Archivi mensili: Aprile 2018

Rivoluzione pallanuoto: ecco i Delfini blu, la prima squadra per disabili e normodotati

Terzo posto per i ragazzi a Piacenza durante il torneo nazionale “Pallanuoto per tutti”. Il team è nato da un’idea di psicologi e psicoterapeuti. “Bello provare tutti le stesse emozioni”

“AVEVO un compito molto importante, gestire nel miglior modo possibile la mia squadra”; dosa le parole Nicolò Bonsignore, 16 anni, capitano dei “Delfini Blu”, prima squadra palermitana di pallanuoto composta da giocatori autistici e normodotati, che si è conquistata un buon terzo posto a Piacenza, al primo torneo nazionale di questo genere, dal titolo “Pallanuoto per tutti”. Nicolò è uno dei sette ragazzi speciali che ha messo tutto se stesso in campo, per portare a casa il risultato. Adesso è emozionato e le parole stentano a uscire. Sorride Nicolò, poi aggiunge. “Rimanendo concentrato ho vinto la mia sfida”

La formazione dei Delfini Blu è integrata con altri cinque giocatori normodotati “prestati” da società pallanuotistiche palermitane, tre del Telimar (serie A-2) e due della Rari Nantes Palermo (serie C). “E’ un’emozione strana – dice Gregorio Messina, 17 anni – riuscire a giocare insieme con questi ragazzi, provare le stesse emozioni, impariamo anche noi qualcosa da loro, riusciamo a capire altre cose di noi, riusciamo a far parte di un gruppo meraviglioso. Siamo tutti uguali”. La squadra palermitana ha chiuso il torneo al terzo posto con una vittoria, due pareggi e una sconfitta, dietro ai lombardi della Waterpolo Ability, all’Octopus Roma, e davanti al Kosmo Piacenza padrone di casa e al Don Calabria di Verona.

Il team è nato lo scorso settembre da un’idea di psicologi e psicoterapeuti che seguivano i ragazzi autistici, tra cui Marina Bellomo, vicepresidente dei “Delfini Blu”. Un’idea sposata a pieno dai genitori dei ragazzi e dall’associazione ParlAutismo. “L’integrazione è stata naturale, la squadra si fortifica di giorno in giorno”, dice Blasco Di Maio, alla guida del team insieme a Riccardo Guaresi.

“E’ stata un’esperienza esaltante  – commentano i due tecnici -. I ragazzi sono stati bravissimi e in vasca si è creata davvero una straordinaria integrazione fra autistici e normodotati. Siamo forse andati anche al di là delle aspettative e i ragazzi sono usciti dalla piscina di Piacenza con un entusiasmo incredibile, consapevoli di avere iniziato un percorso che è solo al primo passo. Potevamo anche vincere il torneo, ci è mancato davvero poco, ma oggi è già una vittoria per tutti essere qui con questi splendidi ragazzi e la loro grande voglia e determinazione. Vogliamo ringraziare anche Massimo Giacoppo, nostro conterraneo, che è entrato pienamente nello spirito del torneo ed è stato prodigo di preziosi consigli”. Sorridono e si abbracciano tra loro adesso questi ragazzi speciali, perché l’integrazione si fa anche con una palombella.

Fonte: repubblica.it

(s.c./m.l.)

Sport disabili, splendide giornata per l’AS.S.Pro.Ha. Vis Cordis ai Regionali di atletica leggera

Ottime prestazioni per l’AS.S.Pro.Ha. Vis Cordis, nell’impianto “Atletica CONI” di Latina, al campionato regionale di atletica leggera per società FISDIR – CIP. All’evento hanno partecipato circa 50 atleti rappresentanti delle società delle Province di Latina e Roma. (altro…)

I BRADIPI BOLOGNA VINCONO IL CAMPIONATO GIOVANILE

I Bradipi Circolo Dozza Bologna si aggiudicano il titolo di campione d’Italia nel campionato giovanile di basket in carrozzina per il secondo anno consecutivo. (altro…)

Scampia, il disabile in carrozzina taglia il traguardo della maratona

Lungo le strade del quartiere Scampia si è conclusa la prima maratona di 10 km, che ha ricordato il giovane napoletano Ciro Esposito, ucciso quattro anni fa a Roma nel corso di una manifestazione calcistica. (altro…)

Invincible Diving: pronte palestra subacquea ed imbarcazioni per i disabili

Domenica 29 aprile l’associazione sportiva “ASD INVINCIBLE DIVING CERNOBBIO ”, che da anni promuove l’attività subacquea a favore delle persone con disabilità, con il patrocinio del Comune di Cernobbio, presenterà diverse novità per il primo bacino del Lario: (altro…)

Per promuovere lo sport nelle scuole arriva: “Tutti in gioco”

Attività inclusive multidisciplinari svolte direttamente nelle scuole coinvolgendo un maggior numero di studenti – 2200 delle primarie e 700 delle secondarie – e impegno diretto delle associazioni. (altro…)

“Michele è nato con il pallone in mano” e ora va ai Mondiali Special Olympics

Michele “è nato con il pallone in mano”, così han detto i genitori raccontando la sua storia.

Alla nascita pesava oltre 3 kili per 51 cm. Un bel bambino, la gioia della sua famiglia, dei genitori e di sua sorella Laura che lo aspettava con gioia e con un pizzico di gelosia, poco a poco sostituito da un amore incondizionato. (altro…)

Gabriele, il runner non vedente: «Mi guida la mano di mio figlio»

Oristano, corrono uniti da una cordicella: puntiamo alla maratona di New York. Andrea: «Da piccolo mi mancava sugli spalti alle partite, ma ora questo sport è solo nostro» (altro…)

Margherita, la bambina ninja che ha battuto anche la disabilità

Nata senza metà arto, – avambraccio e mano sinistri – ma con una volontà che va oltre l’ostacolo impostole dal destino, Margherita Borsoi -11 anni di Falzè di Piave – è campionessa pluripremiata di taekwondo e – nella sua disciplina – unica atleta disabile in Italia a misurasi con avversari normodotati. (altro…)

Briantea84: sesta finale scudetto consecutiva!

SEVESO – È la sesta finale scudetto consecutiva della UnipolSai. Dal 2013 la squadra canturina è sempre in corsa per il tricolore, questa volta al termine di una serie di semifinale fatta di sudore, (altro…)

Torna su ↑

Torna su