Dare attraverso lo sport un’alternativa ai ragazzi della periferia romana che vivono in situazioni difficili. Questo l’obiettivo della società ASD Roma 2007 Arvalia Pallanuoto che questa mattina ha presentato ufficialmente in Campidoglio la stagione agonistica 2014.

 

La convinzione della società, che nel 2013 ha deciso di unirsi alla giovane società Arvalia che opera presso la piscina comunale US Acli di Corviale, è «attraverso l’attività sportiva si possano trasmettere sani principi e valori come lo spirito di squadra, il raggiungimento di un obiettivo attraverso il sacrificio».

 

L’Asd Roma 2007 è impegnata anche sul tema della disabilità. «Per questo che grazie anche alla mascotte della squadra, Andrea, un ragazzo di 23 anni affetto dalla sindrome di down, è nata l’dea che lanciamo oggi di formare gruppi per la promozione della ‘pallanuoto integratà – ha spiegato Claudio Butera, consigliere ASD Roma 2007 – per favorire le relazioni dei ragazzi con disabilità psicofisiche.

 

Un obiettivo che abbiamo intenzione di sviluppare già a partire dalla prossima estate». Per Umberto Soldatelli, vicepresidente del comitato regionale Coni Lazio, «Oggi al centro di questa iniziativa c’è un tema per noi fondamentale: essere riusciti a portare l’attività agonistica rivolta al sociale legato ai ragazzi diversamente abili.

 

Ringrazio, inoltre, l’assessorato dello Sport di Roma Capitale perchè le società hanno percepito in questi mesi la perfetta simbiosi che c’è tra il Coni regionale e l’assessorato allo Stile di vita ed è questo il messaggio che vogliamo trasmettere, ovvero di tranquillità e tutela verso un lavoro sempre più sinergico».

 

Fonte: online-news.it