Nata senza metà arto, – avambraccio e mano sinistri – ma con una volontà che va oltre l’ostacolo impostole dal destino, Margherita Borsoi -11 anni di Falzè di Piave – è campionessa pluripremiata di taekwondo e – nella sua disciplina – unica atleta disabile in Italia a misurasi con avversari normodotati.

Dal 2012 Margherita Borsoi fa parte – insieme a Bebe Vio – della Onlus Art4sport, un’associazione nata per avvicinare bambini e ragazzi disabili allo sport fornendo loro anche protesi specifiche. E’ stata insignita del riconoscimento di “Alfiere della Repubblica” da parte del presidente Sergio Mattarella.

Nel Quindicinale in uscita in questi giorni la storia di Margherita, che grazie al suo coraggio e alla sua bravura è riuscita a superare tutti gli ostacoli.

Fonte: oggitreviso.it

(s.c./c.v.)