Archivi annuali: 2020

Federico Morlacchi, stella del nuoto paralimpico: «Covid e disabilità, quanti ostacoli: ma andrò a Tokyo»

L’acqua della baia di Tokyo, da qualche giorno, è tornata a rispecchiare alcune figure che erano state mestamente rimosse la scorsa estate. I cinque enormi cerchi olimpici ritirati ad agosto dopo il rinvio dell’edizione 2020, causa pandemia, sono tornati lì, colorati di giorno, illuminati di notte. Come una fiaccola speranzosa, un messaggio di fiducia per i giapponesi e per tutto il mondo. Il 23 luglio è il giorno X, quello dell’inizio della XXXII edizione dei Giochi. Dal 24 agosto, poi, via ai XI Giochi Paralimpici. In questi mesi abbiamo imparato a osservare gli allenamenti casalinghi di atleti che attendevamo in pista, o in acqua, o negli impianti della capitale giapponese. Abbiamo visto allungare, di un anno, l’attesa per nuovi record o nuove rivelazioni. E abbiamo anche capito che a volte l’occasione passa: Tania Cagnotto, per esempio, ha cambiato tutti i suoi piani con la sua seconda gravidanza e l’addio alle gare.
Federico Morlacchi aspetta, come tutti gli altri. Lui è uno degli atleti di punta della spedizione azzurra alle Paralimpiadi, forte di sette medaglie collezionate tra Londra 2012 e Rio de Janeiro 2016, compreso l’oro nei 200 m misti SM9.Ventisette anni appena compiuti (l’11 novembre), un record del mondo (100 farfalla categoria S9, Berlino 2015) da ritoccare, un altro lockdown da gestire nella preparazione dell’evento olimpico. E una vita che per forza di cose è cambiata: «La prima volta che mi sono pesato durante il lockdown di marzo ho capito che mi sarei dovuto mettere a dieta. Ho imparato a fare i dolci e l’inattività ha preso il sopravvento». Marzo era un mese importante per la vita degli atleti, un periodo di cosiddetto carico e di preparazione specifica: «E invece il mio miglior amico è stato un elastico con cui fare gli esercizi. Non mi era mai capitato di fare due mesi interi senza allenamenti in acqua. È stato in qualche modo un’esperienza, ha permesso a me e a molti altri uno stacco mentale non indifferente dal pensiero agonistico». Che però, ora, timidamente, riaffiora, con una data precisa: 24 agosto 2021: «Il tempo per prepararsi c’è. Certo, a marzo ci stavamo preparando per gli Europei. A maggio poi è partita una stagione eccezionale, con impegni serrati e un’estate mai così fitta. E sì, ho ripreso il mio peso forma…».
 
Gli impianti e le piscine chiuse a causa della pandemia, le palestre off limits. Allenarsi, per chi l’atleta lo fa di mestiere, resta però fondamentale: «La vita è cambiata per tutti e ci è toccato fare quello che un atleta fa sempre, nella sua vita e carriera: adattarsi. Oggi, per esempio, devo guidare per qualche chilometro in più rispetto all’anno scorso per andare ad allenarmi. Non tutte le piscine olimpioniche sono aperte, non tutte sono disponibili, non tutte sono prive di barriere architettoniche. L’adattamento è continuo, ma non ci lamentiamo».

continua articolo su: corriere.it

(la)

Il Comitato Italiano Paralimpico e la Lega Navale siglano Protocollo d’intesa per la promozione degli sport nautici

Il Comitato Italiano Paralimpico e la Lega Navale insieme per lo sport solidale. Questo il tema alla base del Protocollo di Intesa firmato da Luca Pancalli, Presidente del Comitato Italiano Paralimpico e dall’AmmiraglioDonato Marzano, Presidente della Lega Navale Italiana. Con la stipula del Protocollo entrambi gli Enti hanno infatti sancito la comune volontà di sviluppare sinergie e rapporti di reciproca assistenza, per la promozione di iniziative ed eventi finalizzati alla diffusione ed alla conoscenza degli sport nautici e della cultura del mare fra le persone con disabilità, favorendone l’avvicinamento alla pratica sportiva. (altro…)

L’EVENTO 3 Run for Autism 2020: il 18 dicembre si corre in tutta Italia con la formula virtual

In un anno cosi complesso, con il distanziamento fisico che per le persone con autismo ha rappresentato ancor di più una limitazione alle difficoltà di inclusione sociale (uno dei parametri più esasperanti per lo spettro autistico), lo svolgimento della Run For Autism sarà un’occasione importante per i ragazzi e ragazze del Progetto Filippide di tutta Italia. (altro…)

Concluso il 3° modulo di formazione integrativa sul ciclismo paralimpico

Si è concluso il 3° modulo del percorso di formazione integrativa sul ciclismo paralimpico, progettato dal Centro Studi e dal Settore Paralimpico FCI. (altro…)

Una nuova sfida: La Convention Nazionale di Special Olympics Italia

Convention Nazionale – Sport: Energia per la vita
Time: Dec 3, 2020 05:00 PM Rome (altro…)

Riforma dello sport: cosa cambia per gli atleti paralimpici

Approvato dal CdM un decreto di riforma dello sport che elimina alcune differenze tra atleti con e senza disabilità sul fronte economico e contributivo (altro…)

Sci disabili: sul monte Cimone un nuovo centro di accoglienza per lo sci adattato

Nel comprensorio del Monte Cimone istruttori, accompagnatori, attrezzature e servizi per lo sci adattato in una nuova baita accessibile a Passo del Lupo per persone con disabilità che vogliano sciare (altro…)

Bebe Vio,novità disabili in riforma grande vittoria Pancalli

La novità prevista dalla riforma dello sport dell’inserimento degli atleti paralimpici nei gruppi sportivi militari è una “cosa su cui Luca Pancalli sta lottando da sempre, essendo stato un atleta. L’ho sentito oggi al telefono ed era entusiasta perché sono riusciti ad ottenere come Cip questo grande grande risultato”. (altro…)

Disabilità, ecco la piattaforma online per fare tutti gli sport a casa

“Vogliamo essere inclusivi al massimo e non lasciare indietro nessuno, a partire dai ragazzi con disabilità che possono fare lezioni di sport insieme con gli altri. (altro…)

– 278 giorni alle Paralimpiadi di Tokyo 2021: L’impatto del COVID sulla disabilità, parla Parsons

Internazionale (IPC) Andrew Parsons ha affermato che i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020 sono fondamentali per affrontare i crescenti livelli di emarginazione e discriminazione che le persone con disabilità stanno affrontando a causa della pandemia COVID-19. (altro…)

Torna su ↑

Torna su