Città di Torino >
Tasse e tributi > Servizio IMU e TARI > IMU - Imposta Municipale Propria > Ricorso/reclamo per accertamenti di importo inferiore a € 50.000,00

Servizio IMU e TARI

Servizio IMU e TARI

Ricorso/reclamo per accertamenti di importo inferiore a € 50.000,00

Contro l'avviso di accertamento di importo inferiore a € 50.000,00 (valore determinato considerando la sola imposta senza sanzioni e interessi) è possibile presentare ricorso, ai sensi dell'art. 18 e seguenti del D.Lgs 546 del 31/12/1992. Dal 1° gennaio 2016 il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell'ammontare preteso dal Comune (art. 17-bis del D.Lgs 31/12/1992, n. 546). Il ricorso ed una copia devono essere notificati entro 60 giorni dal ricevimento dell'avviso, al Comune di Torino - Area Tributi e Catasto - Ufficio Contenzioso - 4° piano - Corso Racconigi, 49 - 10139 Torino, in uno dei seguenti modi:

  • con consegna diretta all'ufficio indicato che restituisce copia con la ricevuta;
  • con spedizione a mezzo posta del solo originale in plico (senza busta) raccomandato con ricevuta di ritorno;
  • tramite ufficiale giudiziario.

Con la presentazione del reclamo/mediazione i termini sono sospesi per 90 giorni durante i quali è possibile tentare una soluzione stragiudiziale della controversia. Decorsi inutilmente i 90 giorni il contribuente può depositare il proprio fascicolo, da cui risulti l'avvenuta notifica al Comune, presso la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale di Torino -  Strada Antica di Collegno, 259 - 10146 Torino, in uno dei seguenti modi:

  • con consegna diretta all'ufficio succitato che restituisce copia con la ricevuta;
  • con spedizione a mezzo posta del solo originale in plico (senza busta) raccomandato con ricevuta di ritorno;

Se l'importo contestato è pari o superiore a € 3.000,00 (esclusi sanzioni e interessi) il contribuente deve essere obbligatoriamente assistito da un difensore abilitato. Prima di costituirsi in giudizio il contribuente è tenuto a pagare il contributo unificato in base al valore della controversia determinato secondo i criteri dell'art. 12 del D.Lgs n. 546/1992 (artt. 13, comma 6 e quater e 192 del DPR n. 115/2002). Chi perde in giudizio può essere condannato al pagamento delle spese.

Informazioni telefoniche 011 01120334

Torna su

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 2020

Stampa questa pagina

Altre risorse

informativa sull'IMU

Informativa sull'IMU

 

 

Consultazione rendite catastali (dal sito dell' Agenzia del Territorio)

Modello e istruzioni F24 (dal sito dell'Agenzia delle Entrate)

Progetto qualità

I Servizi IMU-ICI sono inseriti nel Progetto Qualità del Comune di Torino per i servizi erogati agli utenti.
Certificato ISO 9001

Carta della Qualità dei Servizi IMU - ICI logo del Progetto Qualità del Comune di Torino

Condividi

Torna indietro