L’iniziativa si chiama “Tambah Emas” e, di fatto, è un programma pubblico di raccolta fondi per gli atleti paralimpici malesi. Obiettivo? Preparare i prossimi Giochi paralimpici di Tokyo 2020. Non si tratta di un’iniziativa spontanea, uno slancio di affetto patriottico bensì di un’idea del Comitato paralimpico della Malesia. Il che mostra evidentemente i vincoli finanziari istituzionali ai quali questo comitato nazionale deve sottostare.  Il vice primo ministro, Wan Azizah Wan Ismail, ha detto che spera che le multinazionali e il pubblico stesso possano contribuire al fondo per consentire a più atleti possibile di conquistare medaglie ai prossimi Giochi giapponesi. “Vorrei congratularmi con l’MPM per tutti gli sforzi volti a promuovere il movimento paralimpico nel nostro paese. Il governo supporterà sempre e fornirà varie risorse al meglio delle proprie capacità per il movimento in Malesia” ha affermato parlando al Wheel Walk Fun Run in concomitanza con la celebrazione della Giornata internazionale delle persone con disabilità a livello nazionale. Il lancio dell’iniziativa si è svolto al Kampung Pandan Paralympic Sports Excellence Center e, all’evento, hanno partecipato anche il ministro della Gioventù e dello Sport Syed Saddiq Syed Abdul Rahman, il mecenate MPM Tun Jeanne Abdullah e il presidente dell’MM SM Nasarudin SM Nasimuddin. L’obiettivo da raggiungere entro il 2020 è di 5 milioni di ringitt, che valgono 1 milione di euro. Il dott. Wan Azizah, che è anche ministro delle donne, della famiglia e dello sviluppo della comunità, ha dichiarato che il successo della Malesia alle Paralimpiadi di Rio 2016, dove la nazione asiatica ha vinto 3 medaglie d’oro per la prima volta nella storia, è la testimonianza degli sforzi di tutti i protagonisti coinvolti. Ha detto anche che lo sport ha dato alla comunità delle persone con disabilità l’opportunità di essere coraggiosi, socievoli, di raggiungere una grande sicurezza e autostima. Nel frattempo, il dott. Wan Azizah ha anche promesso che il suo ministero realizzerà diversi programmi per persone con disabilità, tra cui due studi incentrati sulle opportunità di impiego e sui sistemi di supporto dei cosiddetti “caregiver”. Citando le statistiche pubblicate dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2011, in media il 15% della popolazione di un paese comprende persone con disabilità. Dal 31 ottobre 2018, un totale di 488.948 persone con disabilità sono state registrate dal Dipartimento di previdenza sociale malesiano: l’1,5% della popolazione del paese.

Fonte: incodaalgruppo.gazzetta.it

(s.c./l.v.)