Salta ai contenuti


CittÓ di Torino. Sito web della Divisione Servizi Educativi


CED Consulenza educativa domicialiare


In questa pagina



Men¨ di navigazione generale

CittÓ di Torino > Formazione e Scuola >

Consulenza Educativa Domiciliare

Il Servizio si rivolge alle famiglie in cui Ŕ presente un bimbo in fascia di etÓ 0-5 anni a rischio evolutivo a causa di particolari problemi di disagio sociale, affettivo o comunicativo presenti nel nucleo famigliare o con disabilità accertata, che non frequentino il nido o la scuola dell'infanzia.
La Consulenza Educativa Domiciliare Ŕ un servizio gratuito costituito da insegnanti con una formazione specifica sulle varie disabilitÓ ed offre una presa in carico e un sostegno ai genitori e un intervento di tipo educativo con il bambino, fornendo ai familiari loro il supporto necessario a ricreare condizioni educative e relazionali favorevoli allo sviluppo delle potenzialitÓ del bimbo.
La messa a punto del progetto educativo si avvale di una rigorosa osservazione del bambino, delle sue caratteristiche e dei suoi bisogni in stretto raccordo con i servizi socio-sanitari.
La Consulenza Educativa Domiciliare si colloca all'interno di un progetto complessivo di intervento su handicap e disagio, attuando strategie comuni agli altri servizi, attraverso un lavoro sistematico e unitario di programmazione e verifica dei risultati.
Come si articola l'intervento
L'intervento implica sempre la richiesta formale da parte della famiglia; pu˛ essere attuato, in accordo con i genitori e tenendo conto delle diverse situazioni di gravitÓ, al domicilio o presso la sede della Consulenza Educativa Domiciliare in presenza, preferibilmente, della mamma o del papÓ oppure di persona incaricata dalla famiglia. Di norma si programmano 1 o al massimo 2 interventi settimanali di circa due ore ciascuno; l'avvio del progetto pu˛ avvenire in qualunque momento dell'anno con una sospensione nei mesi di luglio e agosto.
Il Servizio si occupa in particolare di: programmare, insieme ai genitori, stimolazioni educative finalizzate a favorire il pieno sviluppo delle potenzialitÓ del bambino; individuare giochi, sussidi, attrezzi sanitari necessari all'intervento educativo; orientare ed accompagnare la famiglia verso i servizi educativi (nidi, scuole dell'infanzia) e socio-sanitari (Servizi sociali, ASL-Neuropsichiatria infantile, ASL-Servizi di riabilitazione).


Informazioni

Torna indietro | Stampa questa pagina | Condizioni d'uso, privacy e cookie