • per la trasformazione del contratto di lavoro
    Si rivolge ai datori di lavoro che hanno stipulato un contratto a tempo determinato, con giovani di meno di 30 anni, per incentivare la trasformazione a tempo indeterminato.
    E' cumulabile con l'incentivo NEET, con quello per il Mezzogiorno e con altri incentivi di natura economica, ad esempio per l'assunzione di persone disabili.
  • per l'occupazione nel Mezzogiorno
    E' in vigore dal 2017 per le regioni Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna.
    Dal 2018 è rivolto a giovani dai 16 ai 34 anni oppure a chi ne ha più di 35 ed è senza impiego da almeno 6 mesi.

Nel corso del 2019 si aggiungeranno altri incentivi:

  • il bonus Giovani Eccellenze
    Riguarda l'assunzione anche part-time, effettuata entro dicembre 2019, di giovani con meno di 30 anni che hanno conseguito una laurea magistrale con votazione di 110 e lode e di giovani con meno di 34 anni che hanno ottenuto un dottorato di ricerca.
    Laurea o dottorato devono essere conseguiti dal 1° gennaio 2018 al 30 giugno 2019.
    Esonera i datori di lavoro dal versamento dei contributi previdenziali per 12 mesi, nel limite massimo di 8.000 euro per ogni assunzione.
  • l'incentivo per assunzione di chi riceve il Reddito di Cittadinanza
    E' rivolto ai datori di lavoro che assumono una persona a cui viene erogato Reddito di cittadinanza, con assunzione a tempo indeterminato a tempo pieno attraverso il Centro Per l'Impiego.
    Altre informazioni sulla pagina vantaggi per chi assume.

Per ulteriori informazioni sugli incentivi si rinvia alle FAQ dell'ANPAL - Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro.

Le informazioni sugli incentivi per l'avvio di attività imprenditoriali si trovano sulla pagina di Torinogiovani dedicata al Mettersi in proprio.

Data aggiornamento: 
11 Febbraio 2019
Chi perde il lavoro può ottenere un aiuto economico dall'INPS. Informazioni per richiedere un sussidio di disoccupazione.
Con l'abolizione dei voucher sono cambiate le norme sui lavori occasionali: ecco le modalità per svolgere e retribuire il lavoro presso famiglie, piccole imprese e società sportive.
Requisiti e consigli per trovare un lavoro temporaneo nel settore agricolo in Italia.