Il desiderio di pratica e competizione sportiva è sempre stato forte nelle persone colpite da disabilità. Per questo motivo diverse federazioni e associazioni si sono impegnate nell’organizzazione di attività ricreative ed agonistiche, dando vita a progetti rivolti a chi si trova in condizioni di svantaggio.

 

Le numerose iniziative legate al binomio sport-disabilità sono tutte fondate sui tradizionali valori veicolati dallo sport: integrazione, rispetto per l’avversario, solidarietàe spirito di team. Per approfondire la tematica, ecco un percorso dedicato.

Rieducare e riabilitare i portatori di handicaps fisici e mentali, mediante l’impiego del cavallo e promuoverne la pratica equestre a scopo ricreativo e sportivo.

 

Sito istituzionale dell’HSA, Handicapped Scuba Association.

La vela per tutti, la barca a vela per battere l’handicap.
Promuovere ed attuare progetti nel campo della prevenzione del disagio giovanile, della disabilità, dell’emarginazione sociale, delle tossicodipendenze e della disoccupazione, con l’intenzione, tra l’altro, di realizzare un percorso di promozione del benessere e di integrazione sociale con l’uso, come mediatore, dello sport della vela tra i giovani.

Special Olympics è un programma internazionale di allenamento sportivo e competizioni atletiche per più di un milione di ragazzi ed adulti con ritardo mentale.

 

Raggruppa le Associazioni Italiane che utilizzano le attività veliche a fini educativi e di prevenzione e cura del disagio psichico, fisico e sociale e per la promozione della qualità della vita.

 

Fonte: salutesulweb.paginemediche.it