logo della testata


Divisione Servizi Sociali e rapporti con le Aziende sanitarie


Informa Stranieri e Nomadi




Comune di Torino > Informa Stranieri e Nomadi > L'archivio delle news  



Decreto 4 giugno 2010 Ministero dell'Interno

Modalità di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, previsto dall'articolo 9 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286, introdotto dall'articolo 1, comma 22, lettera i) della Legge n. 94/2009.


Il Ministero dell'Interno con decreto 4 giugno 2010, pubblicato in G.U. l'11 giugno 2010 n. 134, ha previsto le modalità di svolgimento del test di conoscenza della lingua italiana, il superamento del quale consentirà il rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Le previsioni del decreto, che entrerà in vigore a partire dal 9 dicembre 2010, non si applicheranno alle seguenti categorie:

Per il rilascio del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo il decreto stabilisce che il cittadino straniero dovrà possedere un livello di conoscenza della lingua italiana che permetta di comprendere frasi ed espressioni di uso frequente in ambiti correnti, in corrispondenza del livello A2 del Quadro comune di riferimento europeo per la conoscenza delle lingue approvato dal Consiglio d'Europa.

La valutazione del livello di conoscenza della lingua italiana avrà luogo attraverso modalità informatiche presso la Prefettura del luogo di residenza che, entro sessanta giorni dalla richiesta, convocherà il cittadino straniero per la prova.

Il test si svolgerà con modalità informatiche o, a richiesta del cittadino stesso, tradizionali (prove scritte). Il cittadino straniero che effettuerà la prova linguistica dovrà conseguire almeno l'ottanta per cento del punteggio complessivo.

Il risultato del test sarà comunicato al cittadino straniero e sarà inserito a cura del personale della prefettura nel sistema informativo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'Interno. In caso di esito negativo, il cittadino straniero potrà ripetere la prova, previa richiesta presentata alla Prefettura.

Sono esonerati/e dallo svolgimento della prova i/le cittadini/e stranieri/e che presentino le seguenti caratteristiche:

Ai fini del rilascio del permesso di soggiorno UE, le Questure dovranno verificare la sussistenza del livello di conoscenza della lingua italiana attraverso il riscontro dell'esito positivo del test riportato nel sistema informativo del Dipartimento per le libertà civili e l'immigrazione del Ministero dell'interno ovvero, nei casi di esonero del test, attraverso il riscontro della relativa documentazione.

Nei casi di esonero per titoli di studio o qualifiche professionali bisognerà allegare all'istanza di rilascio del Permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo copia autentica dei titoli di studio o professionali conseguiti e dei certificati di frequenza richiesta.

Nei casi di cittadino straniero affetto da gravi limitazioni alla capacità di apprendimento linguistico derivanti dall'età, da patologie o da handicap, bisognerà allegare opportuna certificazione rilasciata dalla struttura sanitaria pubblica.





Torna indietro | Stampa questa pagina | Torna all'inizio della pagina

Condizioni d'uso, privacy e cookieDichiarazione di accessibilità