Sabato 5 e domenica 6 maggio si sono svolti a Torino, presso la piscina Trecate, i Giochi regionali Special Olympics di nuoto. Squadre di tutto il Piemonte hanno partecipato con i propri atleti, tecnici, accompagnatori e volontari, riempiendo spalti e spogliatoi. Ognuno ha avuto la possibilità di sentirsi protagonista. Tutti immersi in un clima di divertimento e sano agonismo. Molte facce diverse, tutte felici di partecipare, con un po’ di tensione pre gara.

Anche il team sportivo di Settimo Torinese, Filgud, ha rinnovato la sua partecipazione, la dodicesima dal 2007. Come sempre grazie al sostegno del Rotary, di Giancarlo Amberti, direttore provinciale Special Olympics, e alla dottoressa a.s. Barbara Fantino, responsabile dell’area disabili dei servizi sociali Unione NET.

I 28 atleti si sono cimentati nei diversi stili, dai 10 m assistiti ai 100 m misti, e nelle staffette 4x25m e 4x50m. A partire dalle gare preliminari, ciascuno ha nuotato al meglio delle sue possibilità, ha tifato per i propri compagni di squadra e dimostrato di essere, prima di tutto, un atleta. E così, pieni di entusiasmo e di un’energia vibrante, domenica hanno conquistato una dietro l’altra più di 20 medaglie d’oro, quasi 10 d’argento, qualcuna di bronzo e, per tutti, una medaglia di partecipazione.

I nostri ragazzi sono quasi tutti atleti storici di Special Olympics.

Noi no, conosciamo questa realtà solo da pochi mesi, ci siamo tuffati dentro una volta diventati volontari di servizio civile. Seguiamo tutti gli allenamenti settimanali, aiutiamo tecnici e organizzatori, osserviamo ogni singolo miglioramento e non smettiamo mai di stupirci della loro bravura e del sostegno reciproco che sanno darsi. Con questi Giochi regionali, però, noi ci siamo portati a casa qualcosa di grande valore, forse più di quello di una medaglia.

Abbiamo visto i ragazzi misurarsi in una struttura diversa da quella familiare, dove ci si allena costantemente durante l’anno. Misurarsi con se stessi, affrontare le proprie paure e, se si riesce, sconfiggerle.

Fonte: giornalelavoce.it

(s.c./c.v.)