Uno strumento per gestire la ricerca attiva del lavoro

Per una efficace ricerca attiva è fondamentale organizzare le azioni necessarie per trovare lavoro.

Lo strumento che si utilizza è il diario di ricerca.

Il diario di ricerca a volte viene chiamato diario di bordo o agenda di ricerca.

Il diario di ricerca può essere cartaceo o digitale.

La versione più comoda è l’App per smartphone -  come ad esempio Trello - che permette di pianificare le attività, si integra con la propria agenda e si porta sempre con sé.

A cosa serve

Il diario di ricerca serve per:

  • organizzare la ricerca del lavoro in diverse fasi
  • sapere a che punto è il percorso di ricerca
  • memorizzare i contatti della propria rete professionale
  • ricordarsi le cose che restano ancora da fare.

In Italia, oltre la metà dei posti di lavoro si trova attraverso il passaparola, per cui è molto importante creare una rete di contatti professionali.

Per moltiplicare le occasioni di entrare in contatto con potenziali datori di lavoro è fondamentale condividere i propri contatti con quelli di amici, compagni, parenti, conoscenti.

Il diario di ricerca serve anche a condividere i contatti.

Oltre a prendere nota delle cose fatte e delle cose da fare, il diario di ricerca serve per analizzare le azioni svolte e migliorare l’efficacia della ricerca attiva di lavoro.

La principale difficoltà durante la ricerca di lavoro è dovuta alla mancanza di risposte alle candidature.

Dopo aver inviato una candidatura di lavoro è difficile ottenere un riscontro immediato.
Le aziende a volte non hanno la possibilità di rispondere alle numerose candidature che ricevono.

La mancanza di risposte è uno dei principali motivi di scoraggiamento nella ricerca di lavoro, provoca una demotivazione che può incidere negativamente sulla ricerca, con la conseguenza di proseguire senza un adeguato impegno, quasi per inerzia e senza l’energia iniziale.

Tenere un diario di ricerca aiuta a fare un percorso coerente con gli obiettivi ma aiuta anche a evitare gli errori più frequenti che si fanno nell'invio delle candidature di lavoro.

Come si usa

La prima pagina del diario dovrebbe contenere un vero e proprio progetto professionale, per avere sempre in primo piano l’obiettivo da raggiungere.

Sul diario di ricerca si possono annotare:

Può essere utile scrivere un calendario delle attività da realizzare.

Un esempio di diario di ricerca:

Data aggiornamento: 
5 Febbraio 2020
Numerose aziende di Torino e del Piemonte pubblicano le offerte di lavoro sui loro siti, alla voce Lavora con noi oppure in una sezione Posizioni Aperte. Scopri le aziende che assumono!
Dove farsi aiutare nella ricerca attiva
Cosa serve per realizzare una ricerca attiva del lavoro
Controlla la tua posizione sul mercato del lavoro
Consigli per evitare errori nella ricerca attiva
Quali sono e come funzionano le principali fiere del lavoro a Torino