logo della testata


Divisione Servizi Sociali e rapporti con le Aziende sanitarie


Informa Stranieri e Nomadi




Comune di Torino > Informa Stranieri e Nomadi > L'archivio delle news  



Consiglio d'Europa: illegittimi i respingimenti in mare effettuati dall'Italia nel luglio 2009.


Il Comitato per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti umani o degradanti del Consiglio d'Europa ha pubblicato in data 29/04/2010 il rapporto relativo alla visita condotta nel luglio 2009 in Italia e la risposta del governo italiano.

Entrambi i documenti sono stati resi pubblici su richiesta delle autorità italiane.

Secondo il Comitato per la Prevenzione della tortura la politica italiana del "respingimento", la quale consiste nell'intercettazione di cittadini migranti in mare e nella coazione al ritorno in Libia o in altri paesi non comunitari, viola il principio di non respingimento nell'ambito delle misure di protezione internazionale.

Inoltre tutte le persone che rientrano sotto la giurisdizione italiana dovrebbero avere la possibilità di richiedere la protezione internazionale e di fruire delle strutture necessarie.

Secondo le informazioni a disposizione del Comitato, durante il periodo preso in esame le autorità italiane non hanno offerto ai cittadini migranti intercettati in mare tali possibilità e strutture.
Infatti alle persone respinte in Libia (nell'ambito delle operazioni effettuate nel mese di maggio e giugno 2009 e sulle quali ha aperto un'indagine la Procura di Siracusa) è stato negato il diritto ai cittadini migranti intercettati inerente la possibilità di ottenere una valutazione individuale del proprio caso, nonché un accesso effettivo al sistema di protezione dei rifugiati.





Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookieDichiarazione di accessibilità