Sono online gli esiti del bando Work in Sport – Strutture Sportive. Oltre un milione di euro per ammodernare e rendere più accessibili le strutture sportive delle province di Padova e Rovigo. Perché lo sport sia davvero di tutti. Uno spazio formativo per adulti e bambini, in cui socializzare e – attraverso l’incontro con l’Altro – crescere.

Il bando Work in Sport – Strutture Sportive è nato proprio per questo: rendere più accessibili, più efficienti e moderne le strutture sportive, con un’attenzione particolare alle persone con disabilità.

Promuovere uno stile di vita sano e stimolare comportamenti che migliorino il benessere psicofisico dei singoli e delle famiglie è uno degli obiettivi che animano l’attività filantropica della nostra Fondazione.

Per questo motivo abbiamo portato il plafond iniziale a oltre 1 milione di euro – aggiungendo 400.000 euro ai 650.000 inizialmente previsti –per ristrutturare e ripensare gli spazi dedicati allo sport.

La forte esigenza di riqualificazione degli impianti sportivi è testimoniata dall’elevato numero di richieste arrivate. Questo dato, insieme alla qualità dei progetti approvati, ci ha spinto ad aumentare il plafond iniziale.

Per dare una risposta ancora più concreta alle esigenze che le comunità delle due province hanno manifestato partecipando al bando.

I progetti vincitori

Sono 25 i progetti vincitori – su 66 richieste pervenute – per interventi negli impianti sportivi e nelle palestre delle province di Padova e Rovigo che migliorino la vita dei singoli e delle famiglie, affinché diventino veri e propri punti di riferimento della comunità.

Scarica gli esiti

Sicurezza, funzionalità, inclusione sono state le parole chiave che hanno guidato la selezione.

La maggior parte dei progetti selezionati ha dimostrato una particolare attenzione al rendere accessibili le attività motorie alle persone con disabilità sia come sportivi che come spettatori.

Perché lo sport deve appartenere a tutti. Nessuno escluso.

Fonte: fondazionecariparo

(c.a.)