N. 204

CITTA' DI TORINO
SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE

RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI

REGOLAMENTO ORGANICO E DI SERVIZIO INTERNO DELLA BANDA MUSICALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale in data 4 luglio 1994 (mecc. 9404259/48) esecutiva dal 29 luglio 1994. Modificazioni approvate con deliberazione del Consiglio Comunale in data 10 giugno 1996 (mecc. 9602655/48) esecutiva dal 5 luglio 1996 e deliberazioni della Giunta Comunale in data 27 maggio 2003 (mecc. 2003 03503/048) esecutiva dal 15 giugno 2003, 15 giugno 2004 (mecc. 2004 04749/048) esecutiva dal 3 luglio 2004 e 23 giugno 2009 (mecc. 2009 03871/048) esecutiva dal 11 luglio 2009.

File in formato rtf

INDICE

Articolo  1 - Sede - Fondazione - Coordinamento
Articolo  2 - Compiti e funzioni della Banda
Articolo  3 - Requisiti e candidatura per gli appartenenti alla Banda
Articolo  4 - Personale esterno
Articolo  5 - Disciplina delle prestazioni dei componenti
Articolo  6 - Organico della Banda
Articolo  7 - Il Maestro Direttore: requisiti, nomina e compiti
Articolo  8 - Vicedirettore: requisiti, nomina e compiti - Commissione artistica
Articolo  9 - Attività di gestione
Articolo 10 - Norme generali
Articolo 11 - Archivio, strumentazione e attrezzature
Articolo 12 - Il Gonfalone della Banda
Articolo 13 - Divisa - Trasporto
Articolo 14 - Richiesta di partecipazione della Banda
Articolo 15 - Oneri di trasporto, diritti d'autore e costi di servizio dei musici per le esibizioni fuori sede
Articolo 16 - Norme transitorie e finali


Articolo 1 - Sede - Fondazione - Coordinamento

1.   La Banda Musicale del Corpo di Polizia Municipale della Città di Torino, fondata nel 1979, ha sede legale presso il Comando di Polizia Municipale

2.   Il Comandante del Corpo, che ne detta l'indirizzo per l'utilizzo, incarica un Dirigente del Corpo quale responsabile per la gestione e l'organizzazione della Banda.

Articolo 2 - Compiti e funzioni della Banda

1.   La Banda Musicale rappresenta il Corpo di Polizia Municipale della Città di Torino nelle manifestazioni civili, militari e religiose in sede locale, regionale, nazionale ed internazionale, in armonia con le decisioni dell'Amministrazione Comunale e le direttive del Comando.

Articolo 3 - Requisiti e candidatura per gli appartenenti alla Banda

1.   Possono far parte della Banda Musicale gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale in servizio, idonei al servizio esterno, ed in quiescenza in possesso dei requisiti artistici necessari per espletare tale attività.

2.   Può inoltre far parte della Banda Musicale anche il personale dipendente della Città di Torino non appartenente al Corpo di Polizia Municipale in possesso dei requisiti artistici necessari per espletare tale attività.

3.   Per poter far parte della Banda i candidati dovranno presentare apposita istanza, dopodiché accertate le condizioni di ammissibilità, verranno sottoposti ad apposita prova di valutazione "tecnica".

4.   La valutazione "tecnica" in ordine alle prove è affidata al Maestro Direttore che si esprimerà circa la possibilità di inserimento dei candidati nella Banda dal punto di vista "musicale". Il giudizio del Maestro Direttore è insindacabile.

5.  Superata con esito positivo la valutazione "tecnica", l'assegnazione è di competenza del Dirigente responsabile della Banda.

Articolo 4 - Personale esterno

1.  Per ovviare a carenze dell'organico strumentale la Banda Musicale potrà avvalersi di personale esterno al Corpo di Polizia Municipale, opportunamente selezionato come previsto dall'articolo precedente.

Articolo 5 - Disciplina delle prestazioni dei componenti

1.  Tutte le prestazioni eseguite dai componenti della Banda Musicale e a questa riferite sono effettuate in orario di servizio ordinario e/o straordinario. I componenti durante le prove e le esibizioni, si devono conformare alle norme di comportamento e di disciplina del Regolamento organico di servizio del Corpo di Polizia Municipale, nonché del presente Regolamento.

Articolo 6 - Organico della Banda

1.  L'organico della Banda Musicale del Corpo è il seguente:
-   1 Maestro Direttore;
-   1 Vicedirettore (facente parte dell'organico strumentale effettivo);
-   67 Strumentisti (numero massimo) come dall'organico strumentale di cui al comma seguente.

2.  La composizione dell'ORGANICO STRUMENTALE della Banda è la seguente:
-   3 FLAUTI (con l'obbligo dell'OTTAVINO)
-   2 OBOI (il II oboe con l'obbligo del CORNO INGLESE)
-   2 FAGOTTI (il II con l'obbligo del CONTROFAGOTTO)
-   1 CLARINETTO PICCOLO in Mib (con l'obbligo del CLARINETTO SOPRANO IN Sib)
-   14 CLARINETTI SOPRANI in Sib
-   2 CLARINETTI CONTRALTI in Mib (con l'obbligo del CLARINETTO SOPRANO e del CLARINETTO BASSO IN Sib)
-   1 CLARINETTO BASSO in Sib (con l'obbligo del CLARINETTO SOPRANO IN SIb)
-   1 SAXOFONO SOPRANO in Sib (con l'obbligo degli altri SAXOFONI) (opzionale)
-   3 SAXOFONI CONTRALTI in Mib
-   3 SAXOFONI TENORI in Sib
-   1 SAXOFONO BARITONO in Sib
-   6 TROMBE in Sib (con l'obbligo della CORNETTA e FLICORNO SOPRANO in Sib)
-   3 TROMBONI
-   1 TROMBONE BASSO (opzionale)
-   4 CORNI (o FLICORNI CONTRALTI in Mib)
-   3 EUPHONIUM
-   3 BASSOTUBA
-   1 TIMPANISTA (con l'obbligo delle altre percussioni)
-   1 BATTERIA (con l'obbligo delle altre percussioni)
-   7 PERCUSSIONISTI (di cui 1 con l'obbligo dei TIMPANI, 4 con l'obbligo del TAMBURO IMPERIALE)
-   1 PIANOFORTE (con l'obbligo degli altri strumenti a tastiera) -   (opzionale)
-   1 ARPA (opzionale)
-   2 CONTRABBASSI A CORDA (con l'obbligo del BASSO ELETTRICO) (opzionali)
-   1 PORTABANDIERA (può essere uno dei suddetti strumentisti, con preferenza per gli strumenti non idonei ai servizi di parata e sfilata).

3.  Gli strumentisti che utilizzano strumenti non idonei alla sfilata, hanno l'obbligo di utilizzare uno strumento a fiato o a percussione, e, per le sfilate e le parate, anche del Tamburo Imperiale e del Portabandiera.

Articolo 7 - Il Maestro Direttore: requisiti, nomina e compiti

1.  Il Maestro Direttore deve essere in possesso del diploma in Strumentazione per Banda rilasciato da un Conservatorio di Stato o analogo istituto legalmente riconosciuto.
In assenza di candidati in possesso di tale titolo è considerato di valore equipollente un diploma in uno degli strumenti di cui all'articolo 6 comma 2 del presente regolamento, unitamente ad un'esperienza pratica di direzione bandistica non inferiore ad anni 3. Verranno comunque valutati eventuali ulteriori titoli musicali ed artistici quali lauree e diplomi (sempre afferenti a discipline musicali) rilasciati da istituti legalmente riconosciuti e pubblicazioni con esclusione delle posizioni in esito di concorsi musicali organizzati da case discografiche

2.  Il Maestro Direttore è nominato con apposito atto del Comandante per un periodo di 3 anni rinnovabili e verrà individuato secondo i seguenti criteri di preferenza:
a.   tra il personale appartenente al Corpo di Polizia Municipale in possesso dei requisiti di cui al comma precedente, che presenti esplicita richiesta scritta;
b.   qualora non sia disponibile personale idoneo appartenente al Corpo di Polizia municipale l'incarico potrà essere assegnato ad altro dipendente di ruolo dell'Amministrazione Comunale della Città di Torino, in possesso dei predetti requisiti, che presenti esplicita richiesta scritta;
c.   in mancanza del personale idoneo di cui ai punti a. e b. del presente comma, l'incarico potrà essere conferito a personale esterno in possesso dei suddetti requisiti, secondo le modalità previste dalla normativa vigente in materia di assunzioni o conferimento di incarico da parte della Pubblica Amministrazione. Qualora ve ne sia necessità l'eventuale selezione avverrà a mezzo di commissione, nominata con apposito atto dal Dirigente del Corpo responsabile.

3.  Il Maestro Direttore è responsabile dell'istruzione musicale e dirige le esecuzioni della Banda Musicale, sia i concerti che le parate a carattere militare e cerimonie ufficiali. I componenti sono tenuti ad osservare scrupolosamente i consigli e le disposizioni di natura tecnica ed artistica da questi impartiti. Le mansioni del Direttore sono esclusivamente didattiche e di direzione artistica, musicale e formale. A tal fine dovrà dedicarsi al perfezionamento dei musicisti e degli aspiranti strumentisti, tenendo ed organizzando corsi di approfondimento anche al di fuori del consueto orario di prova. Dovrà altresì dirigere sia le prove della Banda Musicale, che le esercitazioni formali in preparazione di parate militari e cerimonie ufficiali. Al direttore spetta inoltre sovrintendere all'archivio musicale della Banda, assistito da personale incaricato scelto tra gli strumentisti. Egli, essendo l'unico responsabile artistico della Banda, ha il compito primario di preparare a dovere la stessa in modo tale da far ben figurare il Corpo di Polizia Municipale e la Città. Restano escluse dai compiti del Maestro Direttore le attività ed i compiti relativi all'organizzazione ed amministrazione della Banda.

Articolo 8 - Vicedirettore: requisiti, nomina e compiti - Commissione artistica

1.  Il Vice Direttore sostituisce il Maestro Direttore in caso di assenza o impedimento. Deve essere in possesso dell'attestato di compimento inferiore in composizione rilasciato da un Conservatorio di Stato o analogo istituto musicale legalmente riconosciuto, oppure di diploma in uno degli strumenti di cui all'articolo 6 comma 2 del presente regolamento. È nominato dal Dirigente del Corpo di Polizia Municipale responsabile della Banda Musicale, sentito il parere del Maestro Direttore, nella persona del più idoneo tra i membri della banda, in possesso dei titoli di cui sopra, che ne facciano richiesta scritta. Qualora fossero assenti sia il Direttore che il Vicedirettore, in via eccezionale, al fine di garantire il buon fine di un servizio imminente, può essere temporaneamente incaricato su indicazione del Maestro Direttore altro personale, anche esterno, tecnicamente idoneo, che verrà incaricato, per la singola occasione, dal Dirigente.

2.  La commissione artistica della Banda, presieduta dal Maestro Direttore, è composta dal Vicedirettore, dall'incaricato di cui all'articolo 9comma 2 e da tre membri della Banda (segnalati dal Maestro Direttore) ed incaricati annualmente dal Dirigente. La commissione ha compiti consultivi in ordine alla formazione del repertorio musicale, nonché di valutazione e proposte circa l'aggiornamento annuale del medesimo repertorio, in armonia con gli obiettivi prefissati col Dirigente responsabile.

Articolo 9 - Attività di gestione

1.  Fanno parte dell'attività di gestione: i servizi di segreteria; il magazzino; la gestione di tutto il materiale in dotazione alla Banda; le comunicazioni ai Reparti della Polizia Municipale relative alla situazione delle presenze e dei turni di lavoro svolti dal personale assegnato alla Banda; la predisposizione dei servizi della Banda (per la firma del Dirigente); controllo circa l'osservanza degli orari di lavoro e l'aspetto formale di tutto il personale.

2.  Le attività di cui sopra sono coordinate e svolte da apposito incaricato (di norma un Ufficiale di P.M.) che abbia la necessaria preparazione.

3.  L'incaricato è individuato dal Dirigente del Corpo di Polizia Municipale responsabile della Banda Musicale, al quale fanno capo gli obbiettivi e l'attività di cui al comma 1.

Articolo 10 - Norme generali

1.  Gli appartenenti alla Banda, al momento del loro ingresso, sottoscrivono l'impegno formale a prendere parte a tutte le attività della Banda; l'assenza ingiustificata comporterà, oltre l'applicazione dei relativi provvedimenti disciplinari, anche l'allontanamento della Banda. L'impegno richiesto ai componenti è il seguente:
-   partecipazione alle prove settimanali;
-   nei giorni e nelle ore fissate da appositi Ordini di Servizio, la partecipazione alla esibizioni, siano esse nell'ambito del territorio comunale che in altre località da raggiungere in regime di trasferta, come da vigente normativa contrattuale, coi mezzi all'uopo messi a disposizione dall'Amministrazione.
Il personale di P.M.:
-   svolge le prove in orario di servizio;
-   il numero di giorni festivi lavorati in turno (sia nella Banda che in servizi di routine nel Corpo), nel corso dell'anno, non potrà essere superiore a quello degli altri Agenti del Corpo di Polizia Municipale.

2.  Ogni componente è responsabile dello strumento e del materiale avuto in consegna; ne deve avere la massima cura e immediatamente segnalare i danni subiti, sia fortuiti che dovuti all'uso.

Articolo 11 - Archivio, strumentazione e attrezzature

1.  L'archivio della Banda Musicale è composto dalle partiture e dalle parti staccate dei singoli strumenti, dal materiale didattico, dalle registrazioni audio e video di brani musicali nonché dell'hardware e software direttamente impiegato nell'attività della Banda, sia durante le prove che nelle esibizioni pubbliche. Quanto facente parte dell'archivio va debitamente elencato in apposito registro, eventualmente anche su base informatica.

2.  La spesa annua per l'acquisto e la manutenzione di strumenti musicali e attrezzature, compresi gli impianti di amplificazione sonora, l'hardware e il software, sarà stabilita annualmente secondo le esigenze con apposito atto.

Articolo 12 - Il Gonfalone della Banda

1.  La Banda Musicale è dotata di un proprio gonfalone che deve essere sempre presente ad ogni esibizione e manifestazione pubblica.

Articolo 13 - Divisa - Trasporto

1.  Nelle pubbliche esecuzioni i componenti la Banda Musicale indossano la divisa d'ordinanza (ovvero eventualmente altra uniforme se disposto dalla Città), in uso nel periodo stagionale in corso, come da Ordine di Servizio in vigore, salvo eccezioni che saranno comunicate preventivamente. La divisa adottata sarà fornita a cura della Città anche ai musici non appartenenti al Corpo di Polizia Municipale di Torino.

2.  Per il trasporto dei musicanti dovranno di norma essere impiegati mezzi a disposizione dalla Civica Amministrazione. In presenza di inviti ufficiali formulati da Organizzazioni o Enti diversi dal Comune di Torino i mezzi di locomozione necessari per il trasporto dei componenti la banda dovranno essere messi a disposizione dall'Ente organizzatore.

Articolo 14 - Richiesta di partecipazione della Banda

1.  La partecipazione della Banda Musicale a qualsiasi evento deve essere autorizzata.

2.  Le autorizzazioni di cui al comma 1. sono attuate sino alla concorrenza delle disponibilità finanziarie secondo le seguenti priorità:
a.  richieste di concerti e manifestazioni organizzate dalla Città di Torino, dal Corpo Polizia Municipale di Torino, ovvero provenienti dalle Circoscrizioni cittadine con particolare riferimento ad esibizioni da effettuarsi nella Città;
b.  esibizioni, da effettuarsi in città, per manifestazioni pubbliche organizzate dallo Stato, dalla Regione e dalla Provincia;
c.  esibizioni, da effettuarsi in città, non aventi scopo di lucro, organizzate da Associazioni, ed Enti che per il loro valore culturale diano lustro alla Città;
d.  esibizioni, da effettuarsi in città, in occasione di eventi di comprovata "grande rilevanza" e di interesse pubblico;
e.  esibizioni per manifestazioni organizzate dallo Stato, dalla Regione e da altri Enti Locali in altre località, secondo quanto previsto dal successivo articolo 15;
f.  esibizioni esterne di grande rilevanza che diano risalto e lustro alla Città di Torino, da autorizzare con specifico provvedimento motivato.

Articolo 15 - Oneri di trasporto, diritti d'autore e costi di servizio dei musici per le esibizioni fuori sede

1.  Nell'impiego fuori sede, il trasporto dei componenti della Banda e delle attrezzature musicali al seguito avviene in forma collettiva con adeguati mezzi ed eventuale personale di facchinaggio forniti dal richiedente l'esibizione ed a suo totale onere. In casi eccezionali, quando ricorrano particolari esigenze e comunque su motivata istanza, il citato personale può essere autorizzato dal Dirigente del Settore a recarsi fuori sede in forma individuale e con propri mezzi di trasporto.

2.  Costituiscono in ogni caso oneri a carico del richiedente l'allestimento del palco e d'ogni altra eventuale struttura necessaria alle esigenze acustiche dell'esibizione, nonché l'adempimento degli obblighi previsti dalla legge nei confronti della S.I.A.E. per l'assolvimento dei diritti d'autore.

3.  Al fine di determinare l'entità e le modalità del rimborso dovuto dal richiedente l'esibizione a compensazione dei costi sostenuti dall'Amministrazione Civica per l'impiego in servizio fuori sede dei componenti della Banda, nonché i criteri per l'ammissione all'esenzione totale o parziale dei relativi oneri, sono individuate le seguenti tipologie di esibizioni in cui sarà impegnata la Banda:
a)    esibizioni musicali in occasione di manifestazioni in regime di esenzione parziale concessa dalla Città con deliberazione della Giunta Comunale o dalle sue Circoscrizioni con apposita deliberazione, i cui costi di servizio del personale sono posti, per il 50% a carico del richiedente l'esibizione, con le modalità di cui alla successiva lettera d), e, per il restante 50% , a carico dell'Amministrazione Comunale, mediante i propri stanziamenti di bilancio;
b)   esibizioni musicali per manifestazioni organizzate direttamente da Enti o Associazioni, non aventi scopo di lucro, per rilevanti motivi di carattere umanitario, benefico, culturale, religioso o sportivo, in regime di esenzione parziale concessa dalla Città con deliberazione della Giunta Comunale, i cui costi di servizio del personale sono posti a carico del richiedente l'esibizione nella misura forfetaria di Euro 1.000,00;
c)   sono comunque da considerarsi esenti, nel caso in cui sia concesso dalla Città l'intervento della Banda Musicale, tutte le manifestazioni individuate a tal fine nell'ambito degli indirizzi formulati dal Consiglio Comunale, ai sensi dell'articolo 42 lettera f) del D.Lgs. 267/2000. Resta salva, in ogni caso, la facoltà dell'Ente richiedente l'intervento di assegnare contributi volontari per il sostegno dell'attività bandistica;
d)    esibizioni musicali a favore di terzi i cui costi di servizio della Banda sono rimborsati dal richiedente con il versamento di una somma di denaro computata a consuntivo di ciascun servizio in base ad apposito tariffario e preventivo, corrispondente all'ammontare del costo forfettario sostenuto per i musici (compresi gli elementi esterni) e del compenso dovuto al Maestro Direttore.
Le esibizioni di cui al punto d) possono essere autorizzate anche nell'ambito della vigente disciplina per le attività ultronee, a favore di altri enti.

4.  Nell'ambito delle categorie di cui alle lettere a) e b), la concessione dell'esenzione è disposta di volta in volta su richiesta del Capo del Gabinetto del Sindaco, ovvero su richiesta della Circoscrizione deliberante. Sono fatte salve le esibizioni effettuate su iniziativa del Comando del Corpo di Polizia Municipale la cui esenzione, sempre nell'ambito delle suddette ipotesi, è concessa direttamente dal Comando medesimo.

5.  Il tariffario dei costi di servizio del personale da applicare è stabilito con apposita deliberazione della Giunta Comunale in esecuzione degli indirizzi di cui alla deliberazione del Consiglio Comunale annualmente approvato, ai sensi dell'articolo 42, lettera f), del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i..

6.  In sede di proposta di previsione di spesa per il Bilancio di competenza per ciascun anno, ai sensi dell'articolo 16 del Regolamento di contabilità della Città, i competenti Uffici, anche tenuto conto dei risultati raggiunti durante l'anno in corso, degli interventi richiesti ed effettuati e dei relativi oneri sostenuti, provvedono alla predisposizione di un programma di interventi per l'anno successivo che individui le attività da realizzare, le azioni finalizzate al miglioramento qualitativo ed artistico e le relative risorse finanziarie da stanziare.

Articolo 16 - Norme transitorie e finali

1.  Dalla data d'entrata in vigore del presente Regolamento sono da intendersi abrogate tutte le norme, con esso incompatibili od in contrasto, eventualmente contenute in altri regolamenti, provvedimenti e disposizioni comunali, nonché il precedente regolamento organico e di servizio interno della Banda Musicale del Corpo di Polizia Municipale, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale in data 4 luglio 1994 (mecc. 9404259/48).