L’iniziativa della torinese Anna Rastello, ex atleta del mezzofondo e madre di una ragazza paralizzata dopo un incidente stradale

 

Tutto iniziò nella notte tra il 12 e il 13 aprile 1997 sul viadotto “Piani”, lungo l’autostrada A26 dei Trafori. Sembrava un viaggio come tanti altri, ma, all’improvviso, chi era alla guida dell’auto perse il controllo della vettura: Marcella, una bambina di 8 anni, venne sbalzata fuori dall’auto e cadde dal viadotto, alto 28 metri. Isoccorritori, anche a causa dell’oscurità, non riuscivano a trovare Marcella. In quei terribili minuti la mamma,Anna, fece un voto, promettendo che, se sua figlia fosse stata ritrovata viva, lei sarebbe andata a piedi sino a Lourdes. Da tre anni, Anna Rastello, torinese, atleta mezzofondista in gioventù, onora quella promessa, con l’iniziativa “Il Cammino di Marcella”.

 

Nel 2011 il “Cammino” è iniziato il 26 febbraio da Sarzana (La Spezia) ed è terminato l’8 maggio al Colle pirenaico del Somport, al confine tra la Francia e la Spagna, dopo 72 giorni e 1600 chilometri percorsi a piedi. Ma il Cammino per Anna non è terminato.Quei 1600 km sono stati solamente il preludio del cammino metaforico, che prosegue, alla ricerca di unnuovo sguardo sulla disabilità. Nel 2011, al termine dell’iniziativa, realizzata con il patrocinio delMinistero per le Pari Opportunità e di numerosi Enti pubblici (tra i quali la Provincia di Torino), si è voluto dare visibilità alle realtà incontrate, pubblicando un libro e realizzando un film documentario, con l’apporto professionale del fotografo Riccardo Carnovalini, che ha filmato l’intero viaggio.

 

Nel 2013, dal 3 al 26 luglio, Anna e Riccardo ritornano a camminare fisicamente in un itinerario tutto dedicato al Piemonte e diviso in 21 tappe, presentato stamani a Palazzo Dal Pozzo della Cisterna, sede della Provincia di Torino. Erano presenti Anna Rastello, la Presidente regionale del ComitatoParalimpico Italiano Silvia Bruno ed il Vice-Presidente e Assessore allo Sport della Provincia di TorinoGianfranco Porqueddu. Ad Anna Rastello e Riccardo Carnovalini potranno unirsi, anche soltanto per una tappa, tutti coloro che condividono il progetto. L’intento è quello di rappresentare simbolicamente il cammino che la società intera deve percorrere per accettare la disabilità di ciascuno senza porre ulteriori barriere (mentali, psicologiche, fisiche e architettoniche) che creano una più grave condizione di handicap. Anna Rastello e Riccardo Carnovalini cammineranno e incontreranno esperienze da raccontare e da unire virtualmente, per dare il giusto risalto a idee e buone pratiche da applicare alla vita quotidiana.

 

GLI INCONTRI

Sono previsti incontri quotidiani, organizzati in collaborazione con le amministrazioni pubbliche,per suscitare interesse e proposte sulle strategie necessarie a costruire una nuova cultura della disabilità, partendo dal basso, con piccoli e rivoluzionari esempi. Ogni incontro prevede la proiezione di alcune sequenze del film documentario “Il Cammino di Marcella”, scelte di volta in volta per alimentare i dibattiti che si innescheranno spontaneamente con il pubblico presente. Negli incontri pubblici, si coinvolgeranno persone, associazioni, rappresentanti del mondo politico che abbiano compiuto azioni per superare l’handicap, in particolare nell’ambito sportivo o artistico. Saranno momenti di riflessione aperti a tutta la cittadinanza, ma con la partecipazione privilegiata dei dipendenti degli assessorati che hanno come compito precipuo la creazione di un diverso approccio alla disabilità (sport, educazione, tempo libero, pari opportunità). Si parlerà di trasversalità dei diritti, per raggiungere una pari opportunità non solo di facciata, ma di fatto, che ponga le basi per la crescita di una cultura sociale che permetta a tutti l’esercizio di quelle attività sportive e artistico–culturali in cui spesso le persone con disabilità fanno fatica a essere realmente parti attive.

 

LE GIORNATE DI SOSTA

Nei tre Comuni in cui è prevista una giornata di sosta si organizzeranno, in collaborazione con i rappresentanti delle istituzioni pubbliche locali, due momenti di riflessione. Il primo, in mattinata, sarà unbarcamp dedicato ai ragazzi, in particolare quelli della scuola secondaria inferiore, con il coinvolgimento delle strutture (oratori, centri comunali, centri privati) che organizzano l’Estate Ragazzi. È prevista la presenza di Marcella, ora psicologa, che risponderà alle curiosità e ai dubbi dei ragazzi a partire dalla propria esperienza personale, filtrata e rafforzata dalle competenze professionali. Il secondo momento sarà organizzato in collaborazione con il comitato regionale del CIP (il Comitato Paralimpico Italiano) e proporrà una serie di esperienze per un diverso approccio al mondo della disabilità.

 

LO SPETTACOLO TEATRALE “IL CAMMINO DI MARCELLA”

Il 23 giugno alle 21 nel salone-teatro della Parrocchia Crocetta di via Marco Polo 6 a Torino è stato messo in scena per la prima volta lo spettacolo teatrale “Il Cammino di Marcella”: un mix tra monologhi tratti dal libro omonimo, le musiche originali che formano la colonna sonora del film documentario e alcuni contributi video. La sceneggiatura e la realizzazione dello spettacolo sono a cura dell’AssociazioneTeatroSequenza.

 

L’OSPITALITÀ

Per le soste notturne è stata privilegiata l’ospitalità in case private, per poter conoscere e dare visibilità alle storie di donne, uomini, associazioni e comunità che hanno saputo creare le condizioni per permettere alle persone disabili di vivere il proprio quotidiano dando risalto alle doti e alle capacità di ciascuno. Nella ricerca dei punti di ospitalità sono coinvolte le amministrazioni comunali, le associazioni locali, l’associazione SERVAS ed il portale couchsurfing

 

IL RACCONTO DI UN NUOVO PERCORSO

Il Cammino si muoverà su un circuito che avrà Torino come punto di partenza e d’arrivo, unirà percorsi già segnati e conosciuti o ancora da conoscere e promuovere. Verranno segnalate sul sito le tratte che possono essere percorse senza fatica da coloro che debbano viaggiare con la carrozzina,manuale e/o elettrica. L’itinerario proposto potrà diventare una via che persone alla ricerca di una “pausa diriflessione” potranno percorrere per conoscersi meglio e per confrontarsi con i propri limiti fisici e mentali, partendo da casa propria, infilandosi le pedule e mettendosi lo zaino in spalle, senza dover affrontare lunghi viaggi di andata e ritorno. Camminando e raccontando l’esperienza, Anna e Riccardo vogliono far apprezzare la bellezza del muoversi tra paesi e città percorrendo il più possibile strade lontane dal cemento e dall’asfalto, per incentivare nuovamente l’amore per il mondo che ci circonda, nella consapevolezza che il paesaggio è la nostra casa e il nostro bene culturale più prezioso. Il cammino verrà documentato e raccontato e sarà un contributo concreto alla crescita del turismo a bassa velocità, a basso impatto e a basso costo. Immersi in paesaggi straordinari e attraversando aree di grande interesse ambientale, si cercheranno di ripercorrere anche strade percorse da antichi pellegrini, raccontando che la bellezza è ovunque e che la lentezza aiuta ad apprezzarla.

 

IL FORMAT E LA COMUNICAZIONE

Il viaggio avrà una forte connotazione mediatica, per trasmettere a un gran numero di persone il messaggio che sta alla base dell’iniziativa. Sul sito web www.camminodimarcella.movimentolento.itsaranno pubblicati quotidianamente il diario di viaggio e le fotografie. L’evento verrà anche inserito sui principali social network, come Facebook e Twitter. Inoltre Riccardo Carnovalini fotograferà e filmerà cammino e incontri: il materiale servirà per realizzare una mostra fotografica ed uno spettacolo di improvvisazione teatrale che racconteranno l’esperienza a partire dalle immagini e dalle parole dei protagonisti.

 

L’ITINERARIO DEL “CAMMINO DI MARCELLA” 2013

– 23 giugno spettacolo inaugurale

– 3 luglio Torino-Moncalieri

– 4 luglio Moncalieri-Carignano

– 5 luglio Carignano-Moretta

– 6 luglio Moretta-Saluzzo

– 7 luglio Saluzzo-Bra

– 8 luglio Bra-Alba

– 9 luglio Alba-Asti

10 luglio sosta ad Asti con eventi

– 11 luglio Asti-Castagnole Monferrato

– 12 luglio Castagnole Monferrato-Casale Monferrato

– 13 luglio Casale Monferrato-Vercelli

– 14 luglio Vercelli-Novara

– 15 luglio sosta con eventi a Novara

– 16 luglio Novara-Oleggio

– 17 luglio Oleggio-Borgomanero

– 18 luglio Borgomanero-Omegna

– 19 luglio Omegna-Borgosesia

– 20 luglio Borgosesia-Mosso

– 21 luglio Mosso-Biella

– 22 luglio sosta con eventi a Biella

– 23 luglio Biella-Ivrea

– 24 luglio Ivrea-Caluso

– 25 luglio Caluso-Chivasso

– 26 luglio Chivasso-Torino

 

Fonte: campioni.cn