Dal 21 al 24 novembre si disputa a Verona la decima edizione della competizione cestistica europea per atleti con sordità. E’ la Deaf International Basketball Federation – Dibf EuroCup 2018 che, quest’anno, vede la partecipazione di squadre provenienti da Israele, Inghilterra, Russia, Grecia, Ucraina, Polonia, Germania, Svizzera e Italia.

In arrivo nella città scaligera 16 squadre, 10 maschili e 6 femminili, per un totale di 9 nazioni coinvolte. Quattro giorni di grande basket che metteranno Verona, sede del campionato europeo, a confronto con l’australiana Melbourne, che negli stessi giorni ospiterà il torneo asiatico.

Sedi della manifestazione, l’Agsm Forum, i palazzetti di Quinto e del Consolini e, in sede staccata, il palasport di Villafranca. Da mercoledì 21 novembre, incontri a partire dalle 9. Semifinali venerdì 23 e finali, di entrambe le categorie, sabato 24 novembre.

La manifestazione è organizzata dalla Dibf, nata nel 1998 per promuovere il basket per atleti con sordità, in collaborazione con l’Amplifon Fabriano e l’Accademia Allenatori, con il supporto della Federazione Sport Sordi Italia, European Deaf Sport Organization, ente Nazionale Sordi, Comitato Italiano Paralimpico e i Comuni di Verona e di Villafranca. Informazioni e programma completo delle partite sul sito www.2018dibfeurocup.com.

Il programma della manifestazione è stato presentato dall’assessore allo Sport Filippo Rando. Presenti l’assessore allo Sport del Comune di Villafranca Luca Zamperini, l’organizzatore locale della manifestazione Davy Mariotti, il consigliere Federale Fssi Massimiliano Bucca, il delegato Cip provinciale di Verona Rolando Fortini, il vice preside del liceo Nani Boccioni Stefano Manni, il presidente Fip Verona Roberto Bevilacqua, il responsabile Marketing Scaligera Verona Andrea Sordelli, il vice presidente Accademia allenatori Asd Fabio Manzoni.

“Una nuova competizione di livello internazionale – sottolinea Rando –, che siamo onorati di ospitare nella nostra città. Un ricco programma di appuntamenti che, oltre a mostrare un grande gioco del basket, porrà l’attenzione sui problemi collegati alle disabilità uditive”.

Fonte: tgverona.it

(s.c./l.v.)