Bene confiscato, vittoria comune

Ente: Comitato Beni Confiscati Libera Piemonte

Settore e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale – Animazione culturale verso i giovani - Interventi di animazione nel territorio

Obiettivi del progetto

Sostenere gli Enti coinvolti nel recupero e nella gestione dei beni confiscati alle mafie.  Diffondere la cultura della legalità, della cittadinanza attiva, della corresponsabilità capace di generare coesione sociale e di contrastare anche culturalmente il fenomeno della criminalità organizzata di matrice mafiosa.

Obiettivi specifici e attività d'impiego dei volontari

Aumentare il numero degli Enti supportati nel recupero e nella gestione dei beni confiscati alle mafie 

  • Partecipa alle riunioni degli operatori e dei soci volontari per pianificare le modalità di contatto con gli enti ed il ruolo del Comitato dei Beni Confiscati 
  • Collabora nell’elaborazione del materiale informativo e promozionale dell’associazione 
  • Affianca gli operatori nella diffusione del materiale informativo al fine di far conoscere il ruolo e l’attività del Comitato 
  • Affianca gli operatori nella gestione della segreteria e degli strumenti con cui ci si relaziona con gli Enti esterni 
  • Affianca gli operatori nella gestione della consulenza con gli Enti esterni 
  • Collabora con gli operatori nella redazione di report e diffusione pubblica sulla tipologia di consulenza offerta

Aumentare il numero degli studenti a cui l’associazione offre occasioni di informazione e di sensibilizzazione sul tema della legalità

  • Partecipa alle riunioni degli operatori e dei volontari per pianificare la gestione delle attività nelle scuole ed i diversi tipi di interventi da offrire nelle classi 
  • Elabora, anche in autonomia, il materiale necessario alla gestione degli incontri nelle scuole 
  • Collabora alla gestione della segreteria e della posta (mail, ecc...) presso cui arrivano le diverse richieste scolastiche 
  • Partecipa agli incontri con i Presidi e gli insegnanti delle scuole per presentare la tipologia e di incontri che si vuole offrire 
  • Affianca gli operatori nella gestione dei diversi incontri all’interno delle scuole coinvolte 
  • Collabora con gli operatori nella redazione di report sugli incontri nelle scuole

Aumentare il numero delle iniziative organizzate sul territorio piemontese per sensibilizzare la cittadinanza sul legalità e sulla presenza mafiosa nel territorio piemontese. 

  • Partecipa alle riunioni degli operatori e dei volontari per pianificare la gestione delle attività nei diversi Comuni piemontesi 
  • Partecipa agli incontri con i referenti dei diversi Comuni ed associazioni che operano sul tema della Legalità in Piemonte per definire le iniziative e le attività da realizzare per la cittadinanza 
  • Elabora, anche in autonomia, il materiale necessario alla gestione degli eventi e del materiali promozionale che pubblicizza le diverse iniziative 
  • Collabora con gli operatori nella pubblicizzazione sui media delle iniziative organizzate dal Comitato nei diversi Comuni 
  • Collabora con gli operatori nella gestione degli eventi e delle attività nei diversi territori in collaborazione con i Comuni e le associazioni che vi operano 
  • Collabora con gli operatori nella redazione di report sugli incontri nelle scuole

Criteri di selezione

La selezione dei volontari avverrà secondo il  Sistema di Reclutamento e Selezione della Città di Torino accreditato dall’Ufficio Regionale per il Servizio Civile, in sintesi la selezione prevede: 

  • una valutazione curriculare dei candidati;
  • un primo colloquio di gruppo volto a verificare il possesso delle informazioni di base  relative al Servizio Civile Nazionale Volontario e alle peculiarità del progetto; 
  • un secondo colloquio individuale per comprendere le motivazioni e la  corrispondenza tra  il candidato e il profilo del volontario richiesto dal progetto. 

L’assenza anche a uno solo dei colloqui sarà considerata rinuncia; l’esito della valutazione curriculare e il punteggio attribuito nel corso del colloquio serviranno a formare la graduatoria. 

Condizioni di servizio e aspetti organizzativi

Numero ore di servizio dei volontari
ore di servizio settimanali: 30 

Giorni di servizio a settimana dei volontari:  5 

Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio: 

  • Rispetto della normativa sulla privacy rispetto ai dati in possesso dell’associazione.
  • Flessibilità oraria e di spostamento rispetto alla gestione di attività progettuali che si svolgono in orario serale, festivo e fuori Torino.
  • Disponibilità a partecipare ad incontri residenziali fuori Torino i cui costi di vitto alloggio e trasporto sono a carico dell’associazione.

Requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto

Obbligatori:  Diploma scuola media superiore

Preferenziali: 

  • Istruzione e formazione
    Umanistica
  • Esperienze
    Di volontariato nel terzo settore
  • Competenze informatiche
    Conoscenza pacchetto Office
  • Patenti
    tipo B

Sedi di svolgimento e posti disponibili

Sede di attuazione del progetto: Comitato Beni Confiscati Libera Piemonte ONLUS
Comune: Torino 
Indirizzo: Corso Trapani 91
Cod. identificativo sede: 129163
Numero volontari per sede: 2 posti senza vitto e alloggio

Caratteristiche conoscenze acquisibili

Nell’ambito del presente progetto, è previsto il rilascio delle seguenti dichiarazioni valide ai fini del curriculum vitae: 

  1. Attestato di partecipazione al progetto di Servizio Civile rilasciato dall’ente proponente Città di Torino 
  2. Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento corso di formazione ex art. 37 comma 2 del D.LGS 81/2008 e S.M.I. (Formazione generale di 4 h). 
  3. Dichiarazione delle capacità e competenze acquisite rilasciato dall’ente Cooperativa Sociale O.R.So. (ente terzo certificatore, accreditato presso la regione Piemonte per i servizi formativi ed orientativi) a seguito della partecipazione dei volontari al percorso di “Bilancio dell’esperienza”. 

Formazione specifica dei volontari

La durata totale della formazione specifica sarà di 72 ore, così come dettagliato: 

  • Formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari in progetti di servizio civile
  • Conoscenza Comitato e della rete con cui collabora. Legislazione antimafia e legge sui beni confiscati.
  • Lavoro educativo con i giovani. L’animazione territoriale ed il lavoro di rete.

 

Per informazioni e presentazione candidature

Comitato Beni Confiscati
Francesca Rubino
Corso Trapani, 91/B - Torino
dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30 e su appuntamento telefonando al numero
Tel. 011 3841081
Email: info@liberapiemonte.it

 

 

Consulta il testo completo del progetto
Bene confiscato, vittoria comune (.pdf)

 

Torna all'elenco dei progetti nella pagina Bando Servizio Civile

Data aggiornamento: 
26 Maggio 2017